mercoledì 21 febbraio 2018

Settore giovanile: Primavera a una traversa dalla storia

Ottavi di finale di Youth League (foto: Tuttosport). La Primavera allenata dal Mister Stefano Vecchi si ferma sulla traversa dopo una grandissima prestazione contro una squadra fortissima come i pari del Manchester City. Solo applausi per i nostri ragazzi per quella che è stata ancora una volta una dimostrazione di grande forza e del grande lavoro svolto dal nostro settore giovanile.

Riassumo sinteticamente i contenuti del post che avevo scritto dopo la partita della Primavera contro il City.

Il City è uno squadrone di livello mondiale, perché dispone di mezzi finanziari illimitati per fare shopping in tutto il pianeta anche a livello giovanile e naturalmente possiede strutture assolutamente all’avanguardia.

La squadra Primavera che ha allestito è ricca di talenti, cioè di giocatori che dispongono di una tecnica importante su una base atletica (soprattutto corsa, sprint) d’eccezione.

Quando una società è nella condizione di prelevare una delle migliori promesse dal Barcellona, significa che davvero può scegliere in tutto il mondo.

Noi avevamo in campo inizialmente un portiere serbo, un centrocampista belga e una punta danese.

Poi otto giocatori provenienti dal settore giovanile nazionale, un ambito in cui altre società italiane, almeno a partire dagli allievi, esercitano un controllo totale.

Questo significa che in Italia dopo una certa età ci è praticamente impossibile arrivare sulle prime scelte e la cosa si ripete all’estero, per la prepotenza, questa volta finanziaria, di alcuni club.

Eppure con il lavoro di scouting e poi di formazione vinciamo spesso in Italia, siamo competitivi all’estero e produciamo una quantità ineguagliata di calciatori professionisti.

Dei quattordici giocatori schierati undici sono con noi da anni, la maggior parte da molti anni.

Sono il frutto del nostro lavoro nel settore.

Sono di scuola Inter: una scuola apprezzata da tutto il mondo, ma non da molti suoi… tifosi.

Contro il City abbiamo fatto meglio di quanto avrebbe potuto qualunque altra squadra italiana.

Come tecnica individuale non siamo inferiori al City.

Ma loro hanno potuto scegliere degli uomini offensivi, in senso lato, che oltre alla tecnica possiedono una velocità straordinaria.

E sfruttano questa caratteristica, con un giro palla insistito, apparentemente sterile ma volto a rischiare poco, per poi  innescare  la tecnica veloce degli attaccanti.

Odgaard, Pinamonti, lo stesso Zaniolo non hanno queste caratteristiche (le avrebbe Colidio che è in Italia da troppo poco tempo).

Vanno serviti in un altro modo e loro, con il loro lavoro favoriscono e provocano l’inserimento degli esterni e dei centrocampisti, quando è possibile.

Tatticamente noi ci siamo messi in modo magistrale, grazie al sacrificio e alle qualità di tutti.

Dovevamo stringere gli spazi per annullare gli effetti della loro velocità e cercare di ripartire con verticalizzazioni (che non significa lanci lunghi a casaccio, ma uscite eleganti con il pallone, anche sullo stretto, per poi innescare con la verticalizzazione le punte, senza avanzare in massa per non favorire le loro ripartenze).

Qualche volta la verticalizzazione (che è più difficile del titic-titoc) non è riuscita, ma di palle buttate via a casaccio ne ho viste poche.

Il risultato di questi atteggiamenti delle due squadre è stato una partita di grande equilibrio.

Loro hanno segnato su un rigore inesistente. Poi hanno impegnato 4-5 volte Dekic in parate importanti ma non impossibili, per lo più su tiri da fuori.

Noi abbiamo segnato un gol di rapina, casuale, ma abbiamo sprecato con Bettella l’occasione più nitida e ci siamo meritati un rigore, non assegnato.

Tatticamente siamo stati superiori e nel complesso, se non ci fermiamo a dati superficiali e poco significativi come il possesso palla, abbiamo giocato alla pari.

Per tutti i nostri l’esperienza YL  è stata la prima. Nelle loro fila c’era chi era alla terza esperienza.

Se Bettella avesse avuto 20 anni e il suo avversario 18, anziché essere il contrario, avremmo visto un’altra partita e non ci sarebbe stato neppure  l’episodio del rigore fasullo, per fare un esempio.

I nostri ragazzi, il nostro mister, ci hanno regalato una gara piena di emozione e di straordinaria intensità contro un avversario fortissimo.

Non mi viene da dire altro che questo: GRAZIE RAGAZZI.

Le prestazioni individuali

Dekic: para tutto il parabile. Cioè quello che poteva e doveva parare con concentrazione e attenzione. Reattivo ai calci di rigore. 7

Valie: così mi piaci. Combattivo, determinato concentrato. Il primo problema è che devi sempre giocare con questa spavalda determinazione. Avevi un avversario fortissimo e l’hai domato. 7

Zappa: quanti progressi da quando sei arrivati da noi, fresco della vittoria nel campionato nazionale giovanissimi dilettanti con l’Accademia Inter. Oggi, tu che avevi problemi in marcatura, hai giocato benissimo, in pratica da centrale (per la prima volta!), contro uno degli attacchi più forti del mondo. Quanto posso l’orgoglio e la determinazione se uniti a una buona tecnica e a un  fisico adeguato. 7

Lombardoni: un vero capitano, un uomo squadra. Diga insormontabile nel settore più delicato. E poi l’assunzione di responsabilità sul rigore che ci avrebbe consegnato il passaggio del turno. Ti è andata male per questione di centimetri, ma per te ci possono essere solo elogi. 7

