venerdì 15 settembre 2017

Senza nessuna presunzione: Crotone - Inter

Foto (Getty Images): Luciano Spalletti in conferenza stampa alla vigilia della partita Crotone - Inter che si disputerà nella giornata di domani allo Stadio 'Ezio Scida'.

La trasferta di Crotone evoca brutti ricordi tra i tifosi nerazzurri dato che l'anno scorso la trasferta allo stadio Ezio Scida fu una vera e propria 'Caporetto' per l'Inter di Stefano Pioli, che uscì dalla partita battuta in maniera netta con il risultato di 2-1.

L'Inter era in quel momento già entrata in una crisi di risultati che si sarebbe poi trascinata praticamente fino alla fine del campionato con la rinuncia a tutti gli obiettivi stagionali e l'inevitabile esonero dell'allenatore prima della fine del campionato.

Allo stesso tempo il Crotone, dato per tutti oramai per spacciato fino a tre quarti del campionato, forte anche di questa vittoria, riuscì a ottenere quella che era una insperata salvezza.

Le due squadre si reincontrano adesso sempre a Crotone in un contesto e situazioni completamente diverse.

Almeno per quanto ci riguarda.

Va detto infatti che il Crotone ha cambiato molto per quanto riguarda l'organico, pure confermando il bravo allenatore Davide Nicola, forse il vero protagonista della salvezza dell'anno scorso, e anche quest'anno ha cominciato tra mille difficoltà, ottenendo un solo punto in tre partite.

I crotonesi hanno infatti perso la prima in casa contro il Milan (0-3), pareggiato allo 'Scida' 0-0 contro l'Hellas e poi hanno perso a Cagliari 1-0.

Davide Nicola ha cercato di scuotere la squadra alla vigilia della partita richiamando i calciatori ad avere 'coraggio'.

Non si è sbottonato in maniera particolare per quanto riguarda la formazione, ma ha annunciato che potrebbero esserci delle rotazioni a causa delle tre partite in una settimana (che del resto avremo anche noi, dato che settimana prossima è previsto un turno infrasettimanale di campionato).

Secondo la maggioranza delle fonti in ogni caso Nicola confermerà in ogni caso il 4-4-2 tipico con cui manda in campo la squadra solitamente e dovrebbe schierare: Cordaz - Sampirisi (Faraoni), Ceccherini, Cabrera, Martella - Rodhen, Barberis, Mandragora, Stoian - Trotta, Budimir.

Il ballottaggio tra Sampirisi e Faraoni dovrebbe molto probabilmente essere vinto dal primo che ha caratteristiche più difensive rispetto al nostro ex giocatore.

Lo stesso vale a sinistra dove Martella dovrebbe essere preferito a Pavlovic.

Molto poche davanti le possibilità di partire titolare per Tumminello.

Anche per quanto ci riguarda Spalletti non si è sbottonato in maniera particolare in conferenza stampa su quelli che saranno i giocatori che scenderanno in campo.

La sensazione è che si vada nel complesso verso una conferma del 4-2-3-1 con la riproposizione di alcuni ballottaggi (vedi Dalbert-Nagatomo oppure Vecino-Gagliardini, Joao Mario-Brozovic) anche tenendo conto del fatto che martedì sera si torna nuovamente in campo in un'altra trasferta (questa volta a Bologna) prima della gara di San Siro con il Genoa domenica prossima.

Sembra invece quasi scontata la presenza di Borja Valero sul quale Spalletti si è variamente espresso in conferenza stampa anche dedicandogli parole molto importanti.

'Sono passate troppe poche partite per fare questo ragionamento. [NDR. Si riferisce al ricorso al turn-over.] Ci vuole la pazienza di aspettare. Borja sa stare da tutte le parti, se lo metti nel Barcellona giocherebbe anche lì, sono i tanti passaggi apparentemente inutili che fanno costruire l'azione. Si ricorda l'assist e il gol ma io guardo anche i 70 palloni che tocca un giocatore e 65/68 li tocca bene, anche se apparentemente semplici e inutili, ma a volte spostano la squadra avversaria e aiutano a costruire qualcosa di importante'

Va detto che alla luce di queste dichiarazioni Spalletti non sembrerebbe tenere conto in questo momento di turn-over in senso stretto e ci può stare.

