martedì 19 marzo 2019

Giovanili Inter: sogno di una notte di quasi primavera

Pubblichiamo il report sulle giovanili nerazzurre di questa settimana. Primavera impegnata nel Torneo di Viareggio, che "ci rimanda ad oggi l’immagine di una squadra legittimamente in difficoltà per le defezioni importanti dovute a convocazioni in prima squadra, nelle rappresentative nazionali e a infortuni."Difficile quindi dare una valutazione su una squadra nella quale mancano vari titolari e sono presenti molti ragazzi che di solito giocano con la Berretti oppure addirittura tra gli Allievi (es. Stankovic). Nella foto (Gazzetta) uno scatto dei ragazzi durante la vittoria contro l'Apia per 2-1 (Mulattieri, Vergani).

Il sogno, ovviamente è quello di un accesso alla CL, possibilmente senza una sofferenza estrema, come accaduto nella scorsa stagione (e sarebbe un passo avanti notevole, considerando che quest’anno abbiamo avuto  gli impegni di CL prima ed EL poi, oltre a qualche… problemino disciplinare).

Il week end non era cominciato bene per i nostri colori.

La Primavera, per quanto molto rabberciata, aveva faticato  a qualificarsi per la seconda fase al torneo di Viareggio, arrivando solo seconda in un girone davvero non proibitivo.

Sospeso il campionato dell’Under 18 e per noi dell’Under 17, l’attenzione del pre derby si concentrava sui due confronti diretti che opponevano Inter e Atalanta a livello di Under 16 e Under 15

Alle 12.00 di domenica, all’Enotria, i ragazzi di mister Annoni si giocavano l’ultima chance di conquistarsi un posto per la fase finale.


Hanno subìto un’autentica lezione di calcio da una squadra che era quasi matematicamente fuori dalla zona qualificazione e che anche dopo questa vittoria deve battere il Verona nello scontro diretto di domenica prossima per arrivare solo vicino al quinto posto, che potrebbe risultare utile.


In teoria l’Atalanta, battendo il Verona, potrebbe fare il nostro gioco, permettendoci, in caso di vittoria a Ferrara, di raggiungere gli scaligeri al quinto posto, precedendo sempre l’Atalanta di un punto.

Il problema però è che la Spal, seconda in classifica e con una partita da recuperare, è molto più forte di noi.

Servirà dunque un doppio miracolo per evitare un’autentica débacle quale non ricordo da tempi immemorabili per la nostra rappresentativa di giovanissimi nazionali.

Al di là di questo, ciò che preoccupa è l’ennesima prova deludente del gruppo e la constatazione che non sembra si stiano preparando individualità eccellenti (secondo la vulgata per cui a livello giovanile conta far crescere i singoli, non il risultato. Peccato però che i risultati non vengono se non hai anche dei singoli forti).

Mangio un toast al volo e mi precipito a Interello pieno di speranze per un’inversione di tendenza di una domenica che si è aperta in modo preoccupante per i nostri colori.

Vado abbastanza sul sicuro: siamo primi in classifica e i bergamaschi sono secondi a 11 punti.

Un abisso che dovrebbe venir ribadito dal campo, tanto più che, non giocando l’U17, la squadra può schierarsi al completo.

Invece vedo giocare una squadra sola, e non è la nostra, perché l’Inter si limita a rispondere con folate offensive anche insidiose ma sempre all’insegna della giocata di qualche individualità (nello specifico Gnontò e Magazzù).

Assisto al loro meritato vantaggio e al nostro pareggio, su rigore, nel secondo tempo, prima che, espulso Zanotti, l’ottimo Gerardi sia costretto nel finale a un intervento prodigioso che salva il pareggio e ci avvicina alla vittoria del girone.

Forse è il segno che in questa domenica tumultuosa qualcosa sta cambiando rispetto agli inizi poco promettenti, anche se il pareggio, alla luce della classifica (ma non del gioco visto in campo) deve essere considerato un altro passo falso, almeno parziale.

Come non bastasse, arriva poi la notizia di una vittoria, stentatissima, per 1-0, degli Under 14 sul campo della Cremonese quart’ultima.

Per uno scaramantico come me (solo quando si parla di calcio) un segnale ambiguo.

Di positivo, infatti, c’è la progressione: sconfitta, poi pareggio, poi vittoria stentata e.si chiuderà la serie con una vittoria clamorosa?

Questa è la speranza, ma si deve considerare anche l’aspetto negativo, costituito dal fatto che nessuna delle nostre formazioni scese in campo ha fornito una prestazione convincente.

Se si considera poi che l’aspettativa per il match clou non è certo delle più tranquille, perché con una rosa ridotta all’osso abbiamo giocato di giovedì e fornito in EL una prova disarmante per pochezza e sterilità; che l’ambiente (solo esterno, spero) è scosso dalle polemiche; che si parla addirittura di... ultima cena per il mister e di  ribaltamento della rosa in estate, si capisce perché la mia attesa sia piena di inquietudini.

E’ vero, rispetto a giovedì cambiamo quattro giocatori e qualche confermato (segnatamente Perisic) dovrebbe aver migliorato la propria condizione.

Ma il Milan viene da 5 vittorie consecutive, ha l’entusiasmo di chi sta scalando la classifica, avendoci anche superati dopo essersi trovato a meno -8  e ha potuto prepararsi alla gara per tutta la settimana.

Ovvio che in questa situazione un tifoso umorale come me non si aspettasse nulla di buono, anche se nel calcio davvero vale il detto ‘spes ultima dea’.

Ma io sarei stato più tranquillo se avessi dovuto affidarmi alla consapevolezza di una squadra forte, quadrata e in forma, piuttosto che confidare negli umori volubili della sorte.

Invece alla fine la prestazione della squadra è stata nettamente superiore alle mie aspettative, almeno fino al 3-1.


E se il fischio finale è stato per me una liberazione (come credo per tutti) significa che la strada non è spianata, che ci sarà da combattere minuto per minuto nelle partite che restano, ma oggi abbiamo una speranza in più che non è solo di tipo numerico, ma si fonda soprattutto su una ritrovata consapevolezza.


Molti mi considerano un bastian contrario.

Sono più… indulgente con me stesso, a me piace stemperare quelli che considero eccessi, in un senso o nell’altro.

Non eravamo una squadraccia ieri, non siamo già qualificati per la CL o addirittura terzi, oggi.


Questo vale anche per i singoli: anche a me piacerebbe avere tutti campioni, ma per il momento devo tenere quelli che ho, tifare per loro, evitare di denigrarli in modo gratuito.

E anche evitare di esaltare smodatamente chi ha delle grandi qualità ma deve ancora crescere.

Poi, certo, c’è chi preferisce un tipo di giocatore e chi un altro. Ma questo è un altro discorso

Sul derby ci sarebbe tantissimo da dire, a ogni livello: dallo schieramento alla ‘tattica’ dalle cose positive a qualche limite emerso comunque e sul quale lavorare ancora, dalle prestazioni individuali alle valutazioni degli allenatori.

Ho letto in giro valutazioni e letture che considero inaccettabili, ma mi sono imposto di di tenere per me le mie considerazioni.

Perché in molti casi mi ripeterei e susciterei altre polemiche delle quali forse anche per l’età non ho più voglia.

Perciò, condivisa con gli amici del blog la gioia per questo successo, meglio passare rapidamente a qualche considerazione sulle nostre giovanili.

La Primavera


Il torneo di Viareggio ci rimanda, ad oggi (domani è un altro giorno e si vedrà…) l’immagine di una squadra legittimamente in difficoltà per le defezioni importanti dovute a convocazioni in prima squadra, nelle rappresentative nazionali e a infortuni.


Nella partita col Braga, l’unica che ho visto, titolari a tutti gli effetti si possono considerare rispetto alla formazione iniziale, solo Zappa, Schirò e Colidio.

Sono scesi in campo anche due berretti: Rossi e Gianelli oltre a numerosi altri che hanno giocato più in Berretti che in Primavera.

Contro il Cagliari erano quasi tutti titolari (tranne Ballabio, e nel finale Attys).  E’ stata forse, almeno in relazione al risultato, la prestazione migliore.

Contro l’Apia invece largo ai Berretti, con in campo addirittura Stankovic (allievo) Serpe, Ballabio, Attys, Gianelli, Rossi.

In tutte e tre le gare è sceso in campo Vergani (in gol contro l’Apia)  che dovrebbe essere recuperato a pieno titolo alla Primavera, dopo il periodo di ‘purgatorio’ in Berretti, terminato con la sospirata firma del contratto.


Proprio questa è la notizia più confortante tra quelle venute sino ad ora del Viareggio.


Adesso Edo deve lavorare tranquillo e recuperare il tempo perso. Poi vedremo se il rinnovo è propedeutico al fatto che l’Inter punta su di lui oppure prelude a una vendita.

Intanto un aspetto positivo è senza dubbio costituito dalla possibilità offerta ad alcuni Berretti di cominciare a misurarsi con un calcio più impegnativo.

Un’altra notizia positiva dell’ultima ora è il successo dell’operazione a cui si è sottoposto Adorante, anche se per lui la stagione è finita.

Ad Ado comunque va tutto il nostro sostegno morale.

Dei Berretti, fermi come squadra per la sospensione del campionato, abbiamo indirettamente già parlato.

Confermo di aver visto ultimamente segnali di miglioramento abbastanza confortanti in vista delle fasi finali (sarà un po’ svalutato, ma è pur sempre un titulo, come ci ha ricordato il Milan che qualche anno fa, per vincere, ha schierato l’intera formazione Primavera, eliminata in campionato).

Individualmente i progressi più interessanti m sembrano quelli di Serpe, Attys, Rossi, Mitrea  e Gianelli.


Poi naturalmente molto dipenderà dai giocatori che il mister avrà a disposizione: ultimamente hanno fatto bene anche alcuni 2002 come Verzeni e Cancello.

Sabato, alle 14.30 a Interello avremo una nuova verifica, contro il Piacenza, ma bisognerà vedere, se saremo ancora impegnati a Viareggio, chi sarà a disposizione di mister Corti.