Bettella: eri il più giovane, ma hai lottato da protagonista. Spesso ti sei trovato a fronteggiare un avversario fortissimo, con due anni più di te (e 3 di esperienza YL). Non hai mai tremato. Hai vinto anticipi e contrasti spettacolosi e ti sei permesso di ottenere la palla gol più nitida di tutto il match. Non è andata bene, ma hai tutte le qualità per rifarti. 7.5

Sala: grande meraviglioso Marchino. Che spettacolo per 80 minuti vederti dominare un avversario fortissimo e ripartire riuscendo in qualche occasione (ricordi il tunnel con cui ti sei liberato sul fondo?) a ridicolizzarlo. Hanno detto che non sai amministrarti, perché alla fine avevi i crampi. Sì, dovevi correre di meno, lasciar partire il tuo avversario e… finire più fresco. Lasciamo perdere. Il tuo fisico è ancora in costruzione, questo si. Se metterai la forza necessaria, un domani potrai essere davvero il nostro terzino titolare. Non ti far distrarre e lavora. 7.5

Emmers: grande prestazione di sacrificio. Ci fossero stati due mediani come Brigno e Danso, avresti potuto dedicarti maggiormente a far male alla loro difesa. Ormai a questi livelli sei una sicurezza. Adesso resta solo da vedere quali margini di crescita ti restano per affermarti anche a livello di professionismo. Ma le premesse sono favorevolissime. 7

Rada: uno dei meno brillanti, forse. Ma il tuo lavoro è stato oscuro e di sacrificio in un centrocampo che spesso veniva messo in difficoltà dalla superiorità numerica e atletica degli avversari. Sei uscito alla distanza e nel secondo tempo, prima della sostituzione, hai inciso maggiormente nel match. Bene così. 6.5

Zaniolo: hai lottato e ti sei sacrificato come non credevo fossi capace. In fase offensiva forse ci si poteva aspettare di più, però hai un po’ sacrificato le tue doti nel lavoro sporco della mezz’ala, nell’interesse della squadra. Con due mediani-polmoni che ti lascassero libero di prendere maggiori iniziative, probabilmente saresti stato più insidioso. Ma essersi attenuto ai compiti connessi alle esigenze odierne della squadra è un grande punto a favore della tua personalità. 6.5

Odgaard: una prestazione generosa, ma ad eccezione dell’episodio rigore non concesso, mai uno spunto veramente vincente. La tua dote migliore è il tiro secco, rasoterra, incrociato. Non hai mai avuto l’occasione di esprimerla. Anche sulle palle alte pochi duelli vinti. L’impressione è che ti manchi lo spunto secco (anche per la tua mole considerevole) per cui o sfondi di potenza o difficilmente riesci a liberarti. Anche tu, comunque hai giocato in modo meritevole per la squadra. 6.5

Pinamonti: come Odgaard, non hai avuto un sostegno continuo e preciso in termini di rifornimenti da sfruttare, ma secondo me ti sei reso molto mutile nel modo in cui la situazione di gioco te lo consentiva, confermando la tua intelligenza tattica e duttilità. Nell’uscire e giocare con i compagni sei già molto forte. Mi aspetto un’ulteriore crescita sul piano della forza dirompente e travolgente, indispensabile per diventare davvero un grandissimo attaccante professionista. Sulle doti umane agonistiche e di serietà già da ora non hai nulla da imparare. 7

Rover: non sei riuscito a trovare lo spunto vincente e non era facile contro questi avversari. Hai comunque lavorato positivamente con la squadra e per la squadra. 6.5

Brignoli: appena recuperato da un infortunio, il mister non ti ha potuto impiegare dall’inizio, come forse avrebbe voluto. Contro lo Spartak avevi dimostrato di saper fare le due fasi con grande efficacia, correndo difendendo bene e andando più volte al tiro pericolosamente. Diciamo che il miglior “Brigno” ci è mancato. E questo è già un grande risultato. sv

Colidio: troppo poco per un giudizio attendibile. sv

Vecchi: grazie, mister.

NB: Nei voti di Zaniolo, Odgaard e anche Pina ho tenuto conto del fatto che sono i nostri uomini considerati di punta e più pronti (con Emmers e Lomba).

E adesso torniamo ai nostri campionati nazionali

Sabato, in fondo ha vinto, almeno un po’, anche la Berretti.

Nel turno di campionato in cui tutte le nostre squadre vincono (alcune largamente) perde clamorosamente la Berretti a Padova (4-0).

Perché allora dico che hanno vinto un po’ anche loro?

Be’ la risposta sta nella formazione della Primavera che ha affrontato in campionato la Sampdoria.

Tra campo e panchina c’erano al Breda ben 8 giocatori del 2000, considerando solo quelli che avevano iniziato il campionato con la Berretti (Corrado, Pompetti, Gavioli, Adorante, Van den Eyden, Visconti, D’amico, Tintori) .

Questo significa che la Berretti sta svolgendo al meglio il suo compito di squadra cuscinetto, per preparare gli ex allievi al salto successivo in Primavera.

In queste condizioni, se si ottiene anche il risultato di classifica immediato direi che è un di più.

Torniamo comunque alla… normalità dei nostri campionati.