Probabilmente sceglierà i giocatori di volta in volta a seconda delle loro condizioni e senza preoccuparsi di quale sia l'avversario da affrontare successivamente.

Mi sembra un ragionamento coerente con il principio secondo il quale per quanto ci riguarda quest'anno non ci sono partite facili e andranno di conseguenza affrontate tutte con la stessa intensità.

Ne consegue che ci sono comunque un gruppo di giocatori che, salvo imprevisti, le dovrebbero comunque giocare tutte: Handanovic, D'Ambrosio (almeno finché non è arruolabile Cancelo), Skriniar, Miranda, Borja Valero, Candreva, Perisic, Icardi.

Questi giocatori appaiono intoccabili: non ci sono all'interno effettivamente del resto cambi all'altezza dei titolari.

Questo potrebbe essere un limite di cui nel caso tenere conto più avanti.

Ma preoccuparsene in questo momento non serve a nulla.

Non sto dicendo che bisogna vivere alla giornata, ma che il mister ha a disposizione una rosa determinata di giocatori che oramai dovrebbe conoscere a menadito: la gestione delle risorse verrà di conseguenza.

Spalletti si è soffermato anche nel discutere con i giornalisti per quello che riguarda il calciatore da schierare sulla trequarti.

A domanda diretta ha ammesso di averne fatti ruotare 'parecchi' (cioè tre: Borja Valero, Brozovic, Joao Mario) ma ha giustamente evitato di caricare troppo su questo aspetto della questione e giustamente sottolineato come è tutta la squadra nel complesso a dover migliorare.

Interessanti sempre in questo senso le dichiarazioni su Eder che Spalletti vede potenzialmente bene in quella posizione di campo.

Continuo a pensare che forse in determinate partite (ad esempio contro la Spal) sia più funzionale avere un giocatore con maggiore capacità di corsa e possesso palla e meno ficcante dell'italo-brasiliano che invece è un giocatore che per sua natura è più bravo a puntare la porta e attaccare gli spazi.

Ricollegandomi a quanto diceva Luciano l'altro giorno sulla pratica del possesso palla nella zona centrale del campo (ma ne abbiamo parlato variamente sin dall'annuncio di Spalletti come nuovo allenatore della nostra Inter) è facilmente spiegabile perché in via generale il preferito di Spalletti in questo momento sia Joao Mario: in primis perché ha i piedi buoni, secondariamente perché - quando si libera lo spazio - va dentro con forza e può procurare sempre qualche occasione buona per sé e per i compagni.

Così come del resto è accaduto anche nell'ultima partita contro la Spal.

Ciò non toglie che il mister possa potenzialmente adottare altre soluzioni contro un Crotone che come caratteristiche secondo me non somiglia tantissimo alla Spal.

La squadra di Nicola è organizzata in modo diverso e pratica un calcio diverso e secondo me è forse anche un avversario più abbordabile e meno impegnativo, anche se lo 'Scida' sarà probabilmente una piccola 'fornace' e chiaramente bisognerà restare concentrati per tutti e novanta minuti anche questa volta per fare nostra la partita.

Se si dovesse fare un pronostico tuttavia, verrebbe facile dire che potremmo prolungare la nostra serie di vittorie e che domani sera a quest'ora potremmo avere 12 punti in classifica.

Il Crotone attaccherà prevalentemente sugli esterni, cercando di fornire palloni per le punte oppure in altre soluzioni di gioco cercherà il lancio lungo con Mandragora.

Rohdén e Stoian appaiono due giocatori che i nostri esterni (D'Ambrosio e uno tra Nagatomo e Dalbert) non dovrebbero avere particolari problemi a controllare; mentre per quanto riguarda Mandragora, questi potrebbe essere limitato dalla presenza costante di un giocatore sulla trequarti.

Dovremo in ogni caso secondo me avere un atteggiamento aggressivo sin dalle prime battute e cercare se possibile di passare subito in vantaggio. Questo chiaramente rovinerebbe completamente i piani di Nicola e fermo restando un loro inevitabile 'ritorno', ci permetterebbe di gestire la gara da una posizione di forza e nella quale in virtù di maggiori capacità nel palleggio e secondo me anche fisiche, potremmo avere la meglio e magari subito cercare di andare a raddoppiare per chiudere la partita.