Campionato Under 17


Non siamo scesi in campo perché avevamo anticipato la gara contro il Padova, vinta per 2-1.

L’Atalanta, che è seconda a 9 punti ma deve recuperare due partite, ha appunto rinviato al 4 aprile la prova di domenica scorsa.

Il Milan terzo a 12 punti e a parità di partite, appare in crescita, avendo vinto anche a Ferrara, il che gli ha consentito di staccare la Spal, quarta.

Mancando due partite alla fine, come primi o secondi saremo qualificati direttamente per la finale a otto,  insieme a juve, Atalanta appunto, Roma e Napoli, mentre la sesta uscirà da un serrato confronto nel girone A che vede impegnate Genoa Fiorentina Empoli e Torino.

Le altre passeranno attraverso gli spareggi.

La grande favorita di questo campionato è la Roma, i cui numeri sono impressionanti: ha totalizzato sette punti più di noi, perdendo una sola partita e soprattutto segnando 112 gol, contro i nostri  52.

Anche considerando che gli ostacoli probabilmente sono stati diversi, si tratta di cifre impressionanti.

Sembra certo che recupereremo per le finali Oristanio (mi ha confermato personalmente che dovrebbe rientrare entro 2-3 settimane), mentre per Boscolo non c’è nulla da fare e  Seba Esposito sarà difficile rivederlo in categoria…

Giovedì a Interello gli U17 giocheranno un’amichevole con la rappresentativa regionale Lombardia (ore 15.30), mentre Venezia - Inter, gara di campionato del prossimo turno, è stata rimandata a data da destinarsi.

Campionato Under 16: Inter - Atalanta 1-1 (Magazzù)


Devo ammettere di aver provato una certa delusione assistendo al pareggio interno di questa squadra contro l’Atalanta.

Non tanto per il risultato in sé (un pareggio con i bergamaschi ci può sempre stare) ma per la superiorità di gioco e di manovra mostrata dagli orobici nonostante noi fossimo praticamente al completo.

Forse nel computo delle occasioni ne abbiamo avute più noi, ma sono state quasi sempre costruite giocando palle lunghe per le punte, molto insidiose ma anche controllatissime (dell’Atalanta prenderei subito il difensore centrale Scalvini: fisico impressionante, sicurezza e autorevolezza sbalorditive).

I primi 20’ sono stati di studio, con una prevalenza offensiva dei nostri, ma poi su una ripartenza Oliveri imbrocca il gol della domenica (un tiro a giro dalla posizione di centro destra) e porta in vantaggio i suoi.

La reazione dei nostri non porta frutti immediati e si va al riposo in svantaggio.

Nella ripresa, dopo 3’ un mani in area provoca il rigore che Magazzù trasforma per il pareggio.

I nostri non trovano la forza di ribaltarla e anzi nel finale Gerardi deve esibirsi in un bell’intervento su conclusione ravvicinata di Zuccon.

SeS titola:

"Atalanta in forma, Magazzù decide il pari. Grande prova della difesa orobica".


Queste le pagelle del settimanale:

Gerardi 7 salva il risultato allo scadere

Zanotti 6 prende un rosso evitabile (Prestazione al di sotto del suo standard, ndr)
Lonati 6.5 gioca bene in anticipo
Cepele 6.5 fa il suo lavoro da centrale e si rende pericoloso in avanti
Peruchetti 6.5 ci mette molta intensità


Fabbian 6.5 copre bene la sua zona
De Milato 6.5 detta bene i tempi (Anche 7, ndr)
Benedetti 6.5  corre molto per la squadra


Peschetola  6.5 cerca sempre lo spiraglio giusto. Gli manca il gol.


Magazzù 7 gol e tanta cattiveria agonistica
Gnontò 7 grande lavoro per la squadra. Attaccante multiforme

Subentrati Casadei 6.5, Pezzini, Pucci, Chierichetti sv

Dopo un’amichevole col Renate (giovedì a Bruzzano, ore 14.45) la squadra sarà impegnata in campionato, a Ferrara, solo domenica 31 marzo.

Campionato Under 15:  Inter - Atalanta 1-3 (Sarr)


Non c’è nulla da fare, questa squadra può anche far registrare qualche modesto miglioramento ma resta un gruppo costruito in modo poco fortunato.

Dopo alcune buone prestazioni, anche  contro squadre che stazionano nelle prime posizioni, domenica è emerso nettamente tutto il divario che la penalizza nei confronti dell’Atalanta.

I bergamaschi nonostante la classifica sono un gruppo fortissimo, coeso, con valori elevati in ogni ruolo e con qualche punta di eccelsa qualità (Biral, Ndour, cioè le due mezze ali).

Questo anche se, a mio parere, Bonucci ha responsabilità sui primi due gol, entrambi rasoterra non irresistibili sui quali più che tuffarsi si è adagiato mollemente.

Per altro lo stesso Bonucci è stato protagonista di due ottimi interventi alti.

Dopo il primo vantaggio orobico, un proiettile di Bonavita viene fermato con la mano in area e Sarr realizza il rigore conseguente.

Subìto il nuovo vantaggio bergamasco, l’Inter avrebbe ancora l’occasione per pareggiare.

Ma Pelamatti, di testa, mette a lato da buona posizione. E arriva subito il 3-1 che chiude il match.

Scrive giustamente SeS: “da questo momento l’Atalanta nasconde letteralmente il pallone ai ragazzi di Annoni e con l’Atalanta a controllare escono i limiti dei nerazzurri, incapaci di proporre giocate qualitativamente sufficienti”.

Pagelle:

Bonucci 6.5 sorpreso da Muhameti, si riscatta di reni (Per me 5.5, ndr)

Marocco 6.5 bloccato per necessità. Non tira mai indietro la gamba
Schiavo 6 soffre il rapido Stabile
Peretti 6 più a suo agio

(Per me i due centrali insufficienti, ndr)

Perin 6.5 coraggio nella ripresa

Menegatti  6 parte ispirato poi si spegne
Motti  6 un passo indietro
Bonavita 7 capisci perché Annoni gli affida la fascia
Pelamatti 6.5 si divora il 2-2 ma è tra i più frizzanti

Gambato 6 ricorda Coman e ha talento, manca la cazzimma, però
Sarr 6 fatica a trovare la posizione

(Curatolo 6 ci prova).

Io darei mezzo voto in più ai 3 attaccanti, poco serviti ma i primi due mi sembrano in chiaro progresso, mentre Curatolo… è sempre Curatolo.

Ora, come ho detto prima bisogna provare ad andare a vincere a Ferrara per avere qualche piccola speranza.

Venerdì amichevole col Giana, a Interello alle 15.45.

Il mercoledì successivo sempre a Interello amichevole con la Rappresentativa Lombarda e il 31 marzo il difficile match di Ferrara.

Campionato Under 14: Cremonese - Inter 0-1 (Owusu)


Con l’Atalanta fuori dai giochi (ma fra un paio d’anni, non so com’è, la ritroveremo ai vertici…), il derby di domenica prossima deciderà il campionato.

Lo giocheremo in casa, presumibilmente all’Enotria.

Da notare che domenica contro il Renate (che 3 settimane fa ci ha imposto lo 0-0), il Milan ha vinto 7-1.

Chivu ha schierato questa formazione (tra parentesi i voti di SeS):

Raimondi 7

Mariani 7.5
Stabile 7 (Brugarello sv)
Stante 7
Motta 6.5 (Parazzini 6.5)

Itraloni 6.5 (Fossati 7)
Di Maggio 7
Ricordi 6.5 (Figini 6.5)

Owusu 8
Martins 7 (Molteni 6)
Gallo 7 (Esposito 6)

Campionato Under 13:  Inter - Atalanta 2-2 (Tosku, Mastai)


Per vincere matematicamente il campionato basta un punto che dovremmo ottenere domenica  a Busto Arsizio, contro una Pro Patria che è buona squadra ma ha 21 punti meno di noi.

L’Atalanta infatti, staccata di 5 punti ha ancora due partite da giocare (noi 3).

Terminando anche a pari punti (ma non credo che accadrà) vinceremmo comunque noi.

SeS titola:

“Inter, ormai basta un punto. L’Inter non ammazza il campionato, ma l’Atalanta non accorcia.”


Nel testo si parla di ottima partita equilibrata giocata bene dalle due squadre con rapidi scambi palla a terra.

Queste le pagelle:

Andreoli 6.5 trasmette sicurezza
Faggiano 7 prestazione di grande sostanza
Mastai 7 sigla una rete di fondamentale importanza
Milan 6.5 con lui non si passa
Garavello 7 presente in ogni zona del campo
Tigani  7 concentrato e con grinta
Carnelli 6.5 mancino delicatissimo
Cecchini 6 mai chiamato in causa
Tosku 7 gran gol
Lavelli 6.5 cavalca lungo la fascia
Meroni  7 non smette mai di correre

SETTORE PRE-AGONISTICO


Girone 1 (Esordienti 2006, per i nostri 2007)

Inter - Ausonia 7-1 (Mancuso 2, Idrissou 2 Mosconi, Ciardi, Balduzzi)

Inter a punteggio pieno.

Seconda in classifica, ma deve recuperare due partite

Prossima gara Forzacoraggio - Inter.

Girone 4 (Esordienti 2006, per i nostri 2007)

Inter - Vittuone 8-0 (Diop 2, Murante 2, Sironi, Artesani, Affronti, Crotti)

Inter prima in classifica e a punteggio pieno.

Diop vice cannoniere.

Prossima partita: grande match al vertice, Pro Sesto - Inter.

Girone 14 (Pulcini 2007, per i nostri 2008)

Inter - Pavia 2-0 (Pavan, Loukou)

Inter prima in classifica e a punteggio pieno

Ballone capocannoniere con 11 gol in 5 partite.

Prossima partita: Romano Banco - Inter.

Girone 16 (Pulcini 2007, per i nostri 2008)

Inter - Cimiano 6-0 (Medina, Zeneli, La Torre, Vukaj, Garganico, Sorino)

Inter prima in classifica e a punteggio pieno.