Ecco i risultati della giornata:

Primavera: Inter - Sampdoria 1-0 (Adorante)
Berretti: Padova - Inter 4-0
Under 17: Inter - Chievo 4-2 (Vergani 3, Rossi)
Under 16: Inter - Cittadella 5-0 (Bonfanti, Sottini, Cancello, Di Marco, Mirarchi)
Under 15: Inter - Cittadella 4-0 (Sabia, Magazzù, Gnonto, Paccagnan)
Under 14: Feralpi - Inter 1-3 (Uberti, Savane, Curatolo)
Under 13: Inter - Cremonese 7-0 (Stante, Di Maggio, Esposito, Fossati, Corsini, Gallo 2)

Campionato Primavera: Inter - Sampdoria 1-0

Pur essendo una gara casalinga, SeS non riserva alla partita né un commento, né le pagelle.

Riproduco quindi quanto si è detto sul blog subito dopo il match

Prestazione davvero modesta della nostra squadra, solo fino a un certo punto giustificabile con l'abbondante turn over praticato da Vecchi.

Avevamo in campo inizialmente 5 giocatori del 2000 contro i 3 della Doria, che schierava pure un '97 estremamente prestante al centro della difesa.

Ma i nostri, titolari o riserve che fossero, erano teoricamente tutti giocatori di livello.

Ho letto le dichiarazioni del mister, il quale ha sostenuto che avrebbero dovuto dare di più proprio i presunti leader e concordo pienamente.

Lombardoni, Rover, Zaniolo, Colidio non sono riusciti ad essere i perni e nel contempo i trascinatori della squadra.

Così dopo un discreto primo tempo, nel quale avremmo potuto e dovuto almeno raddoppiare, non si è vista più un'azione offensiva degna di questo nome e la difesa ha traballato paurosamente lasciando agli avversari 3-4 occasioni da gol davvero invitanti.

A quel punto ho temuto la solita beffa del 96', che per fortuna non c'è stata.

La buona notizia è costituito dal recupero di Emmers e Merola, nonché da quello di Danso che era in tribuna ma mi ha detto che ci sarà nella prossima partita.

Invece Brignoli, che stava recuperando è stato colpito inavvertitamente da un compagno in partitella nello stesso punto sofferente.

Per Manchester dovrebbe però esserci anche lui.

Ecco lo schieramento iniziale con mini giudizi:

Pissarro: ho letto che per Vecchi anche lui era nel gruppo di quelli che potevano dare di più. A me pare che non abbia commesso errori e che invece si sia distinto in almeno due interventi.

Valietti: dopo il mancato trasferimento al Sassuolo smbra aver avuto una piccola flessione. In fondo l'inter lo lasciava andare... lui è un emotivo e deve sentirsi molto considerato per dare quel qualcosa in più che è nelle sue corde.
Nolan: potenza fisica, ma molto lavoro ancora da fare per crescere.
Lombardoni: gioca sempre, forse è un pochettino appannato.
Corrado: con tutto il rispetto non ha i piedi di Sala, ma è uno che dà sempre tutto.

Gavioli: uno dei più positivi per grinta e iniziativa. ha finito stravolto ed è stato sostituito.
Pompetti: esordio importante per il pescarese, che ha mostrato di avere piede e idee. Atleticamente paga ancora qualcosa.
Zaniolo: qualche rara giocata sopraffina. Sul piano dell'impegno bene, l'ho visto operare recuperi profondi fino al termine, ma non ha l'intensità e la continuità della mezzala.

Rover: poco efficace. Parte spesso bene poi si ferma e gioca palla indietro. Nell'unica occasione che gli capita colpisce con forza e incoccia la traversa, quando bastava appoggiare in rete.
Adorante: certamente il migliore, per impegno potenza fisica sacrificio e anche per qualche bella giocata. Bene il gol.
Colidio: ha colpi incredibili ma per il momento una leggerezza e una inconsistenza disarmanti.

Schirò: entrato nel finale senza poter dimostrare nulla.
Emmers: è come il prezzemolo, prima a destra poi centrale di centrocampo. La sostanza la dà sempre. Questa volta è mancato l'acuto.
D'Amico: prestazione molto positiva, giocatore interessante in prospettiva perché ha gamba, garra e qualità più che discrete. Ottimo esordio..

Come sappiamo l’Atalanta ha pareggiato in casa con il Verona, la Roma ha perso con la Viola e anche il Milan è stato stracciato a Genova (2 gol di Zanimacchia e 2 di Salcedo), pertanto la classifica torna a sorriderci: nel prossimo turno però andremo proprio a Firenze, ma ci sarà anche Milan Atalanta e la Roma ospiterà il sempre ostico Torino.

Campionato Berretti: Padova - Inter 4-0

SeS stranamente dedica alla partita un articoletto, con tanto di pagelle. Il titolo è: “Inter, che frenata. Rovinosa caduta a Padova".

Nell’articolo si fa solo una breve cronaca e si cita l’espulsione di Gossò, nonché “unica notizia positiva” l’esordio di Orlando Vezzoni, centrocampista arrivato dall’Argentina, classe 2001.

I voti:

Tamma 5
Lunghi 5 (Coltro sv), Rizzo 5, Van Den Eyden 6, Ballabio 5
Soares 5 (Zupperdoni sv), Roric 5
Gossò 5, Demirovic 5 (El kassah 5.5), Visconti 5 (Vezzoni sv)
Pelle 6

In classifica l’Atalanta ci ha superato ed ora ha un punto più di noi. Nel prossimo turno Atalanta - Feralpi (che è terza) e Inter - Pordenone.