Questo significa, come detto dal mister, che il Crotone andrà affrontato sul campo a viso aperto ma 'senza nessuna presunzione'.

La partita con la Spal, che è stata gestita non senza qualche difficoltà dopo la rete di Icardi, ci ha insegnato che nessuna squadra si risparmierà contro di noi e che per portare a casa ogni punto dovremo sempre dare il massimo.

È questo come detto che potrebbe far sorgere dubbi sulla nostra tenuta fisica e atletica sul medio-lungo periodo.

Ma fare discorsi di questo tipo è prematuro e in ogni caso questo non cambia quello che dovrà essere il nostro atteggiamento.

In campo allora senza paura, convinti dei nostri mezzi ma allo stesso tempo senza mai sottovalutare l'impegno.

Avanti così.

Emiliano D'Aniello

93 commenti:

  1. Buone notizie su Assane Gnoukouri. Pare che il giocatore sia finalmente sulla via del recupero e in attesa di un 'ok' del CONI per rientrare in attività a tutti gli effetti. SOno contentissimo per lui ovviamente.

    RispondiElimina
  2. HO proposto un mini-sondaggio sul turn-over votabile da oggi fino alla sera di martedì.

    Per la prima volta l'Inter 2017/2018 è impegnata in tre partite in una settimana. Turn-over:

    1. Turn-over sì sempre e comunque: nel calcio di oggi è fondamentale.
    2. Siamo a inizio stagione: mi sembra prematuro preoccuparsi e fare considerazioni su questo argomento.
    3. In generale sono favorevole al turn-over, ma solo in caso di difficoltà oggettive di singoli e determinati giocatori.
    4. Penso che una squadra adeguatamente preparata e che non disputi le coppe europee non abbia bisogno del ricorso al turn-over.
    5. Sono assolutamente contrario al ricorso al turn-over.

    Solita sezione colonna dx del blog.

    RispondiElimina
  3. Un'altra aggiunta che cercherò di proporre in ogni post (dipenderà anche dalla tempistica a disposizione nello scriverlo) saranno quei rimandi e collegamenti che potete vedere nel post a articoli precedenti del blog o altro.

    RispondiElimina
  4. Secondo me niente o quasi niente turn-over, l'anno del triplete insegna.

    RispondiElimina
  5. capirei fosse un giovane in cerca di minuti o un rientrante da infortunio, ma cosi invece Paletta che gioca domani il derby Primavera non è una cosa bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè praticamente non gioca perché rientra da un infortunio? È proprio una 'scelta tecnica'? Dai, che cosa ridicola.

      Elimina
    2. è un'assurda scelta tecnica. fosse un rientrante da un infortunio, potrei anche capirlo (successe pure da noi con Milito e Andreolli per esempio), ma essendo sano, è una cosa che si commenta da sola.

      Elimina
    3. Assurdo. Ma pure il giocatore che si presta poi.

      Elimina
    4. Non è che vuole giocare pure Gattuso? Magari un paio di calcioni intimidatori dei suoi a schirò...

      Elimina
  6. Turn over solo quando non si rischia (cioè l'alternativa vale il titolare)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come Karamoh e Candreva (provoco, ma non troppo)

      Elimina
  7. ....borja valero puòs empre uscire - dopo aver indirizzato la partita - al 60° minuto ....#fiducianelmister

    RispondiElimina
  8. Emiliano, meno male hai detto che avresti scritto due righe... Che facilità di scrittura. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente ammetto di scrivere tanto. Spero di aver toccato gli argomenti giusti. Può sembrare ripetitivo che ogni partita sia difficile e da vincere, eppure è così... il turn over e la possibile usura dei giocatori, per quanto prematuro, è un nuovo tema introdotto. Diciamo che per ora preoccupa relativamente. Forse più avanti... ma magari con più certezze altri tipo ranocchia o Karamoh potrebbero entrare nelle rotazioni... è una ipotesi. Per curiosità magari farò una indagine anche sul mister e la gestione della rosa a Roma lo scorso anno.

      Elimina
    2. Il mio era un complimento, eh! A me piace molto la scrittura ma non ho la tua facilità espressiva.

