domenica 18 giugno 2017

Sogni di Primavera (Parte prima)

Gli Under 19 allenati da Stefano Vecchi alzano al cielo il trofeo per la vittoria dello Scudetto Campionato Primavera 2016/2017. Il titolo mancava in casa Inter da cinque anni. In questo primo post Luciano ci presenta uno per uno tutti i protagonisti della grande stagione disputata dai nostri ragazzi.

Se ci avessero detto, ai primi di settembre, che la nostra squadra di U19  avrebbe giocato un girone di campionato da protagonista assoluta, tenendo la vetta per molte giornate e mollando qualcosa solo nel finale a qualificazione ottenuta con largo anticipo; che sarebbe arrivata in semifinale di Coppa Italia, eliminata solo dalla Roma che avrebbe poi vinto; disputato la Supercoppa; conquistato a Viareggio la semifinale, uscendo solo ai rigori contro il Sassuolo vincitore del torneo;  superate trionfalmente le tre partite spareggio della finale nazionale per il titolo di campioni d’Italia, pochi di noi (forse solo i più sfrenati ottimisti) ci avrebbero creduto.

Di fatto i ragazzi di Vecchi  hanno dimostrato nell’intero arco della stagione una supremazia schiacciante su quasi  tutte le rivali, trovando un’opposizione credibile solo nella Roma.

Eppure, come si diceva, l’avvio non era stato così entusiasmante.

Sul piano dei risultati, dopo 8 giornate avevamo ottenuto, 18 punti, con una media di 2,2 , incontrando però qualche squadra materasso (Salernitana, Pisa, Ternana…) e soprattutto perdendo in casa, per 2-1 contro l’outsider Novara

Nelle successive 14 partite, però, abbiamo ottenuto 12 vittorie e due pari (uno ancora con il Novara…), con una marcia da schiacciasassi e una media di  2,71, prima di rallentare, come ricordavamo, nel finale  ormai ininfluente.

In questo percorso il lavoro di mister Vecchi e dei ragazzi aveva dunque dato i suoi frutti: qualche giocatore era stato lasciato andare, qualche altro era arrivato dal mercato o soprattutto dal serbatoio della Berretti, tutti erano migliorati notevolmente, a livello individuale e come integrazione nel complesso.

Naturalmente tra i tifosi, nonostante i risultati brillanti, c’era chi criticava la presunta carenza di gioco, scambiando i propri gusti calcistici, più inclini a una manovra elaborata e insistita, con il bel gioco (quello senza “u”), che invece è praticità, efficacia, accelerazioni micidiali.

Che il livello tecnico fosse leggermente inferiore a quello straordinario della Primavera dei Radu, degli Yao, dei Gyamfi, dei Della Giovanna, dei Di Marco, dei Senna, dei Palazzi, dei Gnoukouri,  dei Baldini, dei Camara, dei Dabo, dei Delgado, dei Rocca, dei Bonazzoli, dei Puscas era vero.

Ma aver portato la squadra allo stesso rendimento, agli stessi risulti di quel complesso fuori dal comune è un ulteriore titolo di merito sia per il tecnico che per l’atteggiamento dei singoli.

Per togliere altri pretesti alla critica, dobbiamo segnalare che secondo transfermarkt l’esborso per completare questa squadra è stato di 400.000 euro.

Non credo sia una cifra superiore a quella di molte rivali e comunque sarebbe una cifra investita molto bene perché oggi, se volessimo cederli tutti, la moltiplicheremmo in maniera esponenziale.

Siccome però non li venderemo tutti, forse quasi nessuno perché molti di quelli che andranno via lo faranno “con l’elastico”, vediamo di analizzare caratteristiche e possibilità dei componenti principali della rosa, in relazione anche ai progressi compiuti e alla possibile prossima evoluzione.

IONUT RADU: senza l’infortunio che l’ha bloccato questa sarebbe stata la prima stagione di professionismo per il fortissimo portiere rumeno.

Nato a Bucarest nel ’97 Ionut cresce calcisticamente nel Vitorul, quindi passa alla Steaua, ma a 14 anni la Dinamo lo preleva dalla rivale cittadina. 

In agguato c’è l’Inter: Castellini ne nota il talento e nonostante la concorrenza di tante squadre straniere i nerazzurri se l’aggiudicano.

Dopo una stagione di transito alla Pergolettese (dove, giovanissimo, gioca titolare in serie D),  Ionut approda finalmente all’Inter e vince subito il titolo nazionale allievi; negli anni successivi ecco  la Coppa Italia Primavera e il torneo di Viareggio.

Nel maggio 2016 l’esordio in Serie A, contro il Sassuolo.

Alto 1.88, Ionut copre bene la porta anche per la straordinaria reattività ed è abile nelle uscite che effettua con sicurezza e spavalderia.

Sembra l’erede di Handanovic per la caratteristica di pararigori.

E’ molto bravo a giocare la palla anche con i piedi (tra l’altro ha segnato un rigore decisivo contro il Parma nella partita di semifinale allievi).

Per affermarsi a grandi livelli gli manca solo l’esperienza, la… salute e, volendo esser ipercritici, un incremento della potenza.

Stagione ingiudicabile per l’infortunio.

In scadenza nel ’20. Procuratore, Damiani.

MICHELE DI GREGORIO: prodotto del vivaio nerazzurro (è all’Inter sin dai pulcini), il giovane portiere milanese ha fatto tutta la trafila fino ad arrivare in questa stagione a sommare 30 presenze da titolare nella Primavera.

Nella sua carriera con i nostri colori, nonostante alcuni gravi infortuni, ha vinto di tutto, ma il  trionfo, da capitano, nello scudetto di categoria è sicuramente il fiore all’occhiello e gli ha fatto dimenticare il calcio di rigore decisivo sbagliato contro il Sassuolo nella semifinale del Viareggio.

La sua dote migliore è certamente la potenza fisica.

Lo ricordo nei pulcini, ragazzino piuttosto robusto ma non altissimo e francamente non credevo in una crescita così impetuosa a livello fisico ma anche di prestazioni.

DiGre legge bene le situazioni di gioco, è spericolato (ma con giudizio) nelle uscite e ha il suo pregio migliore nella reattività ed esplosività.

E’ sotto contratto sino al ’19. Nella prossima stagione dovrà andare a giocare in un campionato prof e sta valutando, tra le varie offerte, quella che gli possa garantire una presenza assidua, anche per recuperare il tempo perso a causa degli infortuni passati

Rendimento in stagione molto elevato.

Contratto in scadenza nel giugno ‘19

GIULIO MANGANO: per le notizie sulla sua stagione si rimanda al post pubblicato per la Berretti

ALESSANDRO MATTIOLI: giunto all’Inter nell’anno dei giovanissimi nazionali (2012-13) da difensore centrale, si è subito imposto come titolare e uomo di qualità della linea difensiva. Dopo gli esordi calcistici nella squadra del Paese (Cavriago), ‘Mattio’ passa alla Reggiana, dove viene notato dall’Inter e invitato ad alcuni provini, convincendo i nostri osservatori.

‘Mattio’ racconta dell’immensa gioia provata per la conquista del titolo nazionale, proprio in quel primo anno.

Ma tace per modestia un particolare interessante: gli osservatori avevano sempre detto che l’annata ’98 del Milan era superiore alla nostra e in effetti in campionato avevano fatto meglio. Incontriamo proprio i rossoneri in una semifinale ‘impossibile’ e la decide a nostro favore un imperioso colpo di testa proprio del giovane reggiano. Poi la gioia della vittoria, in finale.

Mattio dal mio punto di vista ha sempre dimostrato un talento fuori dal comune. Tuttavia non gli avrei pronosticato una carriera ai massimi livelli, a causa della  struttura atletica non particolarmente favorevole  per il ruolo (1.82 dichiarati, forse un paio di cm in meno).

La svolta è avvenuta con il passaggio, lo scorso anno alla Primavera di Vecchi. Intanto il lavoro da atleta professionista lo ha irrobustito, poi il mister ha cominciato a provarlo in fascia destra, con risultati interessanti.

Credo che all’inizio della stagione il mister pensasse di schierare Gravillon terzino inserendo Lombardoni a fianco di Zinho. Ma in questo modo veniva a mancare la spinta sulla fascia destra. Si è arrivati così all’inserimento di Mattio che ha subito mostrato attitudine al ruolo.

Ottimo in fase difensiva, particolarmente insidioso nella spinta, grazie alla tecnica importante, alla facilità di corsa e alla capacità di sovrapporsi cercando la fascia, tagliando verso il centro o servendo le punte.

Dopo le ripetute conferme in stagione, oggi il reggiano è un esterno affermato.

Lascerà la Primavera per limiti di età ma sono certo che può fare la fortuna di molte squadre, in attesa, chissà di un ritorno con i nostri colori.

Stagione molto positiva

FEDERICO VALIETTI: è un predestinato e solo lui potrebbe eventualmente sprecare i regali importanti che la natura gli ha dato. E’ venuto all’Inter dalla nativa Bergamo dieci anni fa e si è subito imposto per le sue qualità tecniche (in precedenza aveva giocato anche da mezz’ala) e per la struttura atletica aitante, anche se non robustissima.