Campionato Under 17: Inter - Chievo 4-2

Ecco il report che avevo inviato subito dopo il match:

Buona partita dei nostri contro una squadra solida, tignosa, senza lampi di genio ma in grado di mettere in campo grinta e forza (raccomando soprattutto il numero otto, tale Karamoko, che non ha i piedi vellutati di Pirlo, non piacerebbe a Fabio, ma ha forza, fisicità, corsa, e tiro - suo uno dei gol. In una parola ha sostanza).

Noi abbiamo giocato un buon primo tempo, colpendo un palo con Vergani e portandoci in vantaggio, ma poi siamo stati raggiunti dalla conclusione dal limite di Karamoko.

La nostra difesa è forte, l'attacco è forte, a centrocampo abbiamo giocatori molto bellini, ma ci manca qualcosa come peso (almeno nel primo tempo).

Poi nel secondo abbiamo avuto la meglio, soprattutto dopo l'ingresso di Chrysostomos e Zupperdoni (invece l'argentino Vezzosi è rimasto in panchina).

Oltre ai tre gol, un altro palo, sempre di Vergani e alcune occasioni fallite si un soffio.
A tempo quasi scaduto il Chievo ha accorciato le distanze.

Questa la formazione iniziale:

Pozzer
Vaghi, Ntube, Pirola, Colombini
Cester, Del Grosso, Mitrea
Rossi
Vergani, Fonseca

Come detto, nel corso del secondo tempo sono entrati: Chrysostomos, Zupperdoni, Brigati ed Esposito.

Brevi valutazioni.

Pozzer: poco lavoro, svolto bene. Qualche dubbio sul primo gol subito.

Vaghi: difende bene attacca in velocità, il piede forse non è dei più raffinati.
NTube: autentico colosso chiude la saracinesca.
Pirola: non è ancora il Piro che conosciamo, ma la sua prova non si discute.
Colombini: cresce con il passare dei minuti.

Cester: schierato con il 7 per dare una mano al centrocampo poco fisico (mancava anche Duse per infortunio) gioca benino ma quando deve spingere da ala non è il massimo. Meglio quando passa in mezzo.
Del Grosso: grande visione di gioco, ritmo (ha il baricentro basso) e grande familiarità con il pallone. Deve mettere muscoli e stazza.
Mitrea: bellino, elegante. incide poco.

Rossi: dà una mano anche al centrocampo, ma quando spinge insiste un po' troppo nell'azione personale. Anche lui non è certo un colosso.

Vergani: 3 gol e due pali. Basta così?
Fonseca: lui non segna, ma confezione due splendidi assist per i primi due gol di Vergani. Poi manca di poco il successo personale. Grandissima prestazione.

Brigati: entra nel finale per Vaghi e mette grinta e corsa.
Chrisostomou: impressiona davvero molto. Corre, lotta, ha forza fisica e in occasione del terzo gol vince 2-3 dribbling sullo strettissimo poi serve l'assist delizioso per la tripletta di Verga.
Esposito: pochissimi minuti e un gol sfiorato con una punizione magistrale.
Zupperdoni: gioca da centrocampista di sinistra. Non è tanto alto, ma ha una forza nelle gambe incredibile che gli consente di sprintare più volte nella stessa discesa. In questo ricorda un po' Zanetti. In occasione del quarto gol parte in velocità, lascia sul posto 3-4 avversari e serve a Rossi una palla da appoggiare in rete.

SeS titola: "Vergani incontenibile. Inter, il 9 porta bene (nona vittoria consecutive per Zanchetta)".

Nel testo, dopo aver ricordato che nella partita precedente il Chievo aveva sconfitto l’Atalanta,  si parla di gara abbastanza equilibrata, almeno nel primo tempo. Poi I cenni di cronaca.

Queste le pagelle:

Pozzer 6 sul tiro di Karamoko può solo restare a guardare.

Vaghi 6.5 spinge costantemente. Zuelli brutto cliente.
Pirola 6.5 puntuale su Rovaglia, che combina ben poco.
Ntube 6.5 come il compagno, affidabile nelle retrovie.
Colombini 7 macina chilometri sulla sua fascia.

Cester 6 senza strafare (Zupperdoni 6.5 piazza l’assist vincente da subentrato).
Del grosso 6.5 al posto giusto, non butta via un pallone.
Mitrea 6 soffre un po’ nel primo tempo, cresce nella ripresa.

Rossi 6 fatica un po’ tra le linee, poi chiude I conti con il 4-1.

Vergani 8.5 tutto quello che tocca diventa oro Tre gol, un’apertura splendida, una traversa (Ndr. 2 in realtà). Non provate a fermarlo.
Fonseca 7.5 si intende a meraviglia con Vergani. Gran prova.

In classifica siamo secondi a 7 punti dall’Atalanta (ma mercoledì abbiamo il recupero, in casa con il Bologna. Non voglio fare previsioni, dico solo che il vantaggio dei bergamaschi era arrivato a 10 punti…).

Milan e Cesena, sempre con una partita in più, ci seguono rispettivamente a 1 e a 3 punti.

Domenica andremo a Ferrara. Intanto Vergani, con 15 gol è di nuovo capocannoniere (di entrambi i gironi).

Nel Novara sempre molto bene Geme 1.

Campionato Under 16: Inter - Cittadella 5-0

Titolo di SeS: "Inter, troppo facile".

Nell’articolo si parla di prova a 5 stelle (senza allusioni politiche) per i ragazzi di Bonacina.