      Elimina
    3. Mi unisco ai complimenti ad Emiliano.

      Elimina
    4. Vi ringrazio veramente tanto per i complimenti. Fanno sinceramente piacere. :)

      Elimina
    5. Rinajeskj come sai il blog è aperto al contributo di tutti quelli che fanno parte di questa piccola 'comunità '. Voglio dire che se ti andasse di proporre un post sei il benvenuto.

      Elimina
    6. Grazie Emiliano, sei gentile, ma non ritengo di avere abbastanza competenze per scrivere di calcio. Guardo, ogni tanto commento, e me la godo alla buona:-)

      Elimina
  9. Buongiorno a tutti

    Il sito dell'Inter ha aggiornato le liste per le principali squadre giovanili.

    Qui sotto riporto tutti I nuovi (spero di non sbagliare):

    Primavera - 4 nuovi acqusti su rosa di 27

    Flor Van Den Eynden (Dif)
    Marco Pompetti (Cen)
    Nicolo Zaniolo (Cen)
    Jens Odgaard (Att)

    Nella lista ce ancora Pio Francesco Russo, credo sia un errore siccome sappiamo che e stato ceduto alla Cremonese.

    Beretti - 6 nuovi acquisti su rosa di 22

    Simone Stucchi (Por)
    Gabriele Minerva (Por)
    Christian Mandracchia (Dif)
    Marco Ballabio (Cen)
    Felice D'Amico (Att)
    Nicolas Galazzi (Att)

    Nella lista no ce Davys Corrarati - prima dato come acquisto definitivo dallo stesso sito.

    U17 - 5 nuovi acquisiti su rosa di 25

    Nicola Milani (Por)
    Albero Del Grosso (Cen)
    Jacopo Gianelli (Cen)
    Vlad Mitrea (Cen)
    Pasquale Carlino (Att) - rientro dopo prestito

    U16 - 6 nuovi acquisti su rosa di 24

    William Rovida (Por)
    Cristian Airoldi (Dif) - rientro dopo prestito
    David Wieser (Cen)
    Davide Petito (Cen)
    Mattia Mirarchi (Cen)
    Nicholas Bonfanti (Att)

    Nella lista non ce Carmine Nappi, che credevo fosse stato acquistato l'anno scorso con l'aiuto del Novara.

    U15 - 15 nuovi acquisti su rosa di 26

    Andrea Magri (Por)
    Nicholas Gerardi (Por)
    Ramene Cepele (Dif)
    Andrea Pozzi (Dif)
    Mattia Zanotti (Dif)
    Lorenzo Peruchetti (Dif) - rientro dopo prestito
    Antonio Iervolino (Cen)
    Nicolo Radaelli (Cen)
    Davide Pacagnan (Cen)
    Riccardo Peruchetti (Mid) - rientro dopo prestito
    Alessandro Politi (Att)
    Lorenzo Peschetola (Att)
    Luca Magazzu (Att)
    Elia Pezzini (Att)
    Nicola Pucci (Att)

    *****

    Vedendo i nomi credo che le aspettative erano ben altre, in particolare per le U17 e U16.

    Siccome molti di noi conoscono solo Zanilo ed Odgaard, e se ce qualcuno che li conosce, quali sono gli altri nuovi acquisti che hanno piu prospettiva?

    Grazie e Forza Inter

    RispondiElimina
  10. kenneth, qualche impressione in breve, fondata su quel poco che ho visto e su quello che mi hanno detto.

    In primavera tutti gli arrivi si devono considerare di qualità Scontato il giudizio su Zaniolo e Odgaard, a me piacciono molto sia Pomentti (che si deve ancora fare, ma ha fosforo e piedi) e Van der Eyden che ho apprezzato molto da terzino
    Non conosco nessuno dei nuovi berretti, ma per quanto si dice, D'Amico sulla carta dovrebbe essere il più talentuoso.
    Russo era stato ceduto alla Cremonese, ma poi non so se ci sia davvero andato. Di certo per ora non ha giocato

    In U17 è tornato il talentuoso Carlino, un poco irrobustitosi. Sono curioso di vederlo all'opera. Anche Mitrea ovviamente gode di pttime considerazioni, vedremo sul campo se meritate