Valie è sempre stato considerato un prospetto importante, ma doveva temprarsi caratterialmente, oltre che irrobustirsi fisicamente. Ho assistito a decine di allenamenti nei quali veniva ripreso duramente per la scarsa costanza nella concentrazione e la superficialità di alcune giocate.

Sembrava preso di mira, invece se ti riprendono spesso è perché in te credono molto.

Negli anni Valie ha sommato 25 presenze con le rappresentative nazionali: le ultime in questa stagione con la U18.

Impostato col tempo da terzino destro, ha trovato sicuramente il suo ruolo ideale: sotto età di un anno, ha registrato 14 presenze in Primavera, nonostante qualche infortunio lo abbia temporaneamente bloccato.

Fede si è imposto all’attenzione generale nelle finali nazionali, quando è stato chiamato a sostituire Mattio.

Era già piaciuto molto nei quarti contro il Chievo, ma la sua grande prestazione è stata in semifinale contro la Roma: fascia percorsa in modo irresistibile più volte, fase difensiva attenta e decisa, conduzione di palla e intuizioni di gioco da protagonista.

Normale che abbia attirato l’attenzione di molte società.

Per lui si parla di richieste insistenti del Pescara e il suo procuratore, Ariatti, ha riferito di numerose offerte, da vagliare con l’Inter (ovviamente per il prestito).

Se potessi dargli un consiglio gli direi di rimanere un’altra stagione all’Inter: è sotto età, non ha ancora completato lo sviluppo atletico, con un allenatore come Vecchi si allenerebbe comunque da professionista e avrebbe molte occasioni di misurarsi con i titolari della prima squadra. Inoltre potrebbe disputare la Youth Cup, affrontando i più forti pari età europei.

Questa è la mia opinione da tifoso di Valie, non da tifoso interista. In ogni caso è sotto contratto sino al 2020.

Stagione positiva con un grande finale

ANDREW GRAVILLON: grande stagione anche per il centrale di Point à Pitre (Guadalupa) trasferitosi da bambino in Francia, a Creteil nella regione dell’Ile de France, dove ha cominciato a giocare nella squadra locale, per passare poi al Garge le Gonesse, nella quale  lo ha scovato il grande Casiraghi che lo ha potuto portare a Milano grazie al passaporto francese,  prodotto della civiltà della cultura transalpina.

Giunto all’Inter in età per giocare con gli allievi regionali, impressiona per il fisico, (è alto 1.88) la potenza e la velocità, ma gli esteti mal digeriscono alcuni suoi limiti tecnici e qualche disattenzione  di troppo.

Per fortuna i nostri dirigenti hanno l’occhio lungo e vedono le potenzialità insite in un atleta che aveva esperienza solo di calcio dilettantistico.

‘Gravi’ lavora con grande serietà e i miglioramenti sotto il profilo tecnico e tattico si vedono ben presto.

Dopo un‘ottima annata con gli U17, ecco il passaggio anticipato in Primavera e poi, in questa stagione, la conferma a livello di assoluto valore.

Trentacinque presenze e sette gol confermano la sua crescita straripante, tanto che ottiene anche alcune convocazioni e 2 panchine con la prima squadra.

Oggi è un giocatore di sicuro avvenire, del tutto affidabile. Potrebbe già giocare in B e forse in A, ma sembra che verrà trattenuto a far da guida alla covata dei 99-2000  che dovranno affrontare anche la Youth Cup e nello stesso tempo, chissà che non venga utile in qualche circostanza, alla prima squadra.

Non vorrei dire una bestemmia, ma a me tranne che per l’esperienza non sembra affatto inferiore a Murillo, un difensore che ha la sua esplosività e velocità, ma forse meno concentrazione e che non ha più i suoi margini di miglioramento sul piano tecnico e tattico.

Procuratore: Damiani

Stagione eccellente

VANHEUSDEN ZINHO: un altro predestinato. Basterebbe ricordare come molte delle più grandi squadre europee lo corteggino da tempo: tra le altre Chelsea, Borussia Dortmund, Arsenal (e già al momento del suo acquisto l’Inter ha dovuto superare la concorrenza di molti club) per dare un’idea delle prospettive che sembra offrire  questo giovane centrale belga.

Arrivato in nerazzurro nel luglio 2015, dopo un lungo contenzioso con lo Standard Liegi, sua squadra di origine, il difensore di Hasselt si è subito imposto tra gli allievi, diventando l’uomo guida della difesa segnalandosi anche per le sue doti realizzative.

Piede destro molto educato per un difensore, ottima struttura fisica (1.87 di altezza, ma fisico che può irrobustirsi), ha la specialità di uscire palla al piede e trasformare l’azione difensiva in un pericoloso rovesciamento di fronte. Ottimo nella conduzione della palla e negli inserimenti offensivi sui palloni alti, possiede anche un tiro forte e preciso che gli consente di calciare punizioni spesso pericolose.

Con queste caratteristiche, normale che Vecchi lo adocchi a lo... arruoli in anticipo di un anno, facendone subito il perno della propria difesa (27 presenze e 6 gol in stagione).
Titolare della nazionale belga U19, Zinho ha già collezionato 34 presenze nelle varie rappresentative.

Per sua stessa ammissione in Italia ha imparato molto, sia in termini tattici (l’attenzione alla coralità dei movimenti difensivi) sia nel frenare la sua istintiva propensione a spingersi in avanti. Il giovane difensore belga, che sogna l’esordio in prima squadra, dove è stato 3 volte in panchina, sembra aver maturato un forte senso di appartenenza alla squadra, che fa bene sperare anche per il futuro. 

Diciamo che tra lui e il successo da professionista l’unico ostacolo sembra essere la necessità di irrobustirsi ulteriormente. Poi non ci dovrebbero essere problemi.

Il suo contratto scade nel giugno 2019

Stagione buona: può fare meglio ancora.

MANUEL LOMBARDONI: il difensore centrale bergamasco (ma Bergamo è… specializzata nel produrre difensori centrali) è arrivato all’Inter nell’estate del 2015, provenendo dalla Virtus Bergamo. Ha disputato la prima stagione con la Berretti, destando subito buona impressione tanto da essere convocato da Vecchi che l’ha schierato due volte in Primavera.  In questa stagione è avvenuto il passaggio definitivo nella nostra seconda squadra, dove si è alternato agli altri centrali nel ruolo, disputando 24 partite complessive, con un gol.

Giocatore dalla struttura fisica importante, è molto migliorato anche tecnicamente  e oggi è elemento di grande affidabilità a questi livelli.

Grinta, concentrazione, capacità di marcatura sull’uomo restano le sue doti migliori mentre dovrebbe migliorare un po’ nella rapidità sul breve.

Va considerato comunque che è nato in dicembre, dunque è quasi un ’99. In ogni caso il prossimo anno dovrà andare a giocare e per le sue caratteristiche attuali penso che una buona Lega Pro farebbe al suo caso, per accumulare esperienza  e valutarne nel tempo gli ulteriori   progressi, che non mancheranno trattandosi di un giocatore di grande serietà e applicazione.

E’ gestito dalla tmp soccer di Tullio Tinti, nelle persone di Manuel Montipò e Fausto Pari.

Stagione caratterizzata da importanti progressi

RYAN NOLAN: anche per il difensore ispano irlandese si rimanda al post sulla Berretti, nel quale è stato tracciato un breve profilo. In questa sede ricordiamo solo che in stagione è sceso in campo con la Primavera per 8 volte complessive.

ANDREA CAGNANO: esterno sinistro, tutto mancino, il giovane difensore nato a Cantù (ma fa parte della colonia interista di Mariano, insieme a Putzolu e Mutton) è all’Inter da 11 anni. Dopo la vittoria in campionato, particolarmente entusiasmante per lui, interista dalla nascita, ha manifestato insieme a una grande felicità, il suo dispiacere perché a causa dei limiti di età, dopo tanti anni  non frequenterà  più, almeno a livello di calciatore, i campi di Interello.

Quando si dice il senso di appartenenza…

Andrea è uno di quelli che ho visto e seguito da piccolo e ha conservato le caratteristiche innate:  possiede un’ottima progressione e ha un piede sinistro educato, sia per i cross che per quanto concerne il tiro a rete (che sfrutta ancora poco). Piede destro da migliorare.

Nel frattempo ha messo un fisico possente che lo agevola nei contrasti, ma non ne favorisce l’agilità necessaria sul breve.

Andrea è sempre stato più forte nella spinta che nella marcatura, ma gli insegnamenti di Vecchi lo hanno migliorato anche sotto questo aspetto: ora se ha un avversario rapido e guizzante, o lo anticipa o lo aspetta a 1-2 metri, già girato lateralmente e pronto a partire (ricordate l’intervista di Spalletti ne “la partita perfetta”?)

In questo modo la marcatura riesce molto più efficace.

Anche lui, per raggiunti limiti di età andrà a giocare altrove: l’Inter gli ha proposto un prestito in Lega Pro ma si riserva di decidere, in accordo con la società e con il suo procuratore, il grande Ivan Ramiro Cordoba, perché avrebbe qualche proposta anche dall’estero e forse ambisce alla serie B.

Intanto, in questa stagione, è stato titolare indiscusso, sommando 29 presenze e realizzando 2 reti.