Partono forte i nostri, subito in gol con una girata letale di Bonfanti sulla grande assistenza di Oristanio. Poi Sottini di testa raddoppia su corner. Prima dell’intervallo, il terzo gol di Cancello, su rigore. Nonostante 4 cambi nell’intervallo, la squadra mantiene la sua identità e Di Marco, con un gran diagonale trasforma un bell’assist di Verzeni. In chiusura il quinto gol di Mirarchi, da fuori.

Il mister ha dichiarato: “Atteggiamento giusto sin dall’inizio.”

Le prime vincono tutte e in classifica manteniamo il primo posto con 4 punti sulla Lazio, otto sull’Atalanta e 17 sul Milan.

Domenica andremo a Ferrara, mentre l’Atalanta andrà a Cagliari e la Lazio ospiterà il Chievo.

Tra i marcatori, pur avendo giocato relativamente poco, Bonfanti continua la sua scalata ed è ormai a 3 gol dal vertice.

Under 15: Inter - Cittadella 5-0

Disponiamo solo delle formazioni e dell’indicazione di Gnonto come migliore in campo.

Questi i ragazzi schierati:

Priori
Zanotti (Chierichetti), Lonati, Cepele, Peruchetti L
De Milato (Peruchetti R), Radaelli (Pezzini)
Gnonto (Paccagnan), Peschetola (Branzini), Sabia (La Torre)
Politi (Magazzù)

In classifica siamo primi con 6 punti sull’Atalanta, che però deve recuperare una partita e 16 punti sul Milan (idem).

Domenica Spal - Inter e Cagliari - Atalanta.

Campionato Under 14: Feralpi - Inter 1-3

Anche in questo caso disponiamo solo delle formazioni e dell’indicazione del migliore (Pelamatti).

Greco
Marocco (Pandini), Schiavo, Trubia (Castoldi), Valtorta (Perin)
Gatti, Pelamatti
Maffi (Savane), Uberti, Saracino (Menegatti)
Marise (Curatolo)

Sempre primi con un punto sul Milan e 7 sull’Atalanta, fermata sul 3-3 a Bolzano.

Prossimo turno: Inter - Como.

Campionato Under 13: Inter - Cremonese 7-0

Formazione:

Raimondi
Grieco, Stante, Fossati, Corsini
Itraloni, Vishaj, Di Maggio
Gallo, Esposito, Owusu

Miglior giocatore, secondo SeS, Gallo.

In classiifca sempre primi, con 2 punti sull’Atalanta e 3 sul Milan.

Prossima partita: scontro al vertice a Bergamo con l’Atalanta

Settore pre-agonistico

Sono state rinviate per altri impegni le nostre partite di:

Giovanissimi provinciali (Girone E)
Esordienti Sq. 1 (Girone 9)
Esordienti Sq. 2 (Girone 10)
Pulcini A Sq. 1 (Girone 13)
Pulcini A Sq. 2 (Girone 14)

Si sono invece disputate le seguenti partite:

Pulcini B Sq. 2 (Girone 29): Accademia SD - Inter 3-7
Pulcini B Sq 1 (Girone 42): Masseroni - Inter 3-7
Pulcini C (Girone 58): Seguro - Inter 2-2

Luciano Da Vite

61 commenti:

  1. Complimenti ai ragazzi per la grinta messa in campo ma risultato, purtroppo, inevitabile. Tipica partita che rispecchia perfettamente la salute dei rispettivi movimenti calcistici. Da una parte l’Inghilterra che ha fatto passi da gigante e nell’anno appena trascorso ha vinto i Mondiali U17 e U20 e l’Europeo U19, arrivando in finale nella manifestazione europea U17 e fino alla semifinale in quella U21. Agli ottavi della YL è rappresentata da 5 squadre mentre la quinta miglior squadra di Premier rischia seriamente di buttare fuori dalla CL la stradominatrice del calcio italiano con un nucleo di giocatori 'homegrown' e il 60% di possesso palla.

    Dall’altra parte il calcio italiano che si trova più che mai sull’orlo del collasso. Fallimenti ininterrotti in tutte le rappresentative nazionali dai più piccoli ai più grandi, l'organo di organizzazione e controllo del calcio è in caos e il livello medio del giovane calciatore prodotto è angosciantemente mediocre per qualità e talento.

    La Primavera dell’Inter è composta dai migliori atleti delle squadre che pochi mesi fa hanno vinto il campionato nazionale a livello Allievi, Berretti e Primavera, con in aggiunta diversi giocatori costati svariati milioni di euro. E ieri questa squadra non ha fatto un tiro in porta. Sembrava veramente di vedere uomini contro bambini per tecnica, doti atletiche, organizzazione e idee di gioco.

    Il calcio italiano ha montagne da scalare se intende tornare a livelli minimamente competitivi.

    RispondiElimina
  2. Buongiorno a Voi Tutti. Dobbiamo comunque fare i complimenti al nostro settore giovanile che in condizioni economiche modeste e con tutte le difficoltà segnalate da Luciano riesce comunque ad emergere.
    Bravi ragazzi e complimenti a mister Vecchi.
    L’auspicio è di vedere presto qualcuno di loro in prima squadra (SALA + EMMERS prima di tutti).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da tifoso alla tv dei nostri giovani, purtroppo devo dissentire su Sala: gli manca ancora oltre al fisico, la reattività-potenza per poter essere presto da prima squadra all'Inter, in futuro speriamo di sì. Di sicuro ha già un piede, e un'intelligenza calcistica fuori dal comune.
      Vedo molto più pronto Dimarco, che spero venga riscattato quest'anno per evitare di perderlo anche se non ho idea di come stia giocando in svizzera

      Elimina
    2. Penso che per Dima questa sia stata una stagione interlocutoria finora... condizionata dai problemi fisici di inizio campionato. Non mi aspetto che venga riscattato (facendo esercitare l'opzione per la recompra) a fine stagione purtroppo.