    Tra gli U16 mi parlano bene di Bonfanti (un centravanti che renderebbe possibile il passaggio di categoria per Cancello), mentre Woeser mi pare assai bravino ma un po' supervalutato, almeno per le caratteristiche fisiche attuali
    Gli U15 sono quelli che ho visto un po' di più: gerardi e magri mi sembrano ottimi portieri, cepele è un dfensore centrale di grande fisicità, che può solo migliorare. Di Zanotti ho parlato spesso: difensore destro con grande personalità, potenza nelle gambe e abitudine ad attaccare, mi aveva impressionato fino alla finale dello Scirea, toppata clamorosament come tutta la squadra.
    I due Peruchetti, tornati da Como, sono rapidi e aggressivi, soprattutto il terzino
    Radaelli è un centrocampista di sostanza, si sta imponendo positivamente, mentre da Iervolino, limitandomi a queste prime uscite, mi sarei aspettato qualcosa di più. ottima tecnica ma mobilità da migliorare.
    Tra gli attaccanti molta fiducia è riposta in Magazzu che non ha ancora giocato. Interessante, soprattutto in prospettiva Politi (dribbling e agilità con un buon fisico e Pezzini (più centravanti classico). Peschetola deve dimostrare di valere quanto si pensa, mentre pacagnan che può giocare trequartista o esterno è un giocatore da seguire con interesse: ha grinta, mi sembra buona tecnica, forse eccede nei personalismi.
    ma sono impressioni basate quasi sul nulla.
    Infine Nappi o è stato preso da noi e dato in prestito al Novara (magari biennale) oppure lo abbiamo lasciato direttamente ai piemontesi, Chiederò

    L'impressione è che, dopo un avvio di mercato scoppiettante, teso soprattuto a rafforzare la Primavere in prospettiva prima squadra (la salita di Zinho e Pina, le prossime di valie Emmers Zaniolo e forse qualche altro, gli arrivi tutti qualificati. non dimentichiamo Colidio che è un 2000) poi non sia stato possibile proseguire su questa strada per lo stop ai finanziamenti che si è visto anche a questi livelli (vedi Pellegri e Salcedo)
    Infine il brasiliano (che ha fatto la preparazione estiva con noi) dovrebbe poter venire il prossimo anno perché gioca già in Europa, in una grande squadra spagnola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la risposta Luciano.

      Per noi che viviamo lontani da Milano o l'Italia sarebbe quasi impossibile seguire le squadre giovanili senza il tuo contributo e degli altri amici di questo fantastico blog.

      Adesso Forza Inter primavera contro la primavera del Milan con il giovanissimo fenomeno Paletta ...

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Arbitraggio scandaloso .Dopo 5 minuti dovevano essere in 10

    RispondiElimina
  13. Visto che c'erano potevano schierare il giovanissimo fenomeno Bonucci. Comunque la loro difesa balla abbastanza. Odgaard dal punto di vista fisico si fa rispettare.

    RispondiElimina
  14. Dalbert e non Nagatomo, Gagliardini e non Vecino, Joao Mario trequartista.

    RispondiElimina
  15. Godo! godo per Paletta, godo per Gattuso, godo per Odgaard. distrutti, ancora una volta.

    tra l'altro a vedere il derby in tribuna c'era pure Colidio.

    RispondiElimina
  16. Nonostante un arbitraggio scandaloso e Paletta ASFALTATI !!!!!!!!!
    Dovevano convocarne 4-5 della prima squadra.

    RispondiElimina
  17. Io non sono esperto...chi era il giovane stempiato numero 6 del milan, mi è sembrato molto promettente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma penso sia un under 16. Le sue difficoltà a giocare con avversari più grandi sono comprensibili dai.

      Elimina
    2. vero Emiliano , però si intravedono grandi potenzialità

      Elimina
  18. Molto preziose le info di Kenneth e di Luciano.

    RispondiElimina
  19. Più complicata del previsto questa partita.

    RispondiElimina
  20. Partita molto molto difficile. Loro stanno dando il 101%. Dobbiamo fare ancora di più altrimenti non riusciremo a vincerla.

    RispondiElimina
  21. Primavera: vinto solo 3-0 con la squadra materasso del torneo: c'è da preoccuparsi?