Stagione positiva

MARCO SALA: dieci presenze in Primavera e diverse apparizioni in Berretti, esordio nella rappresentativa U18: questi i numeri della stagione del grande talentino (mi si passi l’ossimoro) di Rho.

Considerato che parliamo di un ’99 e tenendo conto del fatto che la straordinaria abilità tecnica del giovane terzino mancino non è supportata ancora da una potenza fisica e muscolare di primo livello, si tratta di numeri entusiasmanti.

Soprattutto se pensiamo anche al fatto che l’allenatore della Primavera è Vecchi, un mister con comportamenti da squadra professionista, che sceglie giocatori di qualità ma soprattutto pronti fisicamente e tatticamente.

Marchino ha fatto tutta la trafila nelle giovanili dell’Inter, sin da pulcino, è un altro di quei tanti esempi (recenti) di giocatori scelti,  e guidati dalla società a una crescita progressiva sino alle soglie del professionismo, quando la palla passa  a chi gestisce già giocatori da immettere nel giro del grande calcio.

Tra Primavera e Berretti (anni 98-99) oltre ai sei già citati, abbiamo altri sei giocatori cresciuti nell’Inter almeno dai giovanissimi: Di Jenno, Zappa, Celeghin, Russo, Spaviero, Vai, oltre a Rada rientrato dopo un prestito e oltre ai tantissimi arrivati nella stagione degli U16 e forgiati dai nostri tecnici negli anni).

Le qualità straordinarie di Marchino, certo, le avrebbe notate anche un ipovedente.

Non solo con il piede sinistro fa tutto quello che vuole, ma con la sua grande intelligenza calcistica ha tempi perfetti di intervento e di inserimento e fa sempre la giocata giusta. Caratteristiche queste che gli hanno consentito di dominare la fascia di competenza in modo indiscusso almeno fino al campionato Berretti.

In Primavera il discorso è diverso, anzitutto per la sua struttura atletica, ancora da completare, come ricordavo, e poi per il fatto che questo elemento si accompagnava all’anno di anticipo.

Quando è stato chiamato ad esprimersi ha fatto comunque bene anche qui, altrimenti non si spiegherebbe la fiducia che il mister gli ha rinnovato per ben 10 volte.

Marco ha una sola presenza, ottenuta quest’anno, nell’U18 azzurra, ma, avendone parlato con i selezionatori della nazionale, posso assicurare che è stato seguito con estrema attenzione, partita dopo partita, in attesa di quella crescita muscolare che gli permetterà di affrontare con successo i più grandi giocatori del ranking mondiale.

Adesso Marco deve salire l’ultimo gradino. Immagino che nella prossima stagione sarà titolare indiscusso . Se intensificherà la… produzione dei chili di muscoli indispensabili, diventerà un grande campione.

La serietà e l’applicazione del ragazzo sono fuori discussione e fanno bene sperare.

Stagione interlocutoria, ma positiva.

Luciano Da Vite

173 commenti:

  1. Luciano ti faccio ancora una volta (sebbene io sia ripetitivo) i miei complimenti per la completezza di informazioni e la competenza oltre che il grande amore per i nostri colori. Un post veramente perfetto.

    RispondiElimina
  2. Su Skriniar, mi sembrerebbe di capire che l'intenzione della Samp sia valutarlo allo stesso modo in cui l'Atalanta abbia valutato Caldara. Quindi sui 25 milioni. Se la valutazione sia alta oppure no, non lo so dire: la grande verità è che il prezzo lo fa il mercato e un difensore giovane bravo e con già esperienza in serie a evidentemente vale questa cifra.

    Quello che sembra tuttavia è che l'offerta dovrebbe essere sui 15 milioni + il cartellino di Ranocchia e il prestito di Caprari. Che quindi andrebbe a Genova solo in via temporanea (poi è da vedere se sarà previsto o meno diritto oppure obbligo di riscatto).

    Sarebbe un buon colpo, questo è innegabile, anche se è evidente che dietro abbiamo bisogno di almeno un altro centrale forte e di sicuro affidamento. L'obiettivo dichiarato è Rudiger. Per il quale al momento tutto sembra congelato. Comunque secondo me arriveranno almeno altri due centrali. Con Rudiger (se arriverà) probabilmente destinato in alcuni casi a giocare anche come esterno a destra.

    Borja Valero... sembrerebbe un acquisto mirato e per una cifra sicuramente fattibile. Per me non può fare tanto il titolare in un centrocampo a due, ma attenzione perché Spalletti ha fatto chiaramente capire che il 4231 è il modulo di base, ma non sarà l'unica soluzione e anche a Roma ha adottato appunto soluzioni diverse. Probabilmente in un 4-3-3 soprattutto Borja potrebbe giocare da vertice basso o mezzala e essere il nostro organizzatore di gioco. Sulla trequarti non ce lo vedo proprio francamente. Giusto il riferimento al passaggio della conferenza stampa su Pjanic-Nainggolan... Fa pensare che lui sulla trequarti non voglia un giocatore 'tecnico' ma più una specie di martello. Secondo me lì potrebbe giocare Bernardeschi che a una buona intensità fisica abbina anche buone qualità tecniche.

    Molti lamentano acquisti da Sassuolo, Fiorentina, Sampdoria... Secondo me ci sta come lamentela in senso assoluto (nel dettaglio poi dipende, cioè se tu prendi di queste squadre solo i migliori giocatori ovviamente va bene). Resta la necessità di prendere almeno tre giocatori veramente importanti e che siano anche esperti. Possibilmente uno per reparto. Resto possibilista in tal senso. Anche se secondo me per farlo dovremo cedere uno tra Perisic e Icardi e non è detto che ad andare via sarebbe il primo.

    Tra i tanti nomi per l'attacco infine io un tentativo concreto e finale per prendere Berardi lo farei. È un vero e proprio attaccante, a differenza degli altri nomi che leggiamo e che comunque sarebbero in teoria alternativi a Perisic, e noi abbiamo bisogno di goal.

    Falcinelli (il suo nome mi sembra sia girato ieri o l'altroieri) per me sarebbe una buona riserva. Tra le altre cose Eder sembrerebbe destinato alla Fiorentina nell'affare Bernardeschi... Quindi qualcuno per la panchina serve. Fermo restando che terrei anche Pinamonti.

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace che non ci siano più voci su un possibile accordo su Bastoni... Forse l'Atalanta intende aspettare prima di cedere il giocatore per far salire il prezzo. del resto non penso proprio in questo momento abbiano bisogno di cash.

    RispondiElimina
  4. Emiliano confermo ,seguendo con Lui i nostri ragazzi , non ha sbagliato neanche una virgola. Immenso ............

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente dettagliato e nonostante il grande amore per ogni singolo giocatore, sempre oggettivo e moderato nei commenti. Nessuno conosce i nostri ragazzi come Luciano.

      Elimina
  5. Vado OT: non ho parole francamente per descrivere la possibile nomina di Agricola come direttore dello J-Medical della Juventus. Hanno veramente una bella faccia tosta e sinceramente mi stupisce che gli stessi tifosi della Juventus non siano indignati o quantomeno infastiditi da una cosa del genere.

    RispondiElimina
  6. Emiliano, adesso capisci perché Sergio era certo che vinceranno per i prossimi 6-7 anni?
    Comunque sul post siete troppo buoni e quindi scarsamente credibili

    RispondiElimina
  7. Piuttosto volevo commentare il possibile arrivo di Martusciello come allenatore della linea difensiva.
    Avevo pensato a un commento ironico (Empoli retrocesso, forse non aveva difeso... così bene). Poi sono andato a controllare i numeri:Toro CagliariSassuolo Genoa Chievo Palermo Pescara hanno subito più gol. Fiorentina Udinese Bologna e Crotone pochissimi di meno.
    ùPer quello che valgono queste cifre, in quanto come si sa la fase difensiva dipende dai movimenti di tutta la squadra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che l'Empoli sia retrocesso lascerebbe sorgere delle perplessità, ma le tue osservazioni Luciano sono giuste. In verità l'Empoli ha avuto per lo più un attacco veramente sterile e incapace di finalizzare. Solo 29 goal fatti... colpa probabilmente anche degli uomini a disposizione... Non sono comunque troppo 'preoccupato' dalla retrocessione dell'Empoli perché comunque qui viene a fare il vice di Spalletti, che lo conosce benissimo, lo ha allenato per molti anni così come lavora da anni con tutti quelli del suo staff (alcuni sono stati suoi giocatori, tipo Pane, Baldini...). Sanno Spalletti cosa vuole... Penso sia questa la cosa più importante. Comunque Martusciello resta un allenatore di Serie A che viene a fare il vice, penso sia una buona referenza.

      Elimina
    2. Se non sbaglio non sarebbe il vice, ma la figura che quando negli allenamenti i giocatori si dividono tra attacco e difesa si occupa di quest'ultima.

      C'è da dire che a livello di uomini l'Empoli aveva davvero poco quest anno, considerando anche Saponara ceduto a gennaio. Tolto lui forse il portiere era il più interessante.

      Elimina
  8. Secondo me la fiducia di Luciano è male riposta. Vedremo.