      Elimina
    3. Comunque Dima è un '97 Sala un '99 e per di più Dima ha naturalmente un fisico più potente.

      Elimina
  3. Sono d'accordo sia con Luciano che con Ziemelu, allo stesso tempo. L'Inter ha fatto la partita che doveva/poteva, tuttavia il ''movimento'' inglese e' molto piu' in salute e si vede ad ogni partita, soprattutto delle nazionali. Non credo sia soltanto una casuale questione generazionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Premier giocano, oggettivamente, più "campioni" che in Italia, non faccio un confronto tra i 2 campionati rilevo un dato.
      Per un giovane, vedere e, magari, confrontarsi con un campione AIUTA molto più che vedere uno normale o scarso.
      Diventa un circolo vizioso, il cane si morde la coda.
      Ma qui abbiamo costacurta che, per migliorare, propone di ridurre gli stranieri.

      Elimina
    2. Non credo sia solo questo. A noi mancano anche le infrastrutture e gli investimenti nel settore giovanile e, purtroppo, anche adeguati "formatori". Non produciamo campioni da almeno 15 anni, gli ultimi giocatori italiani di livello internazionale sono nati negli anni '70, con l'eccezione, forse, di De Rossi e Verratti.

      Elimina
    3. Magari fosse solo quello.

      In Francia, in Belgio ma anche in Germania sfornano ottimi giocatori pur senza avere campionissimi nei rispettivi campionati. Magari non i messi, ma gli hazard, i mbappe, i pogba, della Germania non so nemmeno chi prendere come esempio.

      Elimina
    4. Non mi sono spiegato, non volevo sostenere fosse "solo questo" o che "questo" fosse il problema principale.
      Notavo che davanti a "problemi" nel migliore dei casi MANCANO soluzioni, nel peggiore si propongono "soluzioni" rovinose...

      Elimina
  4. C'è sempre qualcuno che non è contento delle nostre prestazioni.
    Consultare i trofei vinti negli ultimi 10 anni dal nostro settore . L'unica società italiana , come settore giovanile, a fare il triplete è stata L'Inter di Stramaccioni. Ma seguite le partite di Vinovo e Vismara e commentatale sul loro bLog. Scusate lo sfogo ma quando è troppo e troppo . Altro personaggio che io non leggerò più .

    RispondiElimina
  5. Commentatele . Per chi non lo ricorda quell'Inter Scudetto , coppa Italia e next generation.

    RispondiElimina
  6. Per me Pinamonti rimane come sempre troppo timido, magari esce alla distanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bonazzoli ad esempio faceva maggior differenza in categoria

      Elimina
  7. Non se ne parla mai, ma il calcio al Sud e' assolutamente sottosviluppato. E' solo un aspetto che andrebbe per forza migliorato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A scanso di equivoci io non c'e l'ho con l'Inter ma col sistema italiano piu' in generale

      Elimina
  8. Aggiornamento su lautaro. Il presidente del racing ora parla di 40 milioni di euro. E da l'inter come squadra "in vantaggio".
    Vediamo se il buon piero ausilio è cosi fenomeno da farsi fregare anche questo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il presidente del Racing sia un bel furbetto e stia giocando al rialzo...cmq i 40 mln sarebbero di dollari e sarebbero comprensivi di Tasse commissioni varie e contributo da dare alla squadra precedente di Lautaro. Credo che arriverà senza problemi...nutro molti più dubbi su De Vrij invece...credo che andrà in una Top europea purtroppo

      Elimina
  9. Il post di luciano è un premio alla youth league disputata dalla nostra primavera, e i voti ne sono la conseguenza, per questo non li discuto ne commento.


    Un appunto solo per la solita stilettata nei miei confronti, io ho parlato di sala che sa gestire poco le proprie forze (o che non ne ha abbastanza) intorno al 70 esimo. Lui é uscito per crampi dopo esser stato saltato con facilità irrisoria dal proprio avversario all 85esimo. Evidentemente torto non ne avevo. Se prendavamo gol in tale occasione che giudizi avremmo dato? Le critiche costruttive vanno anche apprezzate e usate per migliorarsi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, doveva risparmiarsi, così il gol lo prendevamo davvero e prima e così sarebbe stato più facile attaccare la nostra primavera e il nostro settore giovanile

      Elimina
    2. Semplicemente, se non ce la fai piu. Alzi la mano e chiedi il cambio.

      Elimina
  10. Ho visto solo una ventina di minuti, più o meno da dopo il gol di Emmers fino a cpoco dopo il pareggio.
    Ho visto il Manchester come una squadra capace di fare molto possesso palla, anche se decisamente sterile. Quando è riuscito ad azionare gli elementi veramente forti ha ottenuto un rigore fasullo e quasi nessuna situazione pericolosa.
    Mi è invece piaciuta molto, in questo lasso di tempo, la capacità dei mostri di uscire bene e di rendersi pericolosa con azioni ben più insidiose (poi ho visto anche gli highlights).
    Certamente meritavamo di vincere contro una delle squadre più forti in circolazioni, sfortunati e un poco ingenui.