    Crotone-Inter, giocare peggio di così è impossibile, mi aspetto un secondo tempo migliore e un Vecino al posto di Gagliardine in condizioni fisiche e mentali impresentabili, ma come si spiega?
    Sembra una squadra che viene da un lavoro atletico pesante, forse fatto in questo periodo per il calendario relativamente più abbordabile.
    Dalbert ancora fuori dagli schemi, io vedrei meglio Naga fino a una certa acquisizione degli stessi da parte del francese, anche perché non risulta per altre ragioni decisivo al momento.

    RispondiElimina
  22. Risposte
    1. Andata benissimo, ma il Crotone novanta minuti a quei ritmi così frenetici non poteva giocarli.

      Elimina
  23. Male, molto male. Non malissimo perché le condizioni erano davvero difficili (molti hanno accusato problemi muscolari). In queste partite la prima punta deve fare un lavoro imprescindibile che oggi è mancato totalmente.

    RispondiElimina
  24. Vittoria importante su un campo indegno, Skriniar sempre più leader

    RispondiElimina
  25. partita orribile. i tre punti sono una buona consolazione, ma tra spal e crotone ho visto poche cose buone.

    RispondiElimina
  26. Non ho visto la partita, abbiamo giocato veramente molto male ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi abbiamo giocato male. E oltre a ciò la partita è stata complessivamente bruttissima.

      Elimina
  27. Però... si soffre insieme. In questo modo se ne dovrebbero perdere e pareggiare di meno rispetto alle annate fallimentari. Tranne due o tre occasioni non siamo stati eccessivamente lunghi.

    RispondiElimina
  28. Partita pessima e fortunata, anche se, nel caso Joao Mario avesse segnato in quell'unica e limpida occasione capitata nel primo tempo, sarebbe cambiato tutto. Nagatomo molto meglio di Dalbert, Skriniar migliore dell'Inter. Incredibile come nell'intera partita non sia stato effettuato un cross come si deve, a maggior ragione quando, con difese schierate come quella del Crotone, il cross è una delle poche armi a disposizione per attivare terminali come Icardi. Un'altra cosa che non capisco è come le poche volte che siamo riusciti a entrare in area in velocità, invece di affondare per arrivare al tiro, magari cercando di superare il difensore, ogni volta si sia ripiegato nel passaggio indietro permettendo al Crotone di riposizionarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E secondo me c'era un rigore evidente a nostro favore.

      Elimina
  29. Bel pomeriggio decisamente.
    La prima squadra molto male. Ci hanno tenuto in piedi Handa, Miranda è un grande Skriniar. Il resto da rivedere: una squadra lenta e senza ritmo per gran parte della gara.
    Possibili cause: un campo infame, il caldo (?) ed una condizione fisica ancora approssimativa.
    Il Crotone in serie A conferma che il nostro calcio sta vivendo un periodo di pericolosa involuzione.

    RispondiElimina
  30. Lato buono della vicenda: pare che siamo primi in classifica a punteggio pieno.
    Tuttavia sono meno ottimista di altre volte sul ns futuro in questo campionato.
    Auguro a Voi Tutti un felice we.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto. sono felicissimo per i tre punti e al gol di Skriniar ho esultato come un pazzo, ma le ultime due partite non mi lasciano molto ottimista per il futuro. anche se siamo ancora palesemente work in progress.

      Elimina
    2. Anche se con limiti evidenti, viene confermata la nostra crescita. L'anno scorso il Crotone ci aveva asfaltati. Milan sei forte!!! Il nostro, natturalmente.

      Elimina
  31. Handa e Skriniar migliori in campo.
    Icardi e Gagliardini i peggiori.

    Continuo a non capire dove sta l'upgrade Dalbert rispetto a Naga, per me più forte del francese.

    Siamo più forti della stagione passata, ma solo se giochiamo con la formazione titolare in forma, questo è il nostro risaputo limite di quest'anno, quando qualcuno non sta bene la squadra chiaramente ne risente.

    Però proprio grazie alla migliore qualità rispetto al passato, alla fine abbiamo vinto anche questa.

    10 reti fatte e 1 subita in 4 partite con 4 vittorie per me è un ottimo indicatore.