    RispondiElimina
  9. Esattamente Luciano. Sono le dinamiche complessive che mi fanno affermare che i ladri non avranno rivali per anni. La questione agricola, come la rinascita della gea, è possibile solo in uno stato dove la dipendenza come modalità dell'esistenza (dai consumi in generale) è direttamente proporzionale alla passiva acquiescenza e remissivita verso ogni forma di potere subdolo e arrogante, nonché paralegale....e l'unica soluzione sarebbe tagliare i viveri alle tv e alle squadre boicottando perfino lo stadio. Abdicare al proprio tifo per neutralizzare il sistema inattaccabile...ma è utopistico a dir poco....per il resto complimenti ai fantastici post come sempre!

    RispondiElimina
  10. IO è già da anni che ho disdetto sky (mandandogli una e-mail con tanto di motivazione ). Le partite della prima squadra le seguo o allo stadio e dal computer in streaming . se capto RAI Italia per l'estero , la seguo senza audio. i giornali sportivi è da calciopoli che non li compero più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh è già un passo. I tifosi di tutte le squadre competitors dovrebbero capire che togliendo gli introiti della tv e dello stadio (abbonamento e biglietto) si spingerebbe la società a prendere posizioni più drastiche. Gli stessi giornalisti campani solo sulla manipolazione....

      Elimina
  11. Visto Martinez del Suning... Assolutamente fuori forma e non adeguato ad oggi ad essere vice icardi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro sarebbe un extra... Penso non sia veramente un obiettivo.

      Elimina
  12. Gabriele, perchè Joao Mario la scorsa storia non solo ha fatto male, ma ha palesemente fallito da trequartista, risultando sterile in quel ruolo. Uno dei più grandi problemi della stagione è stato appunto la mancanza di un 10 decisivo.

    RispondiElimina
  13. Ma 17 milioni + Ranocchia e Caprari per Skriniar non vi sembrano un'enormità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caprari dovrebbe essere in prestito e Ranocchia valutato sui sei milioni. All'incirca è quanto il Milan ha pagato per Romagnoli e la Juventus per Caldara (lasciandolo un anno a Bergamo tra l'altro). Non lo so se Skriniar valga i due giocatori citati, ma penso sia stato uno dei migliori centrali del campionato ed è un '95... Valutazione alta ma negli standard del mercato. A meno che non si riveli poi un bidone... ma speriamo di no.

      Elimina
    2. No perché è già testato in serie A. Ha fatto un ottimo campionato ed ha margini di miglioramento. Di meglio in giro a quel prezzo non c'è niente.

      Elimina
  14. Una domanda ragazzi. Gossò Gnoukuri sarà in campo stasera contro il Palermo o è infortunato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucone da quanto ho saputo Gossò si è fatto male giocando con le giovanili della sua nazionale e dovrebbe saltare le finali... Non lo so se ci sono novità in merito.

      Elimina
  15. @martin
    Dipende da come la giri. Uno potrebbe dirti che è un enormità visto che gli dai uno stopper 29enne nel giro della nazionale italiana e un ala buonissima e di prospettiva che si avvicina a 10 gol stagionali in aggiunta ai non pochi 17 milioni di euro. Un altro potrebbe dirti che nel calcio di oggi 17 milioni per un giovanissimo centrale di prospettiva sono niente e che gli rifili pure due giocatori che a noi non interessano minimamente.

    RispondiElimina
  16. Se per caprari si trattasse solo di un prestito, sarei contento. Se esplode veramente diventa un insigne...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra sia meno tecnico e meno agile nello stretto.

      Elimina
    2. Dovrebbe essere prestito. Da chiarire i termini della cosa però. Samp che comunque sembrerebbe interessata anche a Santon ma non nell'ambito di quest'affare.

      Elimina
  17. https://www.youtube.com/watch?v=m4-6-rM5WrI

    streaming Inter-Palermo

    RispondiElimina
  18. 3-0 Visconti, Adorante, Visconti

    RispondiElimina
  19. I giovani vanno alla grande. Complimenti a questi ragazzi.

    RispondiElimina
  20. Prima finalista under 17 Atalanta, vincente ai rigori sul torino

    RispondiElimina
  21. INTER-PALERMO 3-0 con Visconti. L'altra semifinale ha visto la vittoria dell'Atalanta sul Torino ai calci di rigore (2-2 alla fine dei supplementari).

    RispondiElimina
  22. Ancora una finale Inter Atalanta come l'anno scorso. Speriamo che quest'anno vada meglio, certo che abbiamo portato quattro squadre in finale.

    RispondiElimina
  23. L'under 17 sembra esser la nostra giovanile con i valori tecnici e di palleggio migliori.

    Negli europei under 21 shick si conferma prospetto di qualità assolute, con i risaputi limiti in quanto ad animus pugnandi e imprecisione sottoporta. Di certo ha qualità per diventare fenomenale.. come di rivelarsi un ... Mattia Destro (che nelle giovanili nerazzurri aveva colpi da grandissimo giocatore).

    Nella germania tanti giocatori di qualità e ritmo, gli esterni davvero bravi, da tenere d'occhio.
    L'italia non avrà di certo vita facile nel girone

    RispondiElimina
  24. Bisogna comunque essere più che orgogliosi, comunque andrà di un settore giovabile che porta 4 squadre in finale nei 5 campionati giovanili italiani, e 3 finaliste nei 3 campionati nazionali giovanili dei più "grandi"...
    Vincere la finale con l'atalanta porterebbe ad un risultato storico ed incredibile, ma già oggi siamo probabilmente nella storia

    RispondiElimina
  25. BEttella - Zinho (se rimane in Primavera ) coppia centrale di difesa chi passa - gli altri giocano per il secondo posto.

    RispondiElimina
  26. Di Bettella si parla da un po': speriamo si confermi. In coppia con Zinho sarebbero due crack.

    RispondiElimina
  27. Sempre più convinto sia berardi che bernardeschi non saranno mai grandi giocatori...neanche in futuro. Hanno qualche colpo...ma come moltissimi altri.. Berardi negli ultimi due anni è un giocatore mediocre, bernardeschi perennemente fine a se stesso.. con semplicemente un bel tiro.
    Non sono giocatori che migliorerebbero la nostra rosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dico siano scarsi... Hanno capacità per trovare il gol da un momento all altro...
      Ma i grandi giocatori sono altri

      Elimina
    2. Sono d'accordo sul fatto che non diventeranno dei fuoriclasse, ma hanno ritmo e buona intensità. Vedono la porta. Bernardeschi se acquista cattiveria può diventare importante. Li considererei però buone operazioni come è stata quella lì di prendere gagliardini.

      Elimina
  28. Vedendo la scarsezza di Petagna (in questa partita), forse avrebbe fatto comodo sul serio portarsi anche Pinamonti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrebbe saltato la fase finale del campionato primavera, quindi meglio così. :)

      Elimina
  29. Ritengo invece Bernardeschi un prospetto di rilievo. Molto bene a dx e buona visione di gioco. Adesso non vale Perisic in futuro chissà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non condivido... Ha fatto un paio di cambi di gioco... Ma non vede corridoi per i tagli. Ha un buon calcio quello di sicuro...ma eccede in leziosismi inutili e controproducenti.
      Mi ricorda benny carbone/morfeo niente di che

      Elimina
    2. Ha delle qualità fisiche e atletiche Benny Carbone e Morfeo non avevano.

      Elimina
    3. Oltre ad una buona difesa, il migliore mi pare essere stato il subentrato Chiesa. Bernardeschi è migliorato nel secondo tempo mostrando una buona tecnica.

      Elimina
  30. E Morfeo aveva grandissime qualità, purtroppo associate ad una mancanza delle attitudini necessarie per emergere in grandi squadre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Morfeo l'ho visto esordire qua a Bergamo giovanissimo. All'epoca non era certo inferiore a Totti, ma la tecnica non basta per arrivare a certi livelli. Comunque, non a caso l'unica volta che Inzaghi è stato capocannoniere (con il suo record personale di gol) giocava con Morfeo accanto.

      Elimina
  31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aveva attitudini fuori dal campo abbastanza nocive. Peccato...se la testa lo avesse sorretto...Aveva per me mezzi superiori al primo del Piero (quello non frenato dall'infortunio e dai muscoli bombati).

      Elimina
    2. Su bernardeschi credo di avvicinarmi alle attente osservazioni dì fabio

      Elimina
  32. Da Manolas e Rudiger a Fazio
    da Nainggo a Borja
    da Schick a Falcinelli
    Mah....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, vista così non è certo incoraggiante

      Elimina
  33. Buongiorno e buona settimana. Comincio a pensarla come Luciano: le idee sono al solito confuse con una ridda di nomi con caratteristiche spesso in antitesi tra loro.
    Su Berna: deve essere chiaro ai nostri dirigenti che il ragazzo a sx praticamente non gioca e che quindi non è lui l'alternativa a Perisic. Ci penserei bene prima di cedere il croato: mi sembra giocatore di altro livello rispetto alle alternative molto costose che stiamo inseguendo (invano).