    Sala può diventare un fior di giocatore. Buone prospettive acneh per Zaniolo e Odgaard. Su Pina non saprei, una volta Vecchi ha detto che è il giocatore più forte che abbia mai allenato, e Vecchi non parla a vanvera, anche se nemmeno lui, come nessuno al mondo, ha il vangelo in bocca.

    Sono d'accordo sul fatto che l'Italia è indietro anni luce a livello giovanile, ma in questo disastro l'Inter è invece all'avanguardia, così come (con le dovute proporzioni) l'Atalanta.
    Eliminazione amara perché non siamo inferiori a nessuna squadra.

    RispondiElimina
  11. Su Lautare e De Vrij, dico che un giocatore è di una squadra quando il contratto viene depositato in lega, prima sono tutte chiacchiere, interessanti se si vuole, ma solo e puramente chiacchiere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vai in argentina e non lo prendi...sei un fesso...
      Basta scusanti per Ausilio.

      Elimina
  12. Dagli highlights sembra ci fossero il rigore sia per loro sia quello per noi.

    https://www.youtube.com/watch?v=pLoimhvvFBY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io ho avuto questa impressione

      Elimina
    2. Ma dai, Io non ho mai visto un tuffo così goffo con entrambi i piedi, anche quello eventualmente non toccato dal nostro difensore, come se davvero fosse sul trampolino. Per me è una simulazione del giocatore del City così, appunto, goffa da meritare qualcosa di più del giallo per simulazione.

      Elimina
    3. Boh Rina, mi sembra che Bettella lo prenda con la gamba destra, e stesso rigore doveva dare a noi tra o'altro

      Elimina
    4. Non so Matteo. Tra l'altro nella diretta hanno fatto vedere una quantità mai vista di replay da telecamere diverse e in alcuni era molto evidente. Per me è evidente che Nmecha va volontariamente col piede destro contro Bettella, ammesso che lo tocchi perché da alcuni replay sembra proprio di no, ma ciò che tradisce la simulazione secondo me in modo inequivocabile è che se ti aggqnciano un piede fai come Odgaard, cioè ti scomponi e cadi in torsione. Nmecha invece punta a terra entrambi i piedi, anche quello che sicuramente non viene toccato da Bettella, in completo allineamento, e si tuffa goffamente in avanti. Davvero manca il trampolino. E' come se qualcuno gli avesse falciato entrambi i piedi, secondo me cadi così solo se simuli goffamrnte.

      Elimina
    5. A mio avviso un minimo tocco c'è stato, non da causare la caduta, e l'attaccante inglese accentua tuffandosi. Il rigore é molto dubbio. Lo é molto meno quello su odgaard, rigore netto

      Elimina
  13. Anch'io. Infatti non mi ha tanto scandalizzato il rigore assegnato contro di noi, ma il metro di giudizio palesemente diverso.
    Io ho visto Pina molto meglio di Odgaard, perché si è reso maggiormente utile alla squadra. Come capacità di penetrazione, poca roba per entrambi. In prospettiva, Odgaard ha più fisico ed è avvantaggiato. Pina ha molta più classe . Si tratta di vedere se migliorerà più Pina in potenza o Odgaard in rapidità e sprint. Oggi nessuno può dirlo, ma migliorare la velocità per un peso massimo non è facile

    RispondiElimina
  14. Su De Vrji e lottino io sono molto ottimista, moltissimo. Che non vuol dire certo.Per me l'inferiorità a livello giovanile, con il mercato mondiale aperto dipende solo dai soldi (e un po' dalle strutture, per la verità). Se io ho i soldi per andare a portar via i migliori talenti al barcellona, divento forte anch'io.
    Sulla bontà dei vivai inglesi, valuteremo ai prossimi mondiali. Loro hanno un vantaggio certo su di noi, come i francesizza miriade di immigrati di seconda generazione. Senza quelli e senza la scuola dei campioni importati a centinaia di milioni, continuerebbero a far pena, come hanno sempre fatto storicamente.

    RispondiElimina
  15. oggi ho incontrato Xian e gli ho fatto i complimenti (a lui e alla squadra) per la splendida prestazione. Ziemlu dice che non poteva finire in altro modo, ma dimentica che la partita è finita alla pari e che se mai qualcuno ha da recriminare siamo noi. A meno che non si cambino le regole e si attribuiscano i 3 punti a chi fa più possesso palla.
    Xian ha ammesso che gli avversari erano fortissimi e che loro per giocare alla pari hanno dovuto dare veramente il 100%. Il ragazzo era visibilmente amareggiato per l'esito (non credo sia accaduto spesso di sprecare due rigori match point, c'è anche una dose di sfortuna a casualità, soprattutto nella traversa del Lomba), tuttavia era fiero della partita giocata dal collettivo. Siamo cosi a terra che avendo pareggiato con il City, che certo non è la più debole delle rimaste, ci possiamo considerare pari a una delle 8 più forti squadre europee del momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti ai ragazzi vanno fatti e sono stati fatti da tutti i complimenti

      Elimina
  16. U17 ha vinto a Bologna 3-5. Ora siamo a 4 punti dalla Dea e abbiamo 4 punti di vantaggio sul milan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbaglio o fonseca ha un po piu di continuita?

      Elimina
    2. Fonseca è in un periodo molto brillante e sta trovando l'intesa con vergini, che in passato non sempre è risultata facile, per le caratteristiche dei due ragazzi

      Elimina
  17. Oggi si parla di strootman. Per 35 milioni.
    Giocatore che io non prenderei assolutamente. Ha carattere, vero, ma poco altro. Lo lascerei dov'è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto che avrebbe una clausola di 32, quando interessava la juve, chissà perché quando si tratta di Inter tutto salga...
      Comunque si parla di strootman solo perché ha gli stessi agenti (SEG) di De Vraji...
      Il problema di strootman temo siano gli infortuni. Per quanto sia migliorato.