Prossima partita: Vigevano - Inter.

Luciano Da Vite

190 commenti:

  1. RispondiElimina
    Wustber19 marzo 2019 09:26

    dopo 2 giorni si parla ancora di fuorigioco oppure no

    secondo me può essere interpretabile la posizione di Platek

    il concetto grave però è un altro nel dubbio il gol è stato concesso

    insomma a noi nelle situazioni più o meno interpretabili per qualche oscuro motivo va sempre male..
    RispondiElimina
    Markellen819 marzo 2019 09:36

    Per me se non è fuorigioco quello allora si può togliere la regola del fuorigioco
    Vergognoso così come il non rosso a conti è la punizione che genera il gol del 2-1
    RispondiElimina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clinamen19 marzo 2019 13:04

      Dato che ormai è in Italia da tempo, consiglierei vivamente al nostro presidente di fare qualche sforzo per parlare in italiano. L'altra sera in TV è stato molto bravo, mi sembra che abbia detto delle cose interessanti. Se le avesse dette in italiano, sarebbe stato ancora più bravo
      RispondiElimina
      Risposte

      Emiliano D'Aniello19 marzo 2019 13:48

      Oppure potrebbe organizzare dei corsi (gratuiti però) di cinese per tutti noi tifosi. :)

      Comunque mi sa che il ragazzo sia talentuoso. Probabilmente mastica un po' di italiano, si lancerà quando sarà pronto.
      Elimina
      rinaieskj19 marzo 2019 14:25

      Basta chiedere

      https://www.infocina.net/corso/01-fonetica-buongiorno.html

      Miglior corso gratuito di cinese online

      Elimina
    2. Rina a me viene sempre in mente Benigni nel film "Il mostro". :)

      Elimina
    3. Non lo ricordavo assolutamente:-)

      Elimina
  2. Alla Viareggio Cup inter con il 352 e formazione sempre molto rimaneggiata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luciano, ma secondo te a questo punto non sarebbe il "caso" di non giocarlo proprio più questo torneo? Immagino che quello che vale per l'Inter sia comunque in generale un discorso che prende tutte le altre squadre o comunque quelle più importanti.

      Elimina
    2. Però ripristinare la condizione fisica e mentale di Vergani dopo il rinnovo può essere un un aspetto positivo. Un'altra freccia buona al nostro arco per il finale di stagione primavera, ha le doti per farcela

      Elimina
  3. sarebbe meglio riqualificarlo. Le partite della fase finale restano comunque interessanti. poi, ad esempio può essere utile per testare qualche 2001. Certo che il test sarebbe più sigificativo sel'insieme della squadra fosse competitivo

    RispondiElimina
  4. a Viareggio rappr.serie D 0-Inter 2, praticamente finita (1 minuto), Nolan, Vergani su rigore.

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con te Luciano, esprimevo un punto di vista drastico, diciamo così, bisognerebbe ridare lustro e maggiore attenzione al torneo ma per farlo va reso più appetibile e magari spostato in un momento più favorevole per permettere a tutti di affrontare la cosa con la giusta competitività .

    RispondiElimina
  6. Ci sono due ordini di problemi:

    a Viareggio (come altrove) mancano i soldi, per cui le grandi squadre straniere non vengono

    per cercare di migliorare i risultati delle selezioni nazionali giovanili, si è gonfiato in modo enorme il numero di partite e convocazioni per le rappresentative stesse.
    Questo consente a 20 giocatori di avere momenti formativi molto più numerosi.
    Le altre centinaia di givoani di possibile interesse nazionale, vedono invece comprimersi i loro spazi: meno tornei e meno qualificati; lo stesso campionato sacrificato in modo importante alle esigenze delle selezioni azzurre, falsato nei valori che esprime.
    Io non entro nel merito se l'attuale politica sia giusta o meno, mi limito a segnalare l'esistenza del problema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la Youth League penso abbia contribuito ad abbassare il livello del Viareggio, purtroppo.

      Elimina
  7. Torneo Viareggio Inter-Bruge venerdì ore 14

    RispondiElimina
  8. Fantastico gol di Tore Esposito in Italia Belgio, valido per la fase finale èlite. Italia in vantaggio dopo neppure 5'.Scuola Inter non delude. Forza ragazzi

    RispondiElimina
  9. Sempre 1-0 dopo venti minuti. In campo anche Bettella (capitano) e Salcedo. partita in diretta su YouTube

    RispondiElimina
  10. Icardi rientra in gruppo. Bentornato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo. Se non pace almeno armistizio sino a giugno.
      Poi si vedrà. Magari, in un attacco di ottimismo, la vicenda (il non essere "indispensabile" ma "solo" molto utile) lo convincerà a migliorare, tecnicamente come giocatore (disponibilità) e nei comportamenti (esterni al campo, i social eccetera). Magari...

      Elimina
  11. Speriamo che no succeda come l'anno in cui al Milan che dominava il campionato senza Altafini aventiniano, tornò Altafini e crollò, perdendo il campionato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordi lontanissimi...
      Ma situazioni diverse.
      Io non credo che Icardi torni come salvatore della Patria, anzi, dovrà guadagnarsi il posto.
      Se poi non faranno, chi più chi meno, i professionisti...

      Elimina
    2. Anche Altafini no è tornato come il salvatore della Patria, infatti il Milan senza di lui era primo in classifica con un grande vantaggio e al suo posto giocava un giovane centravanti, se non ricordo male, Gastone Bean

      Elimina
  12. Spero di vedere Lautaro ad aprire spazi per icardi. Sarebbero devastanti, ora che Lautaro ha assunto un nuovo status.

    Grande pistocchi sul giornalismo prono agli agnelli.

    Zaniolo è arrivato a valutazioni stratosferiche, in meno di un anno...

    Io spero tanto lo si provi apprendere, anche se penso che andrà alla juve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente non lo riprenderei

      Elimina
    2. Alle cifre chi si dicono mai.
      A me sembrano impazziti.

      Elimina
    3. A me piacerebbe molto se tornasse, per me ha le potenzialità per diventare fortissimo, ma Fabio, tu perché non lo riprenderesti?

      Elimina
    4. Ovviamente, 60 milioni sono folli.
      30-35 mi paiono congrui
      Così come per barella.
      Chiesa un poco più, ma certamente non 60-70

      Elimina
    5. Non lo riprenderei per le cifre di cui si parla essendo ora ipervalutato; perche si e dimostrato poco attaccato e rispettoso con l'inter; perche è un buon giocatore, ad oggi non un fenomeno;

      Elimina
  13. Ho ricevuto il testo di una presunta dichiarazione rilasciata da Sturaro su ciò che accadeva alla juve. Se non è un falso si preparano giorni nerissimi per la società degli ovini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove l'hai ricevuta? Farmacia?

      Elimina
    2. Ma dichiarazione rilasciata a chi? Autorità giudiziaria?

      Elimina
  14. Ho controllato: come pensavo si è rivelato un falso

    RispondiElimina
  15. Luciano, ce l'ho anche io. Ma sembra proprio sia un fake..

    RispondiElimina
  16. Sono tre le vittorie della società di Preziosi (sic!) negli ultimi cinque confronti casalinghi, corredate da altri risultati positivi in casa come fuori, con la società tristemente famosa in tutto il mondo per le peggiori nefandezze perpetrate ai danni del calcio italiano ed europeo.
    Sarà anche una falso, solo perché il giocatore a cui vengono attribuite certe affermazioni tiene famiglia, e certamente sa che molte porte nel suo futuro si chiuderebbero a doppia mandata.
    La giustizia ha bisogno di prove inconfutabili, non chi ha seguito domenicalmente per lunghi anni le vicende di questo calcio in metastasi crescente.
    Alle soglie dei sessant'anni ne ho viste oltremisura e davvero ad oltranza (ricordo solo la Juve di Trap con veri valori sportivi nei protagonisti in campo, non certo nei vertici societari) per avere anche solo il minimo dubbio sulla loro integrità morale ed etica.
    Dal 26 aprile 98, come Moratti, non metto più piede nel loro stadio e sarei uscito subito dopo lo scandaloso rigore capovolto in una manciata di secondi dopo una serie interminabile di decisioni pazzesche di Piero Ceccarini, vero uomo chiave di una sfida che avremmo dovuto stravincere. Purtroppo, come a tantissimi altri tifosi schifati, non mi è stato concesso di abbandonare lo stadio ad oltre un quarto d'ora dal termine di quella farsa e dovetti trangugiare veleno in quella galera fino ad oltre un'ora dopo il fischio finale.
    Dovremmo solo "calcisticamente" ignorarli, come faccio ormai da molti anni anche in ambito lavorativo con tifosi che al di là del loro "strano" modo di vedere calcio sono, seppur in minoranza, anche persone affabili.
    Con la nostra rabbia e l'odio che manifestiamo nei loro confronti non facciamo altro che rafforzare il loro delirio di onnipotenza.
    Sogno un'Inter che riempia tutti gli stadi e lasci i settori assegnati ai nostri tifosi deserti quando le nostre strade si incrociano in casa e fuori, sono certo che un simile modo di agire, se ben organizzato, avrebbe ampio risalto nei media di tutto il mondo ed il nostro esempio farebbe proseliti tra i tifosi di molte altre squadre.
    Fino a quando il tifoso, componente essenziale del calcio, non si ribella con sdegno e decisioni forti, l'andazzo sarà questo o forse peggio, non aspettiamoci che siano le parti malate a cambiare lo stato delle cose. Questa, è ormai assodato, è solo utopia.
    Forza Inter sempre e comunque.

    RispondiElimina
  17. https://youtu.be/iVCE2f1k1Yc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricostruzione interessate, minuziosa, anche ragionevole.
      Non so se 'fedele'. A quanto mi risulta incompleta.
      Fosse andata così tutte le parti in causa (Icrdi ma anche i suoi avversari di spogliatoio e Spalletti, sarebbero dei bambini indegni di guadagnare tanti soldi per curarsi solo delle piccole beghe e dei risentimenti personali. per vicende poi di nessuno spessore obiettivo

      Elimina
    2. Purtroppo alcuni comportamenti sono da "bambini indegni".
      Alcuni ventiseienni, altri trentenni o poco più, altri più grandi, persino sessantenni.