    RispondiElimina
  34. Ho visto solo il secondo tempo di Inter Palermo, e male per giunta i quanto il collegamento si interrompeva di continuo.Contento ovviamente per la finale conquistata, ma devo dire che la squadra non mi è piaciuta per nulla. Se contro l'atalanta gioca come nel secondo tempo prende quattro gol.
    capisco tutto e per questo dico "se gioca così": l'ampio vantaggio e la necessità di risparmiare energie, con il caldo e la finale vicina, le molte sostituzioni (anche se i sostituti mica sono scarsi), ma sembrava di rivedere l'inter sfilacciata e mole di inizio stagione. nessuna pressione sugli avversari, liberi di arrivare in area nell'uno contro uno.
    ma soprattutto trovo inconcepibile quel gioco a passarsi la palla insistentemente in orizzontale tra i due centrali. L'obiettivo era fare uscire gli avversari: peccato che quando gli avversari escono poi te la portano via.
    Per nove volte te la passi bene ma non hai nessun vantaggio, la decima la passi corta, uno di loro si infila ed è solo centralmente davanti alla porta.
    Quando all'asilo giocavo nella squadra degli orsetti contro la squadra dei gattini, la maestra mi insegnava già: mai passaggi in orizzontale tra i centrali della linea difensiva...
    Ripeto, forse vedendo tutta la partita avrei avuto un'altra impressione.
    Almeno lo spero.
    Piuttosto, visto le squadre che ah costruito, con pochi soldi presumo, Baccin potrebbe essere una buona integrazione.

    RispondiElimina
  35. Tra l'altro, cos' a naso mi sembra che si debba smetterla con la leggenda metropolitana che l'Atalanta vince spendendo poco ma portando avanti gli elementi del viviao e con l'altra, altrettanto leggendaria per cui noi prenderemmo solo fisicati e loro solo bravi giocatori.
    Ieri e non ho controllato tutta la rosa ho visto
    david Heindenreich
    Dejan Kulusevski
    Panaglotis Louka
    Pedro Pina Gomes
    Dubito che questi fossero all'Atalanta...da pulcini
    E lo stesso Nivokazi, è si italiano, ma viene da Perugia. Dubito che facesse perugia bergamo tutti i giorni per allenarsi. Anche perché legalmente impossibile

    RispondiElimina
  36. A mio parere..(e come mia speranza) le nostre reali trattative non sono ancora uscite. Ci divertiremo a Luglio...
    Abbiate fede

    RispondiElimina
  37. Una domanda per il blog... Ma un pensierino a Salah? Non lo avreste fatto? Le cifre sono le stesse +o- di Bernardeschi ma mi sembra decisamente più pronto e conosce già spalletti...

    RispondiElimina
  38. Io lo farei: però se non lo fa Spalletti che lo conosce bene, penso che possa esserci un motivo

    RispondiElimina
  39. Raiola dice che, insieme a Milan e Juventus, abbiamo chiesto Matuidi. Che non è Vecino

    RispondiElimina
  40. Penso che dipenda dagli obiettivi che ci si pone: se l'obiettivo è autofinanziarsi attraverso l'ennesimo campionato di transizione per arrivare in Europa League anche solo dai preliminari, la società si sta muovendo bene. Bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno perché per ora la società per arrivare a giocatori logori o in declino (valero,Fazio) o mediocri (falcinelli) non sta sacrificando a pochi soldi giovani come dimarco, palazzi,puscas,zinho,pinamonti e tutti i i primavera con mercato. Lo scorso anno probabilmente li avremmo venduti tutti per una campagna acquisti fantasmagorica di questo tipo. Arrivare 6 dopo il 7 posto di quest'anno sarà a portata di mano con spalletti, anche se non riuscissero a portare alcun miglioramento alla rosa. Per quest'anno mi farò andare bene un undici tipo dove può darsi che adatteranno eder al posto del partente perisic e ricicleranno i vari brozovic murillo Banega e nagatomo. Giocatori che solo attraverso la rescissione del contratto per ora cedi. Piuttosto che un bagno di sangue forse è meglio un'altra stagione con gli stessi giocatori, con la possibilità con il sergente spalletti di essere più "credibili" e cedibili sul mercato. Cosa che voglio da suning è una dichiarazione di obiettivi trasparenti: non prendete per il... rosa e tifosi parlando di 4 posto quando non avete i mezzi economici e organizzativi per modificare una stagione conclusa, per molti aspetti, nella maniera più disastrosa dal 1991-1992 in poi...solo quello interessa, che non facciano passare la mediocre rosa a disposizione come squadra competitiva ai massimi livelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo l'ineffabile Luiz Gustavo 30 enne senza arte e ne parte nelle squadre più competitive della Germania...parlando di di idee e investimenti a Napoli si dice "o sparagn nun è maj uaragn": a certi livelli cioè, il riciclaggio non porta vantaggi

      Elimina
    2. Piuttosto...complimenti agli under 17 per la partita di ieri. Forse hanno gestito troppo la partita ma la qualità di palleggio e fraseggio dei ragazzi è impressionante. Credo che contro la squadra con cui hanno perso (male mi pare) entrambe le partite in stagione mostreranno una concentrazione e cattiveria costante. Se perderanno, succederà semplicemente per una (evidente) superiorità atletica dei bergamaschi, che contro il (temibile) Toro non mi sono sembrati tecnicamente eccelsi. Potenti si però

      Elimina
    3. Comprendo il tuo sarcasmo amaro ma lo ritengo ingiustificato. Almeno aspettiamo gli inizi del ritiro per farci un'idea delle reali possibilità e intenzioni della società. Io continuo a pensare che operano in silenzio bloccando i giocatori funzionali e che i media inventano nomi perché non sanno nulla...

      Elimina
    4. Era un po' che mi mancava il sano ottimismo di Sergio :-)

      Elimina
    5. Mi sono fermato a "...non hanno i mezzi economici". Va bene i pessimismi, ma i deliri no.
      Habbo acquisito l'inter e ripianato i debiti interniche ammontavano a 200/300 milioni. Fatto campagna acquista da 125 milioni senza fare cessioni: Saldo -120 e qualcosa (terzi in europa dopo i due Manchester).
      Negli ultimi mesi (vado a braccio con le cifre) hanno acquisito i diritti della premier per 660 milioni, quelli della bunder per 350 e fondato una banca con un capitale iniziale di 400 milioni di euro. Quindi in un annetto hanno investito 2 miliardi solo in queste quattro operazioni, ed operano anche in altri settori.
      Non hanno risorse?

      Elimina
    6. Mi scuso per gli errori di battitura e per la durezza apparente! Mi ero innervosito. In realtà il ounto di vista pessimistico di sergio è sempre interessante, quando però perlomeno parte dai fatti. :)

      Elimina
  41. Fabio. Penso che salah sia decisamente più giocatore di Bernardeschi al momento, forse nello stretto meno dotato e con meno visione di gioco ma molto più pericoloso negli spazi e sotto porta,fisicamente più tosto e con una approccio mentale aggressivo che forse il fiorentino non avrà e che spiega la discontinuità di quest'ultimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido, salah sa saltare l uomo con continuità... Bernardeschi sembra che abbia un tiro migliore

      Elimina
  42. La questione milan -Donnarumma è la dimostrazione del funzionamento karmico della vita: ogni azione causa immediatamente la sua conseguenza.
    Il Milan ha portato a sé il portiere quattordicenne con manovra poco pulita. ..Ora ne paga lo scotto.
    Ha utilizzato il giovane portiere come elemento pubblicitario e poi lo ha trattato come traditore.
    Concorso con Raiola quando parla di mobbing.
    Donnarumma stesso ha usufruito della buona stampa filo milanista per due anni...Ora vede l.altra faccia della potenza mediatica rossonera.

    E di Conti Sto ne parla poco... Da squalifica.

    E agricola che torna alla juve.
    E Dani Alves che da giocatore più simpatico dell'anno (chissà perché poi) passa a traditore. Strane cose accadono nel mondo calcistico italiano.

    Per fortuna ci sono personaggi come Nicola. Non a caso granata. Un ambiente che fa dei valori umani la propria bandiera.
    Si passa da "vincere è l.unica cosa che conta" a "vivere è l.unica cosa che conta"
    Un motivo più per riprendere Benassi : ha respirato aria sana.

    RispondiElimina
  43. Visti i tanti nomi, a caso, fatti dai giornali, l'impressione è che brancolino nel buio. La speranza è che si stia lavorando a fari spenti su obiettivi di alto livello. Una cosa è certa: Suning ha dimostrato di prediligere giocatori giovani, piuttosto che trentenni con poche prospettive future. Pertanto tutti questi nomi di vecchie "ciabatte" può darsi che siano frutto della fantasia dei giornalisti nostrani, che non brillano certo per acume e professionalità, piuttosto che reali obiettivi societari. Non resta che attendere.

    RispondiElimina
  44. Salah e Bernardeschi sono due giocatori molto diversi come caratteristiche. Naturalmente il primo è oggi molto più determinante del secondo e sicuramente più forte. Questo non significa che Bernardeschi sia scarso per quanto mi riguarda. A me sembra che abbia tutte caratteristiche interessanti e un colpo simile a quello che ci ha portato a prendere Gagliardini. Non vedo perché essere negativi al riguardo. Ha una valutazione alta? Staremo a vedere. Si parla anche dell'inserimento di giocatori. Il Liverpool paga Salah tutto cash e subito, non penso che per Bernardeschi sarà lo stesso e inoltre ci dimentichiamo sempre della questione relativa l'ingaggio, penso che quello dell'egiziano sia e sarà decisamnete più alto di quello del giovane calciatore dei viola...