      Elimina
  18. Secondo me Strootman, al netto degli infortuni è meglio di tutti i nostri centrocampisti attuali, ma dubito che ci farebbe fare da solo il salto di qualità necessario (sempre parlando di centro campo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me inferiore a rafinha alla pari con borja e vecino superiore a gaglia

      Elimina
  19. Complimenti ai ragazzi x la partita giocata
    Meno x i rigori
    Ma sono stati cmq spendidi

    RispondiElimina
  20. Strootman prima dei gravi infortuni era fortissimo in entrambi le fasi. Ora seppure non sia piu lo stesso la penso come Luciano. Contento per fonseca: mi piacerebbe vederli da vicino. Sapete dirmi se l'under 17 la prossima la gioca a interello? Domenica a che ora?

    RispondiElimina
  21. Al contrario di molti ritengo che la prima mezz'ora della primavera sia stata giocata su livelli altissimi come qualità di gioco, con ripartenze fulminee e tocchi di prima.
    Dopo il rigore - a mio avviso incomprensibile la giocata di Bettella - abbiamo comunque continuato a fare la nostra gara fino alla fine.
    Teniamo conto che il Man City si va a prendere i giocatori dal Barcellona sborsando fior di milioni, un po' come se noi ripetesseimo l'operazione Colidio per 5-6 elementi della rosa. A proposito di Colidio: vi sembra un caso che i due subentrati al 90esimo abbiano entrambi fallito il rigore? Secondo me in questo Vecchi ha sbagliato

    RispondiElimina
  22. Domenica l'under 17 sarà in trasferta a Ferrara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto grazie. Sará per la prossima settimana

      Elimina
  23. Cinque giornate di squalifica per Gossò! Ragazzo mio, così non andrai da nessuna parte...

    RispondiElimina
  24. Buongiorno a Voi Tutti. Sento parlare sempre di mega acquisti in rete (Vidal, Strootman etc).
    Tutte sciocchezze destabilizzanti per chi è oggi in squadra

    RispondiElimina
  25. Interessanti le parole di Kondogbia, sul fatto che tendiamo a cambiare troppo spesso allenatore (vero) e giocatori, in effetti di giocatori ne sono arrivati parecchi in questi anni se andiamo a vedere, spendere poco per comprarne tanti ed abbassi al qualità della rosa, anche se forse sembra che nelle ultime due sessioni di mercato si cerca di cambiar meno la rosa.
    Sto fortemente pregando l'arrivo di De Vraj, oltre all'accesso a quella competizione europea.

    RispondiElimina
  26. "In quella nuova vita avrei dovuto fare un salto di qualità a livello di esigenza verso me stesso. Per esempio: se l'allenamento è alle 11, un grande giocatore deve arrivare alle 10, oppure alle 9,30. Ecco, diciamo chiaramente che non sono stato un grande giocatore".

    ecco cosa era interessante di Kondo.. giocatore da me sempre difeso

    se ci sono stati molti cambi di allenatori la colpa e' anche dei giocatori

    RispondiElimina
  27. Vidal e De Vrji sono abbastanza credibili, come obiettivi, perché entrambi a costo zero. Farebbero crescere il monte ingaggi, questo si

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vidal non è mica in scadenza di contratto...De Vrij credo che andrà in una top in Premier. Luciano per caso sai dove e a che ora giocherà U17 a Ferrara?

      Elimina
  28. Rispetto agli articoli su Ausilio, dico solo che vorrei sapere con esattezza se, come penso io, lui si occupa di chiudere gli affari impostati, mentre la responsabilità primaria delle scelte è di Sabatini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so cosa ne pensi di Nicoletti, lui sostiene in molti casi, per esempio su Dalbert, il contrario. Poi è chiaro che, a meno che parli qualche dirigente, non possiamo saperne miente. A volte accade, per esempio lessi un'intervista a un dirigente Inter (non ricordo chi) che raccontava come Branca fosse andato dal Bayern per trattare Demichelis ma i tedeschi rifiutarono e chiesero se l'Inter potesse interessare Lucio.

      Elimina
  29. Mi dispiace, Rina, ma non inseguo le voci. Spesso almeno frutto di pregiudizi, se non interessate. Io resto (come sempre) ai fatti. Per me c'è in capo e un aiutante. Sino a prova contraria

    RispondiElimina
  30. Questa storia di dare la colpa a chi...vogliamo è vecchissima. Ai tempi, per esempio, tutti i brocchi li aveva voluti Branca, tutti i campioni, Mancin;

    RispondiElimina
  31. Antonio Candreva è tra i migliori uomini assist della Serie A, addirittura in testa per quanto riguarda gli assist trasformati in gol. Lo riporta proprio il sito del massimo campionato italiano, che ha messo in fila i quattro migliori giocatori da questo punto di vista.
    Be' non male per uno che dovrebbe giocare in Lega Pro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fai 400 cross... é ovvio che qualcuno va a segno... é la legge dei grandi numeri.
      Bisogna capire quante azioni offensive ha sfruttato e quante no...

      Elimina
  32. Ho pubblicato l'intervista rilasciata da Spalletti al Corriere: https://fratellidelmondo.blogspot.it/2018/02/lintervista-rilasciata-da-luciano.html

    RispondiElimina

Printfriendly