      Elimina
  18. Non ho letto questa cosa di Sturaro, cercherò sul web.

    Ammesso fosse vera la suggestione di cui si parla da mesi, cosa pensereste dell'eventuale scambio tra Dybala e Icardi? Magari limitiamoci all'aspetto tecnico in senso stretto. Non penso che si farebbe né che lo farei, sono solo curioso di sapere se Dybala secondo voi sarebbe un buon sostituto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso si tratti di uno scherzo, organizzato da un buontempone. Dal mio punto di vista (molto particolare) scambio improponibile se vuoi tenere lautaro, come penso. Una coppia centrale Dybala Lautaro non mi entusiasmerebbe affatto. A meno di cambiare gli altri 8 (o almeno 5-6) e di chiamare Guardiola ad allenarli

      Elimina
    2. Grazie della risposta Luciano. Non credo al cambio tra Icardi e Dybala, mi domandavo semplicemente se secondo voi l'attaccante della juve sarebbe stato il giocatore "adatto" a completare il nostro reparto offensivo e sostituire (eventualmente) Icardi. Uno scambio tra i due secondo me è inverosimile.

      Elimina
  19. Certo che per Icardi andare dai gobbi sarebbe un indiscutibile
    miglioramento: gli basterebbe subire un quarto dei falli che prende da noi per avere il quadruplo dei rigori. E ogni tre, anche uno in omaggio.

    RispondiElimina
  20. Dopo la schifezza che hanno combinato lo scorso anno a noi e al Napoli ho deciso che la Juve non la guardo più. Neanche gli highlight. Ho una certa età e devo conservare bene il fegato che mi resta. Quando il calendario sostiene che si debba giocare Inter Juve per me c'è scritto "giornata di riposo".
    La Juve non esiste. è solo un'emanazione di quell'entità chiamata Male.

    RispondiElimina
  21. Da quando il livello della Juve si è alzato, dybala ha trovato difficoltà Mi pare abbia limiti di personalità , che Icardi non ha. Tecnicamente non si discute.

    Continuo a sperare che si formi definitivamente la coppia Lautaro - Icardi: secondo me sarebbe di livello mondiale.

    Che Spalletti non riesca a farlo, mi pare un limite

    Il mio attuale sogno di mercato è il trio barella, zaniolo, chiesa

    RispondiElimina
  22. Risposte
    1. Magari, ma quella è fantascienza.
      Il mio super sogno è Mbappe : avrebbe un impatto a livello mondiale, come accadde con Ronaldo.
      Altro che cr7

      Elimina
    2. Griezmann, o giocatori similari, dall'estate prossima, credo, non siano più da ritenersi fantascienza, direi piuttosto che mi sorprenderebbe il contrario.

      Elimina
  23. Qualcuno sa se Gambato, pur essendo nato in Etiopia, è stato adottato da italiani e quindi convocabile in azzurro?

    RispondiElimina
  24. Non sono certo, ma credo di si

    RispondiElimina
  25. Ciao Luciano di solito in questo periodo dell'anno iniziano ad uscire i nomi dei possibili nuovi ragazzi delle giovanili oltre a qualche straniero per primavera e under17 hai qualche notizia?

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

  27. Surf, qualche notiziola qua e là c'è, ma si tratta di voci e nulla di clamoroso.Spero che i veri 'colpi' si facciano senza i provini (come furono Odgaard, Colidio, Zaniolo). L'arrivo di Zinho ed Emmers invece l' ho saputo in largo anticipo per merito del grande Casi e del procuratore

    RispondiElimina
  28. Buona partita amichevole oggi, contro la selezione dei migliori giocatori lombardi.
    In campo per i nostri una mista 2002-2003, a causa delle numerose assenze di giocatori dell’Under 17.
    Schieramento iniziale:

    Tononi
    Cortinovis Sottini Airoldi
    Alcides Benedetti Sangalli Tinazzi Di Marco
    Cancello Akhalaia.

    Partita combattuta, vinta con pieno merito (2-0 Cancello, Alcides) e a tratti con un bel gioco.

    Qualche giocatore un po’ fuori ruolo, Benedetti 2003, Akhakaia in prova.
    Nel secondo tempo (migliore) sono entrati De Milato Pucci Branzini e Politi
    Difesa sempre attenta e pronta nelle chiusure.
    Centrocampo che nel primo tempo ha risentito della mancanza di amalgama, ma efficace nella ripresa, quando al capitano Sanga, si è affiancato De Milato, che parla la sua stessa lingua tecnica (scambi di prima, palla a terra, non come unica ma principale soluzione di gioco). Bene anche Pucci.
    Attacco con un buon Cancello, nel secondo tempo un attivo Politi e il provino Akhalaia

    Il primo gol nasce da una discesa di Benedetti sulla destra, con doppio bellissimo scambio in corsa, sul breve, con Akhalaia e assist per Cancello, perfetto nella conclusione.
    Poi Akhalaia ha una buona occasione ma si fa recuperare all’ultimo istante.
    Nel secondo tempo grande traversone di Di marco e perfetto stacco di Edu, che insacca di forza e precisione.
    Quindi Akhalaia salta anche il portiere in dribbling, ma questo lo atterra menda dietro mentre sta adagiando la palla in rete
    Rigore. Capitan Sanga invita affettuosamente Akhalaia a batterlo ma il giocatore tira angolato ma non fortissimo e il portiere salva.
    Quindi un gol dello stesso Akhalaia viene annullato per fuori gioco.
    Queste in estrema sintesi le azioni decisive.

    Tononi: arrivato con grande fama (aveva già esordito in C) non aveva iniziato bene ma si era subito infortunato. Poteva essere una buona occasione per valutarlo, ma non è stato mai impegnato
    Alcides: ottima prova, sia nelle chiusure sia quando si spinge in avanti
    Cortinovis: solita sicurezza
    Airoldi: prova sicuramente positiva
    Sottini: in continuo progresso
    Di Marco: superiorità straripante
    Benedetti (2003): non si nota l’anno in meno. Molta fisicità
    Sangalli: il capitano c’è sempre, quando poi trova qualcuno con cui scambiare…
    Tinazzi: fuori ruolo, ma si arrangia
    Cancello: molto determinato e anche incisivo
    Alkhalaia: fisico straordinario. Possiede nmeri ma anche una timidezza che non permette di considerarlo pronto per il nostro campionato. Se lo prendono, dovrà venir molto rafforzato muscolarmente e agonisticamente. Oggi gli manca la cattiveria della punta.
    De Milato (2003): conferma di saper giocare a calcio, eccome. Pippo e il Sanga insieme farebbero un’ottima coppia, soprattutto se entrambi mettessero un po’ di chili.
    Pucci (2003): gioca da centrocampista avanzato e si mostra molto intraprendente
    Politi (2003): insidioso e veloce
    Branzini (2003) gioca solo qualche minuto in amichevole. Non si può pretendere molto

    RispondiElimina
  29. Ad oggi non c'è molto di importante, almeno alivello di voci che arrivano a me.
    Potrebbe arrivare Divine (che però non sta facendo benissimo, mi pare 3 gol anche se gioca sotto età) .
    Poi arriverà sicuramente il 2004 già preso dal Renate, che fa qualche alelnamento con noi
    Potrebbe arrivare (ma non subito un attaccante 2004 fortissimo ma al momento non può venire per via diretta).
    Sempre non ricordo se 2004 o 2003 ho visto un centravanti dell'Ecuador, che ha un gran fisico, ma mi sembra da rivedere.
    Si dice, ma purtroppo sono solo voci poco attendibili di un fortissimo terzino 2002 del Verona, poi c'è questo Akhalaia, che è qui da tempo, ha già giocato un paio di amichevoli e resterà fino a giungo. Mi ha detto lui stesso che non ha firmato.
    Poca cosa, come vedi, rispetto ai movimenti che (spero) dovranno essere ben più consistenti numericamente e qualitativamente

    RispondiElimina
  30. Nella seconda fase degli Europei U17, ieri 2-0 alla Turchia firmato Esposito e Moretti, in campo anche Pirola e Squizzato.
    Bonfanti non utilizzato, vai Seba, continua così.

    RispondiElimina
  31. Visto ora l'1-0, questo ragazzo dimostra di avere davvero il gol nel sangue, ha tutto, destro, sinistro, colpo di testa, grande facilità di corsa e capacità tecnica da vendere, deve solo continuare a lavorare come credo stia facendo, con la testa sulle spalle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo.. È un talento purissimo da far crescere senza pressioni da proteggere e tutelare. Di sicuro ci darà soddisfazioni nei prossimi anni ma non dobbiamo fargli bruciare le tappe che potrebbe essere deleterio per la sua crescita

      Elimina
  32. E gli agnelli di confermano come cellule cancerogene del calcio europeo.
    Mi fanno ribrezzo e paura

    RispondiElimina
  33. Ho assistito al primo tempo, poi me ne sono andato a Interello: non c'era nulla da vedere....