    Di fatto comunque tra le tante voci, Borja, Skriniar e Bernardeschi in questo momento sembrano i più vicini. La novità è Fazio. Ha trent'anni ma è un giocatore secondo me forte e molto sottovalutato. Per sette-otto milioni io lo prenderei al volo. Ricordo che parliamo di un reparto dove dovrebbero uscire praticamente tutti (Murillo, Medel, Ranocchia, Andreolli adesso sembra lontano dal rinnovo) e lo stesso Miranda non mi pare sia così certo della conferma. Skriniar come giovane e Fazio come esperto sono due ottimi ingressi per me: cattiveria, forti in marcatura, grande forza fisica.

    Non sono nel complesso comunque negativo come Sergio. Io non penso proprio che Suning voglia una 'transizione'. Per quale motivo poi? Se stiamo lavorando anche su obiettivi secondari è perché dobbiamo rifare l'intera rosa, non ce ne dimentichiamo, abbiamo ancora motivi per essere ottimisti e pensare che a questi giocatori (Borja, Skriniar, Bernardeschi, Fazio e ci metto pure Falcinelli che per me sarebbe una buona riserva) se ne aggiungano altri migliori e più determinanti... soprattutto dopo le cessioni.

    RispondiElimina
  45. Sabatini, anche visto il brutto esordio in campionato cinese, sarà più concentrato sul suning o sull'Inter?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lì non ha molta possibilità di scelta. Per rafforzare la squadra deve comprare i cinesi più forti. Non so se la sessione di mercato sia aperta.

      Elimina
  46. In questo momento sembrerebbe si stia andando in questa direzione:

    handanovic (padelli)
    rudiger (d'ambrosio) skriniar (miranda) x (fazio) dalbert (ansaldi)
    gagliardini (x) x (borja valero)
    x (candreva) bernardeschi (brozovic) perisic (joao mario)
    icardi (falcinelli)

    Chiaramente è solo una proiezione e basata tutta su trattative che praticamente non sono concluse e fatta raccogliendo le voci che sembrerebbero essere un minimo accreditate.

    Ho escluso già giocatori come Andreolli, Santon, Ranocchia, Murillo, Nagatomo, Biabiany, Eder, Medel, Kondogbia, Barbosa che sembrerebbero essere oggettivamente fuori dai piani.

    Resterebbe da costruire a quanto pare l'intero centrocampo prendendo due giocatori (un titolare e una riserva). In ogni caso le tre 'x' come titolari determinerebbero poi nel caso il nostro effettivo grado di competitività. Premesso che molto probabilmente per prendere tre giocatori competitivi potrebbe essere necessario vendere Perisic o Icardi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Messa così Emiliano il sesto posto potrebbe essere alla nostra portata.
      Sono sconcertato dai nomi che fanno le PI, voglio pensare anch'io che ci stiamo muovendo a fari spenti perché altrimenti ci sarebbe da preoccuparsi ma sul serio

      Elimina
    2. Dipenderebbe dalle tre X chiaramente. Ma comunque è una proiezione fatta unicamente su delle voci. Di concreto c'è solo il passaggio di Carrizo al Monterrey per ora (comunque era a scadenza).

      Molto probabile intanto che palazzi vada a Pescara con diritto di riscatto se gli abruzzesi restano in b, obbligo in caso di promozione.

      Elimina
  47. Andreolli dicevano fosse vicino al rinnovo. Eder che avesse parlato con Spalletti, Kondogbia difficilmente cedibile perché dovrebbero arrivare tanti soldi pernon fare minusvalenza.

    Si dice tutto e il contrario di tutto e per anche qualche giorno saremo costretti a convivere con una buona dose di incertezza. Di ufficiale c'è l'incontro con Romei per Skriniar, con l'agente di Bernardeschi, contatti con Raiola per Tete e Matuidi e con il PSG. Molto probabile l'interesse per Borja Valero.

    È ridimensionamento rispetto ai nostri sogni (Sanchez, Verratti...) e a voci giornalistiche prive di credibilità.

    Poi se vogliamo pensare che si prendano Sabatini e Spalletti, avendo cercato di prendere Simeone (!!!) per far di Borja Valero il colpo dell'estate, possiamo pensarlo. A me sembra inverosimile e fino a quando non sarà finita la sessione di mercato non ci crederò. Che si punti anche sulla rivalutazione di alcuni uomini, sulla costruzione di un gruppo - che comprenda non solo i giocatori ma anche i rapporti tra giocatori, staff tecnico e dirigenza - e non esclusivamente sul mercato è ragionevole e corretto.

    RispondiElimina
  48. La dirigenza ha comunicato ai tifosi che ci sarebbero stati grandi campioni in etnrata ("vogliamo portare in alto l'Inter" che significa appunto questo), però non ha detto quando, poteva anche voler dire fra 10 anni per quel che ne sappiamo. Aveva anche dichiarato di voler centrare la Champions Leagu quest'anno, cosa che tutti noi sapevamo impossibile (e quindi anche loro) mentendo sapendo di mentire e sapendo che tutti avrebbero capito che si trattava di balle. Il perché di tutte queste stupidate mediatiche da parte di Suning non lo capisco.
    Comunque hanno detto che il primo passo era fare 30 milioni per il 30 giugno, e quindi sicuramente stanno lavornado su questo, finora siamo a 750.000 se non sbaglio, per la cessione di Erkin. Mancano ancora 29.250.000 euro.
    Immagino si stia tentando di vendere tutta la "zavorra" che abbiamo accumulato in questi anni di sottomissione al FPF. Ma essendo tutti giocatori piuttosto scarsi non li vuole nessuno o quasi.
    Sabatini si dice sicuro di venedere Jojo e Banega a 12M ciascuno, so che quelli di Banega sarebbero plusvalenza pura, però quello di Jojo credo che non varrebbero per il Fpf, o sì?
    Ad ogni modo aspettiamo il 30 giugno.

    Una cosa che mi preoccupa è che, come Spalletti ha dichiarato, è di fondamentale importanza cominciare il ritiro con l'organico completo, in caso contrario ne scaturirebbero problemi inevitabile sul rendimento della squadra (e quindi tanti punti in meno in classifica rispetto al potenziale della squadra). Mi sembra difficile che Spalletti possa contare sull'organico completo per il ritiro, quindi dovremo considerare la partenza ad handicap, ovvero, nel corso della stagione avremi un rendimento a corrente alternata a prescindere.

    Certo, poi uno pensa che arriva Sneijder, va in campo nel derby, fa un partitone, e poi vince il triplete... ma penso si tratti di eccezioni....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Roma ha fatto il massimo in campionato potendo contare, per riprendere l'intervista da te richiamata, con Juan Jesus e forse Manolas. Partenza ad handicap... Bisogna considerare che tutti questi ragionamenti varranno anche per le altre squadre, dato che nessun allenatore ha tutta la squadra pronta a inizio luglio. Ovviamente so che il nostro discorso è più grave.

      "Mentendo sapendo di mentire"... Come se uno spendesse cento milioni di euro avendo come obiettivo massimo il quarto posto.

      Elimina
  49. Secondo me Suning dopo i proclami fatti non può non agire di conseguenza, si esporrebbe ad un'universale figuraccia, con ritorni assai negativi per i loro affari, mi affido a questa certezza "commerciale"
    Vediamo continuo ad avere fiducia, citando i CCCP dico " Fedele alla linea, anche se la linea non c'è"

    RispondiElimina
  50. Io penso che Suning spenderà per accontentare l'allenatore, con il consenso di Sabatini.
    La mia speranza è che Spalletti non si accontenti di Borja, Fazio, Tete, Falcinelli, Patelli et similia, che magari lui crede di far rendere bene.
    Dei nomi che si fanno ora mi piacciono Skriniar e (meno) Bernardeschi, visto che di Berardi non si parla più. Comunque anche questi nomi non ci farebbero svoltare, soprattutto se cedessimo Perisic.
    Poi ci sono quelli come Matuidi: se andasse alla juve o al Milan sarei preoccupato, se venisse da noi non sarei del ttuto contento. Questione...psicologica
    Su jovetic.se per esempio è stato acquistato a 15, con contratto triennale e ha ancora un anno di contratto, tutto quello che prendessimo sopra i 5 sarebbe plusvalenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui http://www.calcioefinanza.it/2017/05/30/inter-quanto-valgono-giocatori-a-bilancio-2017/ sono segnati i valori a bilancio dei giocatori al 01//01/17 e Jovetic ha un valore di 10,715 milioni di €

      Elimina
    2. bisogna vedere se al 1° gennaio non era ancora stata scontata la quota di ammortamento della stagione 2016 -17, che non si era conclusa ovviamente.
      Comunque io facevo solo un esempio

      Elimina
    3. ops scusa, ho scritto male la data, i valori sono al 1 luglio 2017.
      in ogni caso sono dati interessanti per capire chi e a quanto converrà vendere

      Elimina
  51. La Roma non ha fatto il massimo. proprio in quell'intervista Spalletti lamentava di aver perso punti per non aver potuto lavorare in estate con la difesa al completo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm... Magari ne avrà risentito maggiormente nei preliminari e nelle coppe. Ma evidentemente è possibile fare un ottimo campionato anche avendo soltanto due difensori disponibili in ritiro, tra l'altro uno dei due riserva. Mi premeva sottolineare questo.

      Condivido col discorso su Matuidi ed è quello che facevo per Di Maria, prima accostato a noi, poi alla Juventus.

      Elimina
  52. E anche Garri arriva in serie A a conferma del fatto che...non produciamo buoni giocatori.
    In bocca al lupo, Garri

    RispondiElimina
  53. Vorrei chiedere che cosa pensate dell'eventuale arrivo del pescarese del 1999 Coulibaly in cambio di Palazzi e Carraro con formula di prestito con diritto di riscatto e controriscatto.

    RispondiElimina
  54. Stavo per scrivere che Carraro è vicinissimo al Pescara, quando ho letto il post di Pasquale

    RispondiElimina
  55. sapevo che Coulibaly interessava molto alla juve. Ma se si trattasse di un acquisto contro 2 prestiti più soldi sarei favorevolissimo.Al Pescara interessa anche Gravi, ma credo che non lo diano

    RispondiElimina
  56. Vogliono rivincere il campionato primavera con un mediano dall'età dubbia?

    RispondiElimina
  57. Coulibaly interessante, con il nuovo campionato Primavera e la Champions giovanile, immagino vogliano creare una squadra Primavera molto forte sulla carta, per questo anche i 99 di quest'anno pare rimarranno, in un modo nell'altro (per esempio, se Pinamonti rimane, non ci saranno problemi a farlo giocare almeno in Champions, idem Zinho).

    RispondiElimina
  58. "Poi ci sono quelli come Matuidi: se andasse alla juve o al Milan sarei preoccupato, se venisse da noi non sarei del ttuto contento. "

    questa frase dovrebbe far riflettere sull'interismo in generale, e anzi è niente rispetto a quel che si legge in giro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però se limitato è fisiologico. Anche perché un giocatore può essere bravo e avere un dato valore oggettivamente ma essere molto utile per una squadra, poco utile per un'altra, dipende dal contesto.
      È un discorso che spesso viene fatto anche da altre tifoserie, comunque.

      Elimina
  59. Io tifo come sono capace, con tantissime contraddizioni ed elementi emotivi, persino scaramantici

    RispondiElimina
  60. Ziemelu, ma cosa ti ha fatto di male l'Inter per odiarla tanto?

    RispondiElimina
  61. Coulibaly è un elemento desiderato da molti club di serie A. Strano lo diano a noi in prestito addirittura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli abbiamo dato palazzi che per la b è oro colato...

      Comunque ovvio che Spalletti vorrebbe la squadra già tutta bella e pronta alla data del ritiro. Questo vale per lui e qualsiasi altro allenatore. Ma non è uno stupido né la dirigenza sarà stata disonesta. Sa sicuramente che ci sono inevitabilmente dei tempi che sono per forza lunghi. Detto questo io penso che qualcosa si sbloccherà prima del ritiro, poi ovviamente la squadra sarà completata nel tempo... Spalletti dovrà approfittare del 'tempo libero' in cui non giocheremo in Coppa per recuperare.

      Elimina
  62. un mio amico di Roma laziale mi dice che l'Inter ha come obiettivo concreto Milinkovic Savic, ed avrebbe già fatto capire di poter offrire cifre alte (sui 50 mln). Non chiedetemi se è affidabile perchè manco lo so io, però tanto voce in più voce in meno ormai cambia poco. sto laziale mi ha detto pure che vorrebbero prendere Vietto dell'Atletico come vice Immobile se salta Petagna.

    RispondiElimina
  63. Milinkovic sarebbe un grandissimo colpo, almeno sulla carta, capace di farmi dimenticare la delusione per qualche affare svanito.
    però io non sono negativo neppure su Coulibaly. Lui, Skriniar, se confermato Bastoni, sono giocatori in linea con i progetti iniziali espressi da Suning. naturalmente poi aspettiamo i botti (sperando che non siano Fazio e Borja, o almeno...non solo loro)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo su tutto. Fazio e Borja per me buone riserve e nulla più, ma giocatori come Coulibaly (che però ammetto di non conoscere bene), Skriniar, Bastoni sono i benvenuti. Milinkovic-Savic... grande giocatore secondo me.

      Elimina
  64. C'è anche il papu gomez pronto a cambiare casacca e deliziarci con la sua classe immensa. Che bel mercato

    RispondiElimina
  65. Ma Iniesta (fonte gds)? Certo un po' avanti con gli anni e leggerino... ma magari se lo vendono a poco sarebbe un buon colpo, no? :)

    RispondiElimina
  66. Luciano hai qualche novità per i rinforzi dei 2003?per adesso sono uscite poche notizie di rinforzi presi

    RispondiElimina
  67. Magari Milinkovic... Con lui anche qualche cross di Candreva potrebbe diventare utile.
    Fosse per me un pensiero al Papu Gomez lo farei...stagione Straordinaria la sua

    RispondiElimina
  68. Ecco, Milinkovic-savic sarebbe il centrocampista ideale, anche per Spalletti, almeno tra quelli che conosco bene

    Mi ricordo quando lo segnalai nel vecchio forum appoggiato da Al che lo conosceva anche meglio di me (2014, dopo averlo visto solo una partita all'europeo under19)...spero che ora si rinizi a puntare a questa tipologia di giocatori quando sono giovani e scommesse, insomma bisogna rinvestire in modo importante sulle cantere (come da sempre ci insegna Luciano)

    RispondiElimina
  69. Mahh..io tutto questo snobbare B Valero non lo capisco; certo gli anni ci sono,non è un top ,ma è un giocatore che nel noistro centrocamèpo potrebbe essere utilissimo per personalità e caratteristiche tecniche,altro che solo una buona riserva...Ricordo gli esempi di Pirlo (di un'altra categoria certamente,ma sembrava finito ) nella juve ,di Matteoli nell'Inter dei tempi andati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettere Pirlo e Borja Valero sullo stesso piano mi sembra un po' azzardato. Valero ha giocato sempre in squadre di media classifica, Pirlo ha avuto ben altra carriera.
      Io prima di spendere soldi per i Borja Valero, Papu Gomez, Fazio e compagnia, che al più migliorano la panchina, penserei a comprare 3 o 4 grandi giocatori che migliorino il livello attuale dei titolari.

      Elimina
    2. Ad oggi borja valero nella nostra squadra... È un titolare

      Elimina
  70. Borja Valero a cinque milioni è un buon colpo. Lo stesso Fazio preso a questa cifra sarebbe ottimo come riserva e alternativa per i centrali di difesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro Fazio è un '87, ha solo trent'anni.

      Elimina
    2. Non abbiamo i titolari e prendiamo le riserve?

      Elimina
    3. Per ora non abbiamo preso nessuno in verità.

      Elimina
  71. Anche io credo che Borja Valero per uno due anni sia un acquisto concreto, sappiamo già cosa può dare, e non è così poco come molti dicono (se il fisico come sembra lo sorregge)

    Poi, siamo tutti d'accordo che si sarebbe dovuto prendere nel 2012 a 7 milioni, o che non debba essere l'acquisto da copertina di questa campagna...credo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dubbi sul fisico a oggi non dovrebbero essercene.

      Elimina
  72. Handa
    D'Ambrosio,Sanchez (X),Miranda,X
    Candreva,Joao Mario,B. Valero , Matuidi
    Icardi, Sanchez

    disponeteli come volete,ma io firmerei subito....;)

    RispondiElimina
  73. Anche Carraro dovrebbe andare a Pescara. Solo prestito in questo caso. Ma Luciano secondo te nel caso Palazzi e Carraro possono giocare assieme? Per palazzi spero sarà previsto il diritto di controriscatto.

    RispondiElimina
  74. Così per gioco, la mia Inter ideale per l'anno prossimo
    Handanovic
    D'ambrosio
    Miranda
    Davinson Sánchez
    x (?)
    Gagliardini
    Borja Valero
    Brozovic
    J.Mario
    Perisic
    Icardi (Pinamonti)

    RispondiElimina
  75. Mi sbaglierò, ma con Borja Valero titolare l'anno prossimo arriviamo ancora settimi. Ovvero ce la giochiamo con la Fiorentina, l'attuale squadra di Valero.

    RispondiElimina
  76. Secondo me Valero è un giocatore di classe assoluta e di grande personalità cosa che a noi manca decisamente, se poi lo dobbiamo confrontare con Verratti Naingollan e magari Modric certo che preferisco loro ma la juve ricordo che nel primo anno di Conte prese Vidal che pagò quello che noi abbiamo pagato Medel, Pirlo a zero Pogba a zero e Marchisio che avevano già in casa quindi se pensiamo che grandi giocatori possano venire all'inter io dico forse uno ma di più lo dubito seriamente io dico che anche il Papu Gomez possiamo dire che incida meno di Candreva e se anche fosse un panchinaro preferireste che entrasse lui o Biabiaby o l'attuale Barbosa ma mi permetto anche l'attuale Joao Mario come esterno io francamente non avrei dubbi in merito

    RispondiElimina
  77. .... l'anno scarso la base per l'acquisto di "kich&Sia" era di 25 milioni ....quest'anno è balzata a 50 milioni, mentre, nel contempo, l'asta per la vendita dei diritti tv della serie A dovrà essere rifatta, poiché la prima è andata male ... sicuri che vada tutto bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una domanda più che logica...ormai il primo p...a che gioca qualche partita decente viene valutato 25 ml

      Elimina
  78. Milinkovic e Valero sono profili che migliorerebbero in assoluto il livello del nostro cc. Speriamo che sia vero.