    RispondiElimina
  34. Pare ottima la partita di sala con l'under 20. Considerando il grande campionato con l'Arezzo sicuramente farà il salto di categoria! Da vicino personalmente mi aveva convinto molto di più di Zaniolo, oltre a grande tecnica e corsa il ragazzo ha tanta testa e concentrazione. Se mette su forza e resistenza diventa un fior fiore di giocatore...ed é questa la prima speranza! La seconda è con rientri in cervellotiche operazioni (es. per dzeko)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'impressione é che abbia più personalità del talentuosissimo ma fragile Grassini ma su questo Luciano può fornire ulteriori ragguagli

      Elimina
  35. Grassini è sicuramente più fragile proprio al puto di vista fisico.. Prima del grave infortunio Grassini era titolare il nazionale, mentre di Sala il selezionatore, a mia domanda rispondeva: è fortissimo, ma non può ancora competere cotro certe bestie (in senso positivo) straniere.
    Sala ha tutto per riuscire, tranne un po' di potenza, ma un anno di C ad alto livello lo ha sicuramente migliorato.Voglio bene a entrambi e mi è difficle fare paragoni ma se proprio dovessi scegliere uno che farà più carriera OGGI direi Sala

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credi sia più forte anche a livello mentale? Tatticamente mi sembrava un filo più attento sala in fase difensiva anche se, in termini assoluti (per quel che vale il termine per un dilettante come il sottoscritto) grassini ha forse più estro

      Elimina
  36. A livello mentale non saprei, è un discorso complesso, bisognerebbe prima mettersi d'accordo sul significato delle parole. Sala fa meglio la fase difensiva, ma Grass è più giovane ha meno esperienza e ha perso più di un anno di lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto. Mi riferisco con mentalità a determinazione e spirito di reazione sostanzialmente. Probabilmente anche la leadership é un attributo che si può predicare del sostantivo in questione. E altri ancora

      Elimina
  37. Buonissima prova di Lautaro, titolare nell'argentina, nonostante la sconfitta, condita da un bel gol. Sicuramente il piu pericoloso dell'albiceleste, ispirato da un Messi che disegna calcio pur passeggiando in campo.

    RispondiElimina
  38. pessime notizie, sempre che siano anticipazioni credibili, nell parte finale di questo articolo: "
    Inter-Icardi non sarà addio, arriverà un’altra punta. Ausilio? Rinnovo una formalità e occhio al mercato" su fc Inter 1908.

    Un mercato 'non faraonico' anche se abbastanza azzeccaro, non potrà che aumentare il gap nei confronti cdi chi può spendere tantissimo (e alcune cifre di acquisti che circolano sono impressionanti).
    Spero che le restrizioni finanziarie non riguardino almeno i giovani. da questo timore è nata la mia perplessità sull'apprezzamento di alcuni Berretti in campo a Viareggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il termine mercato faraonico, senza quantificarlo in cifre dice poco o nulla. La capacita di spesa di una squadra e sempre data dal fatturato... E non puo prescindere da questo.
      A cio vanno aggiunte le cessioni.
      E ovvio che in caso di cessione di icardi si potra reinvestire parte della plusvalenza in contratti pluriennali.
      Stesso discorso per l'accesso o meno alla champions (che porta una 50ina di milioni)
      A mio avviso senza icardi avremo un mercato da circa 100/150 mln. Mantenendo icardi avremo un mercato non da 50/100

      Elimina
    2. Questo ipotizzando l'entrata in champions...

      Elimina
  39. Fossero vere avremmo la risposta definitiva sulla credibilità della proprietà. Comunque fino ad agosto é giusto aspettare e sperare che le notizie sui "secoli bui" siano solo terrorismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accortezza negli investimenti non vuol dire mancanza di credibilitq

      Elimina
    2. Credibilità in rapporto alle parole spese Fabio. Rispetto agli obiettivi sbandierati e alla responsabilita dell'acuirsi della competitività in Italia

      Elimina
  40. Godin è stato preso ed è stato preso a pochissimo.

    Io penso che vendere Icardi possa convenire meno economicamente che tecnicamente, qualunque sia l'opinione che si abbia su Icardi. Icardi a bilancio pesa pochissimo e qualsiasi attaccante peserebbe di più, molto di più: quindi se si intende cederlo sarà fondamentale azzeccare l'acquisto perché sicuramente sarà una operazione non conveniente in termini economici.

    Secondo me quelli che rimarranno sicuramente o con alte possibilità sono: Handanovic, Padelli, D'Ambrosio, Asamoah, Ranocchia, Skriniar, De Vrij, Brozovic, Nainggolan, Lautaro, Politano.

    Dovrebbero rimanere due tra Gagliardini, Vecino, Joao Mario e Borja Valero (chi preferite?).

    Penso che siano prossimi alla cessione Candreva e Perisic, con Keita che è un punto interrogativo.

    Chiaramente molto dipenderà dal nome del tecnico e dalla conferma della qualificazione in Champions (60 mln di differenza tra quarto e quinto posto). Immagino un mercato migliore dell'ultimo e non di poco, perché sono aumentati i ricavi, perché saremo fuori dal SA, quindi avremo qualche margine discrezionale in più, perché ci saranno delle cessioni di giocatori della prima squadra che lo scorso anno non ci sono state (al momento mi sembra di ricordare cessioni solo di giovani e Santon, mancati riscatti e soldi da Kondogbia e altri ceduti l'anno precedente)...

    PS: sempre detto che Barella mi piace, ma se veramente non bastano 50 mln ciao ciao. In questi termini sarebbe una operazione non ottimale anche per la Juventus che ha più certezze di noi nel reparto e minori necessità.

    RispondiElimina
  41. Finalmente, aldilà del risultato molto largo e della relativa pochezza dell'aveversario, una bella prestazione della nostra Under 19, che oltre a vincere 4-0 ha convinto sul piano del gioco, dell'organizzazione e anche di qualche individualità

    RispondiElimina
  42. Campionato Under 19 Inter Piacenza 4-0 (Feltrin Chrysostomou Cancello Confalonieri)

    Comedicevo finalemnte una prestazione convincente della squadra, ampiamente rimaneggiata (non è rientrato in tempo nper essere schierato nessuno degli aggregati all Primavera nel Viareggio, neppure Attys che speravo fosse presente per constatarne di persona i miglioramenti). In più c'era qualche infortunato, come Verzeni, promosso definitivamente in berretti, Vezzoni e altri.
    fatto sta che tra titolari e panchina erano rpesenti ben 12 ragazzi del 2002.

    Questa comunque la formazione

    Cirenei
    Alcides Sottini Feltrin Cristiano
    Confalonieri Sami Crysostomou
    Mitra
    Cancello Krasniqi

    In panca (molto subentrati nels econdot empo) Tononi Tinazzi Pojani Airoldi Cortinovis Di Marco, Sangalli, Cester, Fonseca.

    Cpome ho detto senza per questo innalzare peana fuori luogo i nostri ragazzi hanno disputato una partita di qualità, con una bella efficace disposizione in campo, aiutandosi reciprocamente, costruendo belle trame offensive e difendendo con sicurezza e autorità.
    Solo qualche errore in fase realizzativa e qualche comprensibile pecca di individualismo delle punte ha impedito che il risultato fosse ancora più netto.
    Il primo gol viene da un bel cross da destra, con spizzata di Cancello e conclusione imprendibile di feltri
    Poi Il cipriota ha concluso di forza e precisione una bella combinazione offensiva.
    Ancora Cancello ha risolto in mischia, prima che Confa ponesse il suggello con un diagonale quasi dalla linea di fondo.

    Servono conferme più probanti ma la crescita di alcuni ragazzi sembra incoraggiante.

    continua




    RispondiElimina
  43. pagelle

    Cirenei: sono sincero, non l'avevo mai sentito nominare. Mi dicono che si è infortunato subito. Non ha fatto parate stratosferiche, ma è sembrato sicuro e ben strutturato

    Alcides: a me piace moltissimo, giocatore in crescita, da seguire con attenzione
    Sottili: baluardo insormontabile
    Feltri: è arrivato nei giovanissimi ed era inguardabile. Oltre 1,90 ma fisico tutto da costruire ed errori tecnici da principiante. oggi è un giocatore vero e secondo me può progredire ancora
    Cristiano: prestazione sufficiente, ma deve crescere in personalità. A volte in attacco rpvoare la giocata di prima anche difficile può essere conveniente piuttosto di perdere tempo nel controllo e farsi chiudere
    Sami: partecipa con buona efficacia alle geometri di centrocampo e alla fase di contenimento
    Chrysostomou: buona prestazione, sostanza e qualità
    Confalonieri: quasi sempre tra i migliori inc campo. In categoria è un top, indubbiamente. Da vedere come potrà inserirsi tra i più grandi
    Mitrea: a mio parere il migliore in campo. Forse anche per l'assenza di una marcatura stretta ha orchestrato la manovra offensiva con giocate di alta scuola. ha spesso la peggio nei contrasti fisici, ma sta crescendo anche in quello
    Cancello: è finalmente in grande condizione e si vede. lotta, aiuta la squadra, costruisce un assist e segna: che si vuole di più?
    Krasniqi: forte fisicamente, insidioso, se avesse almeno un piede più sensibile sarebbe un buonisismo attaccante.

    tra i subentrati mi piace sosttolineare le prove di Sangalli e Cester

    RispondiElimina
  44. Ancora in gol i nostri con Bettella e Salcedo nel 3-1 dell'U18 all'Ucraina e di S.Esposito ne 3-0 dell'U17 alla Romania.
    Qualcuno che ha visto le partite c'è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Youtube FIGC vivo azzurro ci sono i video delle partite.

      Elimina
  45. Quante possibilità ci sono che torni da noi biraghi?
    Esprimo grande ammirazione per Quagliarella. Un genio che avrei voluto da noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo e spero poche. Buon giocatore che non migliorerebbe la situazione sulla fascia sinista. Io punterei su qualche terzino da rilanciare in uscita dalle big tipo un Kurzawa o un Emerson Palmieri

      Elimina
  46. le giovanili dell'inter ...perdono il primo campionato della sragione 2018-19.
    Si tratta dei 2005 che, dopo aver condotto tutto il campionato int testa, anche con un buon margine di vantaggio, alla penultima giornata con un vantaggio di 2 punti sul Milan perdono il derby in casa (0-1) e si fanno scavalcare in classifica (l'ultima giornata sarà ininfluente).
    Sconfitta mara perché viene senza che i rossoneri abbiano fatto neppure un tiro in porta. Il gol viene da un traversone dalla tre quarti, alto e lento, sul quale sfortuatamente il nostro portiere esce a vuoto, consentendo a un milanista di appoggiare in rete da due passi.Nessuna 'colpa' per il nostro bravo portiere, perché la squadra aveva a disposizione un'ora per imediare e non c'è riuscita, sprecnado almeno tre buone occasioni e attaccando per tutto il secondo tempo in modo confuso, senza la necessaria lucidità.
    In campo era il gruppo allenato da Fusaro, perché secondo la regola stabilita in questa stagione dai noostri dirigenti, il gruppo affidato a Chivu ha giocato un'amichevole contro una squadra bresciana.
    Questi i giocatori scesi inc campo:

    Greco
    Guercio Pezzella Corsini D'addesio
    Liserani Restelli Stankovic
    Kasa
    Martins Grossi.
    Dopo pochi minuti si è infortunato D?Addesio, sotituito da Fossati, con Corsini passato in fascia sinistra.
    nella ripresa sono entrati anche Ricordi Di Palma Cerlesi e Rosa

    RispondiElimina
  47. Però Inter Women con 5 giornate di anticipo è in serie A - oggi vittoria 6-0 17 su 17 .

    RispondiElimina
  48. Marinelli è fortissima, quasi meglio di....Candreva

    RispondiElimina
  49. Brave ragazze.

    Due considerazioni su giocatori di cui si parla...
    Per me
    Palacios SI
    Bergwijn NI (a lui preferisco Malcom,poco utilizzato dal barca)

    RispondiElimina
  50. Grande soddisfazione per Inter woman. Soprattutto per l'idea alla base del progetto: l'Inter non ha acquistato la posizione in serie A da altre società ma ha deciso come prima cosa di creare un settore giovanile sulle cui base creare la prima squadra e con quella arrivare alla serie A e... Si futuri successi.

    Altre società hanno invece utilizzato semplicemente il loro strapotere economico e politico.

    Come sempre, noi non siamo quella roba là.

    Palacios pare buono, ma come priorità metterei Barella, Tonali e Chiesa.

    I bianconeri hanno costruito parte del loro dominio acquistando i migliori di ogni squadra di serie A. Certo, per loro è più facile...

    Marotta credo lo stia capendo sulla propria pelle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il migliore della fiorentina da loro ha fatto panchina per tanto tempo....

      Loro han preso i migliori da roma e napoli, e poi uno dei migliori dell'inter.
      Il resto lo han fatto prendendo campioni fuori.
      Barella e bravino, ma non cosi forte come si pensa.
      Tonali a 30 milioni...preferisco palacios con clausola a 15.
      Chiesa, come persona e come calciatore, non mi convince, ha bisogno di spazi ampi,ci vuole piu tecnica nel dribbling dalla trequarti in su, in tal senso io propenderei su malcom o se svenduto, douglas costa

      Elimina
    2. un breve lista a memoria: Szczesny, Higuain, Bernardeschi, Caldara (poi ha deluso); spinazzola, Dybala, Perin, Pjanic, Cancelo...

      Elimina
    3. Poi, si parla di 100 milioni per Scrigno.
      Per me si potrebbe anche fare, perchè con i centrali siamo mesi bene (Godin, De Vrij, Bastoni, Gravillona, Zinho), però mi preoccupa il modo in cui potrebbero esere investiti.
      Perchè non è che l'inter non abbia speso, negli ultimi anni, ma spesso ha speso male.

      Elimina
    4. Sczesny, secondo di buffon. Bernardeschi in panca, dybala non titolare caldara mai giocato, spinazzola mandato in prestito, perin panchina

      Come dicevo pjanic e cancelo giocano...quelli forti da squadre forti.

      Elimina
    5. Chi è il portiere titolare della Juve?
      Bernardeschi da loro è in panca, da noi?
      Anche il Milan anni 90 prendeva tutti i migliori per poi tenerli in panchina.
      Però intanto li prendeva e li toglieva dal mercato

      Elimina
    6. Certo, ma noi non possiamo dargli il tempo di ambientamento che alla juve hanno... Questo e uno dei grossi problemi

      Elimina
  51. Questo Nico Schulz qualcuno lo conosce? Che ne pensate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se gioca mediamente all'80% di ieri sarebbe da prendere subito

      Elimina
  52. Leggo che a molti piacerebbe Barella. Io non me ne intendo come molti dei frequentatori del blog, ma penso che servirebbe davvero un campione a centrocampo, qualcuno con grande fisico e personalità oltre a piedi buoni. Barella e Tonali non credo ci farebbero fare il salto di cui abbiamo bisogno. Spero che la società stia lavorando per portare a Milano un giocatore che dia la svolta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me ci sono i buoni giocatori e i campioni. i campioni fanno bene ovunque, ma di solito ce ne sono al massimo 2-3 per squadra. I buoni giocatori possono fare molto bene in una provinciale e non è detto che facciano altrettanto in una metropolitana. All'inter in mezzo al campos erve un campione e un paio di buoni giocatori che sono sempre (parzialmente) una scommessa

      Elimina
  53. Concordo con Fabio su Palacios, giocatore potenzialmente Top a centrocampo. Sa fare tutto, ottima tecnica di base, forte nei contrasti, bravo nell ultimo passaggio e nel buttarsi negli spazi. Per 15-20 mln è assolutamente da prendere
    (il Real non ci va a caso sui giocatori).
    Meno d accordo sull ala. Malcom è forte ma ga quasi sempre lo stesso movimento a rientrare e non è neanche cosi veloce e tecnico per sfondare le difese chiuse che ci sono in Italia. Douglas Costa ha un dribbling mortifero ma segna pochino e non mi convince caratterialmente(incostante e bizzoso) . Berwijn mi sembra un prospetto molto interessante acquistabile ad un prezzo giusto. Barella molto bravo a far un po di tutto a centrocampo ma eccelle solo nel recupero palla,fino a 40 mln ci sto, oltre mi rivolgo ad altri lidi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parere rispettabilissimo Arturo.

      Elimina
    2. Concordo con Arturo: il giocatore del PSV ha cambio di passo degno di nota, non dovrebbe essere inaccessibile, e mi sembra abbastanza completo (veloce ma anche fisico, tecnico ma non fumoso, giocatore di fascia ma che sa accentrarsi...). Di Douglas Costa penso che le sue potenzialità saranno sempre superiori rispetto a ciò che concretamente esprimerà e di conseguenza il costo sarà maggiore rispetto al guadagno.

      I nomi su cui ragioniamo sono gli stessi da diverso tempo: stanno lavorando bene e in silenzio, c'è una fase di stallo o effettivamente gli acquisti saranno anche e soprattutto tra questo campione di nomi? Godin a parte l'unico giocatore di un certo livello di cui si è parlato è stato Rakitic...

      PS: a prescindere dall'opinione che abbiamo del giocatore, pensate che l'Inter possa valutare un rinnovo del prestito di Vrsaljko? L'Atletico non sembrerebbe interessato al giocatore, in questa stagione si è svalutato e noi potremmo averlo a disposizione a partire da dicembre, investendo soltanto su un altro terzino (cioè meglio uno forte e Vrsaljko piuttosto che dividere il budget per due terzini no?)

      Elimina
    3. Per me vrsaljko era un no ad inizio anno...lo è ora...lo sarà domani.

      Elimina
    4. Sì, ricordo... ma meglio un Vrsaljko e uno forte, che due come Darmian no? Chiaramente l'ideale sarebbe due forti...

      Elimina
    5. Vrsaljko e' un discreto giocatore, con poca qualità nel calcio, e con una infinita storia di periodi di degenza. Non vedo perche puntarci

      Elimina
    6. Perché abbiamo pagato 6 mln per un giocatore che non stava bene e che abbiamo avuto a disposizione soltanto per un breve periodo, che sicuramente si è trovato bene da noi, che probabilmente non farà pervenire chissà che richieste all'Atletico. Ipotizzo possa essere una opportunità, infatti parlavo di rinnovo del prestito. A condizioni agevolate potrebbe essere una opzione. Ma sono pensieri, visto che dopo l'intervento non se n'è più parlato...

      Elimina
  54. Se gli U14 hanno perso il campionato (il Milan batterà l'Atalanta nell'ultima giornata) gli U13 lo hanno vinto, matematicamente

    RispondiElimina
  55. Una conferma dalle mie "fonti".
    Mourinho tornerebbe domani all'inter.

    RispondiElimina
  56. Mi gonfia il cuore il solo pensiero, anche se resta il timore del cavallo di ritorno che vedrebbe sbiadire la propria immagine "mitologica" lasciata dopo la prima esperienza da noi.
    A proposito del nostro centrocampo futuro, dove maggiori sono le possibilità di incidere sul miglioramento della squadra, insieme al reparto offensivo, sarei interessato al parere di qualcuno che ha seguito un po' di partite delle ultime stagioni del quasi 22enne Tielemans, che mi aveva davvero stregato la prima volta che lo vidi in un Anderlecht Standard Liegi, credo l'anno successivo al suo esordio tra i professionisti, come solo Mbappè riuscì a fare negli ultimissimi anni, quando lo scoprii in una delle sue primissime apparizioni in Champions. Questo accostamento non è certo per volerli paragonare, anche perché non ho più seguito l'evoluzione di Tielemans (ormai seguo quasi esclusivamente l'Inter, grandi o piccoli che siano), se non per qualcosa letta su di lui.
    L'ho rivisto però giovedì sera con la Russia ed
    ho subito riconosciuto in lui il tuttocampista che ricordavo, con una più che discreta personalità e visione di gioco sempre al servizio della squadra. Certo da solo non basterebbe, serve almeno un'altro forte in mezzo già fatto e finito, a meno che la seduzione Mou non svanisca presto con Spalletti che si conquista la riconferma e decida di voler vincere la scommessa Naingolann.

    RispondiElimina
  57. Parlavo forse 2 anni fa di incompetenza e mancanza di meritocrazia, portando l'esempio di Di Biagio come allenatore.
    Confermo e sottoscrivo nuovamente la mia idea iniziale. Non ha motivazione alcuna per essere l'allenatore della 2a squadra nazionale per importanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabio perdonami ma non sono assolutamente d'accordo. Il "rinascimento" delle under azzurre, cominciato ormai quasi 10 anni fa, è merito anche suo. Le under non hanno come obiettivo primario quello di portare trofei (inutili) bensì quello di portare giovani validi in prima squadra, formarli e renderli pronti. Tutti guardano Kean, Zaniolo, Chiesa, Barella ma ci sono una schiera di giovani di grandi prospettive che premono. Di Biagio ha operato in sinergia con gli altri ct e con Viscidi per selezionare i talenti.