    RispondiElimina
  79. Pensate che Milinkovic possa essere da subito un titolare che ci faccia migliorare? Dubito ci sia una trattativa e non costerebbe meno di trenta milioni. Tra l'altro la Lazio molto probabilmente cederà Biglia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me pensare a un ragazzo che potrebbe essere venduto anche a 50 milioni ci riempie di aspettative dannose..la Lazio venderà già biglia e Keita (forse entrambi al Milan). Non venderà altre prime scelte così come la Roma non farà dopo la cessione di salah. Abbiamo come prima scelta valero e poi vedere quali riserve di Roma Napoli e Big straniere sono disponibili

      Elimina
  80. Il pessimismo di Sergio, così estremo (un 'sano' pessimismo l'ho anch'io), fa pensare, più che a un timore, a una speranza

    Milinkovic mi farebbe felice, Borja no. Però se Spalletti vuole diversamente giusto dargli fiducia.
    Carraro Palazzi coppia perfetta

    RispondiElimina
  81. A me pare che i prezzi che girano nel campionato italiano siano folli. Forse l'unica valutazione sensata è quella di Bernardeschi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah... Carlo se parliamo di 45 ml. mi sembra assurda anche la valutazione di Bernardeschi...potenzialmente bel giocatore,ma al momento è ancora tutto molto "potenziale",specialmente il carattere.

      Elimina
  82. Tutti i prezzi del cacio sono folli da un punto di vista etico. Ma nel mercato l'etica non conta. Oppure si corregga il ricorso al libero mercato

    RispondiElimina
  83. Ripeto, dipende dagli obiettivi dichiarati...se si vuole andare in Champions giocatori mezzi logori come valero o fazio aiuta fino a un certo punto, se poi in aggiunta, mentre altri prendono Keita noi prendiamo un giocatore come Muriel,ragazzo con approccio mentale peggiore di brozovic a mio avviso (colpi da campione ma gioca bene a Genova 1 partita su 3) allora basta essere chiari e mirare all'Europa League. A queste condizioni preferirei la politica dell'Udinese o comunque volare bassi senza fare proclami cercando il passo più lungo della gamba. Sperare no Luciano, c'è ancora il mese di luglio e il campionato prima di accanirsi con don ausilio per la ennesima stagione di fila :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh...se Keita è un giocatore continuo... Io sono più bravo di mourinho come allenatore...

      Elimina
    2. Fabio Keita non è ancora mertens ma non è neppure Muriel. Ha fatto 5 gol in più quest'anno di muriel, è 4 anni più giovane ed è stato più continuo risultando decisivo in partite importanti (es. Derby). Muriel lo è stato molto meno, a sprazzi con le piccole e poco con le grandi, come Banega al 60 esimo è sfiancato e fa giocare in 10 la squadra....quello fortissimo era schick ma Keita è il secondo attaccante più promettente del campionato. Insigne a 22 anni il campo non lo vedeva e giocava bene una partita su 3-4 (da spettatore interessato il Napoli l'ho sempre visto). E sui giovani si rischia: zielinski ad esempio lo prenderei anche a 50 milioni già, ancora non è continuo ma vuoi metterlo con borja? O diawara....il Napoli se gioca le sue carte bene e prende un paio di alternative avanti e dietro darà fastidio alla jube

      Elimina
    3. Anche io ritengo keitq un talento da prendere... Ma il suo vero difetto è la continuità..

      Elimina
    4. Keita non è stato più continuo di Muriel quest'anno.

      Elimina
    5. Opinioni Gabriele. Numeri (gol e pericolosità ), soluzioni decisive e continuità (anche atleica) all'interno della stessa partita sono a favore dell'ivoriano. Poi può essere sicuramente più costante, ma non c'è partita per me con Muriel. Al netto di problemi caratteriali di entrambi (irascibile Keita e molle e poco professionale muriel)

      Elimina
    6. Aspetta, capiamoci. Io intendevo nell'arco della stagione...

      Elimina
  84. Da "17 mln più Ranocchia più (prestito) di Caprari" a "10 più Caprari". Da "quattro o cinque mln per Borja Valerio" a "La Fiorentina chiede 10 mln". Nel frattempo non si parla di Dalbert da una settimana e spunta Digne.

    Diciamo che ne dicono così tante che da qui ad agosto qualcuna dovranno pur azzeccarla. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'impressione è che brancolino veramente nel buio. E la cosa fa solo piacere.

      Elimina
  85. completato il post sul centro campo della primavera.. Tra poco se la mia gatta Matilda, sdraiata sulla tastiera, mi lascia lavorare, lo invio

    RispondiElimina
  86. La 1 semifinale under16 Roma-Cesena 5-0

    RispondiElimina
  87. A questo punto non resta che sperare che Sabatini stia lavorando sotto traccia. C'è una confusione di voci che non se ne esce. Sembra certo solo l'arrivo di Valero.

    RispondiElimina
  88. In Italia comandano ladri, mafiosi e dopati prescitti, quindi se questi decidono di prendere Shick le altre squadre devono farsi da parte, è così, o ci si ribella o si accetta, non so se Suning abbia la convenienza a infastidire la mafia italiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pongo la stessa domanda

      Elimina
    2. Basta pensare a Percassi che è andato in Cina. Ci sono stati contatti anche con Cairo.

      Elimina
  89. 2 semifinale biretrocessi- Genoa 1-0

    RispondiElimina
  90. Di giocatori all estero di talento...e che potrebbero darci qualità ce ne sono...
    Vedendo la partita spagna portogallo under 21 tutti gli esterni offensivi in campo poteebbero benissimo esserci utili.
    In particolare giocatori come Cancelo (terzino dx), Saul (trequartista) Deulofeu (esterno offensivo sx/dx) sarebbero ottimi giocatori per noi.
    Un discorso a parte per Asensio, qui parliamo di un vero top player a mio parere, se davvero ci fosse uno spiraglio (comprassero mbappe) per prenderlo dal real, è un giocatore che potrebbe valere un investimento immorale (60/80 mln).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Asensio non penso zidane lo molli. Troppo i telles ente si è dimostrato.

      Elimina
    2. Il ragazzo penso voglia giocare stabilmente... Se comprano Mbappe... Con cr7 e bale lo spazio si riduce.
      Si potrebbe fare un operazione alla Morata alla juve...
      Ma è fantamercato

      Elimina
    3. È fresco di rinnovo fino al 2023. Clausola stratosterica... Secondo me ci puntano forte.

      Elimina
  91. Continuo a leggere troppo pessimismo e continuo a dirvi di aspettare saggiamente almeno la prima settimana di luglio :)

    A buon intenditore..

    RispondiElimina
  92. ahh mancava,ma anche quest'anno il suo nome è entrato nella sfera Inter: Izzo..l'Inter ha chiesto informazioni su di lui...ogni anno il suo nome c'è..mi piacerebbe sapere chi è il suo procuratore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra poco entreranno pure i nomi di Tonelli,paletta e goldaniga....😂😂

      Elimina
    2. Izzo costa poco per la squalifica. E di sicuro la prestazione di Genova non ci ha reso nemico il Genoa.....

      Elimina
  93. Piuttosto. Mi sfuggono le differenze fra banega e Borja Valero. Se non a favore di banega..... E tra Petagna, falcinelli e pinamonti non avrei dubbi di chi scegliere. Tanto se sesti dobbiamo arrivare tanto vale far giocare i nostri ragazzi... Inutile dirlo. Sono rimasto malissimo dalla gestione della vicenda pioli, per me ottimo allenatore buttato a mare da mesi non so con che criterio. Ora sono molto meno ottimista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al di là del valore assoluto dei due giocatori (su cui potremmo eventualmente discutere) trovo che i due siano molto molto diversi e Borja oggettivamente sia molto più uomo squadra di Banega.

      Elimina
    2. D'accordo con Emiliano su Borja-Banega

      Elimina
    3. e direi proprio di sì...purtroppo Banega è stata una delusione,forse in parte prevedibile...

      Elimina
  94. Pistocchi su Twitter:
    La FIFA scagiona il ManchesterUtd e apre un procedimento disciplinare contro Juventus e Raiola per violazione delle regole sulle terze parti pic.twitter.com/HB6LhOniwp

    I soliti noti...anche in Europa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si muovono con un'arroganza che non ha pari.

      Elimina
  95. Comunque ormai la situazione è abbastanza chiara:o i nostri dirigenti sono mostri di segretezza, o stanno lavorando su nomi non di primissima fascia.
    magari lo diventeranno, chissà. Ma per ora non lo sono

    RispondiElimina
  96. Mi sembra confermato da più fonti che stiano tenendo fuori i media dai movimenti di mercato... Quindi operano nell'ombra. Io aspetterei i primi 15 gg di luglio per fqrci un'idea più concreta del nostro mercato

    RispondiElimina
  97. Online il secondo post dedicato ai nostri primavera, questa volta Luciano ci parla dei centrocampisti: http://fratellidelmondo.blogspot.it/2017/06/sogni-di-primavera-parte-seconda.html

    RispondiElimina

Printfriendly