      Elimina
    2. Direi un ottimo lavoro visto i risultati. Italia non qualificata ai mondiali dopo 50 anni. Under 21 mai cosi non vincente.

      Elimina
  58. Brutto primo tempo di lautaro con l'argentina. Pessimi anche dybala e de paul. Partita orribile, un continuo susseguirsi di interventi fallosi, in un campo con vento che rende il pallone ingiocabile. Prima sostituiscono il toro e meglio e'...

    RispondiElimina
  59. Filip, nella Serbia vittoriosa 3-1 , ha parato un rigore . Fantastico

    RispondiElimina
  60. Intanto l'ipotesi del ritorno Inter, per i bookies inglesi, quindi da non sottovalutare, sembra la più quotata per il ritorno in panchina del Vate di Setubal.
    Io continuo a rimanere perplesso sulla possibiltà che Marotta avalli tale scelta, anche se questa potrebbe aiutarlo molto a rimuovere il peso della sua rubentinità agli occhi del tifoso nerazzurro.
    Comunque lunga vita e sostegno a Spalletti, finché sarà lui la nostra guida, al quale auguro di poter smentire con i nostri colori chi sostiene che sia un eterno secondo, incapace di alzare l'asticella. Al proposito ricordo che lo stesso si diceva di Ancelotti finché non ha iniziato a mietere successi ovunque.

    RispondiElimina
  61. Lo Celso, Ndombele e Malcom.
    ....................................................................

    E' fattibile?

    Lo fareste a patto di rimanere scoperti in altri ruoli?

    Io penso proprio di si'.

    (A chi non piace Malcom, metta Bergwijn o uno dello stesso livello)

    RispondiElimina
  62. Lo farei, ma ancora non basterebbe..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non e' possibile rifare tutta la squadra in una sola sessione di mercato, ma sarebbe sicuramente un bel inizio, magari aggiungendo anche qualche scommessa/parametro zero/primavera/ex primavera.

      Elimina
    2. Ottimi nomi Marin, ma Ndombele e Lo Celso sono assolutamente inarrivabili purtroppo. Bisogna pensarci l anno scorso prima che esplodessero. Ormai sono fuori la nostra portata.

      Elimina
  63. Julian Brandt, Kai Havertz e N'Golo Kante.
    Difficile, quasi impossibile ma Suning continua a dire di voler competere coi top club....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brandt non mi convince del tutto (segna ancora non abbastanza).

      Havertz, se conosco il sistema tedesco, finisce al Bayern.

      Kante, difficilmente si muove dal Chelsea se non per un top club che noi al momento non siamo.

      Elimina
  64. preferirei Lozano a Bergwijn

    Ma sto Lucas Hernandez è così forte???
    onore a Škriniar che resta nonostante l'ingaggio ridicolo (ridicolo per i nuovi standard europei)

    RispondiElimina
  65. Dalle nazionali pare tornino de vrij e asamoah infortunati e Lautaro affaticato.
    Molto male

    RispondiElimina
  66. semifinali torneo Annovazzi Under 14
    A pochi giorni dal dreby conclusosi negativamente per noi Inter e Milan tornano a cofrotnarsi, sia pure in modo indiretto. Milan Chievo e Inter Novara le partite in programma
    Il Chievo elimina il Milan (1-0) giocando una signora partita,, codita da lameno 4 nitide palle gol costruite su azioni bellissime e subendo solo un po' di forcing rossonero nel finale, quando i predenti hanno tentato il tutto per tutto.
    L'inter ha piegato il Novara (2-1 Grossi, Motta) davevro senza entusiasmare, contro una squadra solo discreta.
    Anche in questo caso non era la squadra di Chivu, ma sinceramente comincio a preoccuparmi perché non vedo giocatori di livello super
    grossi ha molta potenza, i centrocampisti (Restelli Liserai Stankovic sono abbastanza validi, Corsini e Motta se la cavano). Il centravanti Colombo, che non mi risulta in rosa e potrebbe essere un provino, non mi ha entusiasmato, pur con tutte le attenuanti mentre Cerlesi è bravino ma troppo indietro fisicamente.
    Ai margini del match ho parlato con il papà di biraghi, di cui mi pregio di essere amico, e mi ha confermato che gli risulta un certo interessamento dell'Inter, ma che l'affare sarebbe comunque complicato perché la Viola chiede molto

    RispondiElimina
  67. La squasdra di Chivu (sempre 2005) sta invece partecipando all'importantisismo Torneo delle Sirene, a Sorreto (con tantr squadre straniere di livello, compreso il Real Madird. nella prima giornata l'Inter ha battuto il Berlino per 4-0 (Martins2, Owusu2). Domani seconda partita

    RispondiElimina
  68. Contro il novara al centro dell'attacco ha giocato Riccardo Colombo, che presumo sia un prestito, non avendone trovato traccia nei siti ufficiali

    RispondiElimina
  69. Molto interessante l'ipotesi dell'ungherese del Salisburgo, parliamo di un piccolo Goretzka...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giocatore che ha qualcosa di speciale. Sarebbe un colpaccio in prospettiva. Per me non arriverà... È molto più probabile che vada al Lipsia e prosegua la sua carriera in Germania

      Elimina
  70. Roberto Samaden, responsabile del settore giovanile dell'Inter, ha raccontato l'evoluzione di Sebastiano Esposito, dagli Allievi all'Europa League nel giro di poche settimane. "In mezzo ci sono stati gli esordi in Primavera con due gol, penso che si possa definire come un predestinato, è uno di quei giocatori che esce per le qualità che ha. In qualsiasi momento vengono messi alla prova eispondono con una naturalezza. Io non voglio fare paragoni con giocatori che abbiamo avuto in passato. Anche nei pochi minuti contro l'Eintracht secondo me non ha dato l'impressione di essere un sedicenne, ma di essere un giocatore di calcio. Lo metti in campo in Primavera e fa due gol, riesce ad alzare l'asticella senza problemi

    RispondiElimina
  71. Se fosse vero che Conte arriverebbe solo in caso di cl... spererei tanto di non arrivarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure: facciamo un percorso molto positivo da qui alla fine della stagione così andiamo in Champions e rimane Spalletti... le alternative non mi sembrano molte

      Elimina
  72. Non so quanto di vero ci sia nell'interesse dell'Inter per Vidal. Se lo fosse, non e' bastata l'esperienza Naingolan ...

    RispondiElimina
  73. tra poco in diretta sul sito Inter Lazio 2005 al torneo di Sorrento. Altra semifinale: juve Real Madrid
    Berretti: Monza Inter 0-3. Confermate le mie impressioni di una squadra in crescita, ancorché sempre rimaneggiata

    RispondiElimina
  74. 2005: Inter eliminata ai rigori. la finale sarà Lazio R. Madrid

    RispondiElimina
  75. Peccato, i rigori di certo non ci stanno portando fortuna ultimamente... In molte occasioni.
    Certo che visto il risultato del Milan domani sarebbe molto "simpatico" vincere...

    RispondiElimina
  76. Fabio ma secondo te era rigore su Piatek?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto e rivisto, non vedo un intervento che possa far cadere Piatek, e meritevole di calcio di rigore. Soprattutto vista la decisione del Ddg non c'e alcun motivo che possa portare ad evidenziare da parte del var un chiaro ed evidente errore. A mio avviso non andava chiamata l'on field review.

      Elimina
  77. Come la vedete per stasera? Quale credete che sarà l'undici titolare? Una vittoria sarebbe importantissima. Dobbiamo allontanare il Milan prima delle sfide con Roma, Napoli e Juventus.

    RispondiElimina
  78. Certo che la gestione del "problema" ex capitano sta assumendo toni da scuola materna....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, non capisco perché avrebbe dovuto parlare davanti alla squadra, dato che era già stato punito con la sottrazione della fascia.
      Se è andata come scrivono, mi pare una richiesta di eccessiva umiliazione.

      Boh, non capisco.

      Il rigore su piatek si poteva fischiare Situazione poco chiara.

      Elimina
    2. Forse perché ci sono dei motivi per cui gli hanno tolto la fascia... E perché non ha aiutato la squadra con la sua presenza quando c era bisogno

      Elimina
  79. L'U15 espugna il campo della SPAL, ora il derby casalingo, a Brescia nella penultima ed il Cittadella nell'ultima in casa. Qualcuno sa la classifica aggiornata e se le speranze possono ritenersi ancora vive?

    RispondiElimina
  80. Quasi insperata la vttoria degli Uder 15 a ferrara (1-3). Squadra che ha dei punti deboli ha incotnrato parecchie traversie, sotto fora di infortuni dimuomini chiave, ha stentato a trovare l'assetto migliore, ma soprattutto ha avuto un comportamento piieno dicontraddizioni, perdendo un sacco di punti con squadre che le stanno alle spalle ma vincendo largamente con Cafgliari e Bologna (allora prime in classifica e ancora tra le "qualificate") e battendo oggi la Spal, seconda.
    Ora l'Inter ha raggiutno il Verona al 5° posto, che potrebbe anche bastare per qualificarsi ai play off.
    Però domenica ci sarà Inter Milan (e contemporanemanete Verona Spal). In quella giornata verosimilmente si decideranno le nostre sorti, a meno di sorprese nella giornata finale.
    Il Milan nel girone d'andata ha vinto 1-0 contro di noi ma sprattutto si è dimostrato più forte. Noi però siamo cresciuti avendo trovato l'assetto migliore e grazie alla crescita di alcuni uomini.
    resto moderatamente pessimista, ma "spes ultima dea"

    RispondiElimina
  81. Comunque su Milik io la penso come Fabio (ad esempio rispetto ai paragoni con Piatek) e come chi stima particolarmente il polacco. Poi non mi pronuncio sul valore assoluto, ma se dà garanzie fisiche sarà un grande giocatore.
    Chi dovrà battere le nostre punizioni il prossimo anno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me piatek e milik molto diversi. Entrambi forti, ma diversi.
      Milik molto piu di manovra, piatek finalizzatore

      Elimina
  82. credo anche che il Cagliari, se non ha riposato oggi, abbia una partita in più (turno di riposo). Aveva prima di questa giornata 4 punti su di noi (1 ...teorico). Potrebbe rientrare in gioco anche il quarto posto. D'altra parte c'è da considerare che l'Atalanta è solo un punto dietro di noi (e ci precede per i risultati dei confronti diretti: abbiamo vinto 2-1 a Bergamo ma perso 1-3 in casa), quindi la situazione è ancora complessa

    RispondiElimina
  83. Il Cagliari non sembra, purtroppo, avere partite in più, stando alla classifica che ho trovato, peraltro, non aggiornata coi risultati di oggi. Solo il Bologna, in testa, ha una partita in più tra le squadre in lotta per i playoff, col Milan potenzialmente primo, se ha vinto oggi, sarà un derby molto interessante il prossimo.

    RispondiElimina
  84. Qualcuno ha ancora il coraggio di difendere Perisic e D'Ambrosio? Spero finalmente...con la fine dell'anno si possano esser tutti ravveduti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si giocano con rose più forti della nostra come la Lazio, i limiti dei giocatori che citi emergono. Purtroppo è naturale

      Elimina
    2. Però le partite sono strane e magari da sfavoriti riusciamo a sfruttare gli episodi

      Elimina
    3. Rose piu forti? Sono dietro se non erro... Ne han presi 3 in casa, se non erro

      Elimina
    4. Premesso che Icardi è indifendibile, per mesi ho letto commenti, anche tuoi, che il nostro gioco scadente dipendesse dal centravanti che "non partecipa".
      Io credo dipenda dall'allenatore.
      Perisic, è l'esempio citato quasi ogni giorno da spalletti, il professionista perfetto...

      Elimina
    5. è solo che Spalletti qualche giorno fa ha gufato dicendo che con le grandi abbiamo sempre fatto bene, quando l'ho letto ho cominciato a pensare male...

      Elimina
    6. Keita ha fatto bene la fase verso il centro, non a caso abbiamo avuto un'infinità di occasioni di 1vs1 tra esterno offensivo e terzino.
      I nostri esterni non hanno MAI crossato in modo pericoloso e MAI saltato l'uomo se non con politano un paio di volte.
      A livello di costruzione di gioco molto meglio che con icardi

      Elimina
  85. Siamo partiti lasciando il contropiede alla Lazio, avendo noi Keità centravanti...
    Mi chiedo perché.
    Speriamo cambi qualcosa, si deve almeno pareggiarla.

    RispondiElimina
  86. perché naingg? per giocaroe in 10?

    RispondiElimina
  87. Se non puoi segnare, non devi subire. Ma l'equilibrio è blasfemia...

    Con alcuni e senza altri, non si segna manco in sedici contro undici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Han segnato al primo cross messo in mezzo...non stavamo subendo

      Elimina
    2. Io credo che serva umiltà, non le manie di spalletti.
      Oggi stai chiuso, col centravanti contropiedista.
      Mai, lui deve dominare, senza averne i mezzi.
      Veramente, una delusione enorme, allenatore in cui ho creduto.

      Elimina
    3. Vero Fabio, ma dobbiamo ringraziare Handanovic per aver preso solo un gol...

      Elimina
    4. La lazio, a differenza dell'andata ha fatto una partita senza alzarsi sul nostro possesso palla, che li aveva messi in crisi in casa.
      Ovvio che aver trovato il vantaggio sul primo cross della partita dopo 2 occasioni enormi nostre, ha messo la partita nel loro piano tattico

      Elimina
    5. D'accordo, ma sapendo che non avresti mai segnato fai tutto il possibile per non prendere gol idioti

      Elimina
  88. Pagelle a caldo:
    Handa 7; D'ambro 5; Skriniar 5,5; Miranda 6; Borja 5; Brozo 5; Vecino 5; Politano 5; Perisic 4; Keita 6; Naingo 5; Joao 4; Candreva 2 (per la stupidità, più che per la prestazione).
    Spalletti 0.

    RispondiElimina
  89. Ora penso sia giusto valutare l'esonero di Spalletti, perché ha fatto tanto per creare un'atmosfera insostenibile e perché nelle sue scelte ha limitato un uso efficace dei giocatori a disposizione. Poi almeno una decina di cessioni ci possono stare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esonero a fine stagione.
      Oggi troppo rischioso.

      Elimina
  90. Ah, su candreva ho finito le parole. Davvero. O gioca contro volontariamente, o e un calciatore dall'intelligenza calcistica pari allo zero.

    RispondiElimina
  91. Per me il possesso meno sterile di tante altre volte, in cui per tantissimo tempo erano tutti fermi. Sufficienti per me... ma se si giocasse senza porte

    RispondiElimina
  92. "LA MEDIAZIONE E' UNA COSA UMILIANTE PER I TIFOSI DELL'INTER. MEDIARE CON UN AVVOCATO PER FARGLI METTERE LA MAGLIA CHE I TIFOSI AMANO E' UMILIANTE, E' UN'UMILIAZIONE PER I TIFOSI"

    Ha torto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mediazione l'ha fatta con Marotta.
      Lo dica a Marotta.

      Elimina
    2. Tu vuoi un giocatore che per giocare deve mediare?
      Io voglio giocatori che in primis giocano perche lo vogliono.

      Elimina
    3. Era quello che la ama anche quando le cose vanno male....

      Elimina
    4. Io non difendo Icardi, assolutamente. Ma certe cose spettano alla Società, non a Spalletti.
      Parliamoci chiaro, non c'è "convocazione rifiutata", c'è un giocatore che dice di non sentirsela e la Società ACCETTA. Idem per la multa, che viene detratta dallo stipendio.
      Se l'allenatore, in una situazione di necessità, non è in grado di gestire la situazione sono limiti suoi.
      Secondo te con Ancelotti o Allegri sarebbe andata così?
      Detto questo, tu allenatore devi avere una squadra che abbia una logica, non adattare alla tua logica una squadra.Se rinunci al centravanti e fai 1000 pessimi cross...
      Se hai il tuo pupillo, Perisic, che gioca senza nessun costrutto...
      Se presenti Candreva così...io non voglio né un avvocato né un candreva così ASSURDO. 8 minuti 4 falli, giocava con loro. Calcisticamente stupido. Peggiorato con spalletti.

      Elimina
    5. Io allenatore non voglio in gruppo uno che si rifiuta di giocare. Mai.

      Elimina
    6. Icardi,che ha gravi responsabilitè,si è trasformato in una sorta di organo bersaglio che consente a tutti di distrarre l'attenzioni dai propri errori e a molti di autoassolversi.Abbiamo il centrocampo tra i più scadenti della serie A e un allenatore monotono e ripetitivo.
      Situazione difficile.

      Elimina
    7. Tu allenatore, coerentemente, CHIEDI che sia messo fuori rosa. Se è in rosa lo utilizzi, come ti garba. Se non lo convochi per punizione lo dici prima,alla Società.
      Se non lo convochi e perdi NON sostieni che si è perso ANCHE con quel giocatore.
      Perché si è perso anche con quelli che lui porta ad esempio.
      Icardi è diventato la sua giustificazione, questo non va bene.
      Ora alla prossima dice che lo convoca, la mediazione è come lo yogurt, SCADE.

      Elimina
    8. Icardi gioca solo per se stesso. Per le sue statistiche e per i suoi obiettivi personali.questa la realta.
      Realtà che vi avevo mostrato gia da anni e che ora è palese a tutti...
      Ma bastava guardarlo in campo, con un occhio che ne capisce le sfumature.
      Chi si nascondeva era lui, dietro le sue statistiche difficilmente attaccabili dal tifoso medio, e dietro le sue dichiarazioni e post... Ma le parole se le porta via il vento...

      Elimina
  93. Ne parlavo con mio suocero ieri prima della lazio. Per me 1 punto in 3 partite ... Speriamo mi sia sbagliato

    RispondiElimina
  94. Esatto: invece i 120 gol in 5 anni non se li porta via nessuno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti, al signore argentino in questione vanno i miei più sinceri ringraziamenti per quanto fatto in passato [gol & emozioni regalate (le emozioni regalate, eh!)] ma mi auguro che il suo futuro sia da un'altra parte ché qui ha fatto il suo tempo ma soprattutto si è tirato indietro nel momento del bisogno (e questo secondo me è imperdonabile) e questo anche se avesse tutte le ragioni del mondo, in quanto trattasi di praticante di sport di squadra e non di tennista.
      Per altri motivi ma non mi dispererei nemmeno se cambiasse aria Perisic...
      That's alla folks

      Elimina
  95. Però è anche vero che i gol per una punta sono solo un fastidioso dettaglio

    RispondiElimina
  96. Un leader responsabile di un gruppo di lavoro deve cercare di ottimizzare le risorese a disposizione, risolvere gli inevitabili conflitti (anzi, risolvere le divergenze, perchè già arrivare a un conflitto è poco funzionale), separare le questioni personali dagli obiettivi del gruppo.

    Qui si è arrivati a una scissione. Tra l'altro coinvolgendo il principale goleador.

    Manca la capacità di pensiero. Un pensiero coerente e capace di sintesi.

    A icardi è stata tolta di imperio la fascia: una volta che arrivi a quel gesto, diventa difficile che Icardi riesca a stare in gruppo. A quel punto è normale che si sia una sorta di mediazione (dopo la bastonata, la"carota"). Altrimenti diventa vessazione.
    Rimango convinto che togliere la fascia in quel modo (senza prima preparare il giocatore, facendolo confrontare col gruppo) sia stao un errore.

    Al momento esonererei Spalletti e metterei Icardi di fronte alle proprie responsabilità. A quel punto certamente dovrebbe confrontarsi col gruppo.

    RispondiElimina
  97. Nuovo post: https://fratellidelmondo.blogspot.com/2019/04/entusiasmo-dove-sei-finito-inter-lazio.html

    RispondiElimina
  98. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Printfriendly