    RispondiElimina
  32. Sarebbe stato presuntuoso credere che nel giro di un paio di mesi tutti i problemi fossero stati risolti. Sosteniamo da giorni che oggi sarebbe stata una partita difficile. Così è stato, ma abbiamo saputo soffrire e alla fine, pure giocando male, abbiamo vinto con merito. Ovvio ci sia da migliorare, ma non iniziamo a deprimerci dopo 4 vittorie. ;-)

    RispondiElimina
  33. Considerazioni sul derby primavera:
    - Odegaard forte forte con la tendenza a specchiarsi, si piace ma non è necessariamente un male. Fisicamente sembra già pronto per i professionisti, gambe forte e potenti.
    - Zaniolo si vede che ha potenzialità alte, però oggi ha determinato meno di quello che la sua classe e il suo fisico potrebbero.
    - Sala veramente bravo, ha una fluidità di corsa impressionante.
    - Schirò mi piace veramente tanto, copre tanto campo con la corsa leggera ma si fa rispettare anche nei contrasti oltre ad avere un sinistro dolcissimo.
    Considerazioni sulla prima squadra:
    - Abbiamo giocato male, con un giro palla difensivo che non riusciva a imbeccare quasi mai i 4 davanti, un pò per limiti nel palleggio ma anche per il poco movimento dei 4 (tranne Joao gli altri erano parecchio statici)
    - Handanovic oggi ci ha salvato con un miracolo vero. I 3 punti hanno sopratutto la sua firma.
    - Dalbert troppo impacciato nella ricezione palla e nel giocarla, se continua così lo lasceranno sempre libero nella ricezione per attaccarlo non appena ha la sfera. Deve migliorare tanto.
    - Skriniar bene ma anche due errori gravi che non ci sono costati nulla fortunatamento, meno bene delle altre volte anche nel giocarla (aiutato dalla poca predisposizione dei compagni in ricezione).
    - La squadra, pur giocando male, è rimasta squadra nella difficoltà. Però vorrei avere la controprova di come ci saremmo comportati prendendo il gol dell'1 a 0. Per fortuna non ho dovuto scoprirlo.

    Godiamoci questo risultato poco meritato ma che abbiamo ottenuto senza rubare niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preoccupante soprattutto Gagliardini, un giocatore che, se non sorretto dal fisico, tecnicamente non fa certo gridare al miracolo. Joao Mario ormai sempre meglio a fine partita, ma far giocare dall'inizio Brozo è un rischio (troppo?) grande. Voglio vedere Karamoh al posto di Candreva almeno una volta. Pesa, secondo me, l'assenza di Cancelo (che rispetto a Dalbert è ben altra roba)

      Elimina
  34. ...oggi è stata una partita molto complicata x una serie di fattori (campo di m...,ventaccio, caldo - lo so che c'erano per tutti ... - e avversari carichissimi che però sono scoppiati al 70°) : dopo una prestazione non brillante , x me è stato un grande merito aver portato a casa i tre punti... i goal li abbiamo fatti noi...mica gli avversari si sono fatti gli autogoal o si sono scansati... P.S. (x gli esteti) il Barça ha faticato più di noi contro il Getafe

    RispondiElimina
  35. Primavera: Milan Inter 0-3

    Solo due brevi considerazioni perché ritengo che tutti gli appassionati di giovanili dell'Inter abbiano visto la partita o la rivedranno registrata.

    L'Inter parte favorita perché sino ad ora ha vinto tutti i tornei ai quali ha partecipato ed ha battuto una coriacea Udinese alla prima di campionato, mentre il Milan, a prte il disastro contro il sassuolo ha alternato luci ed ombre.

    Favorita non vuol dire che la partita sarebbe stata facile e tanto meno che per spuntarla non avremmo dovuto dare tutto.

    Vecchi di questo era consapevole, tanto è vero che ha stoppato facilmente l'astuta mossa 'delle mani avanti' provata da Gattuso (che intendeva anche così stimolare l'amor proprio dei rossoneri).

    Era tanto consapevole delle difficoltà che avremmo incontrato (il che non significa sottovalutazione delle qualità dei suoi) che ha confermato la formazione vittoriosa sull'Udinese, sostituendo solo il talentuoso Merola con il coriaceo Belkheir.

    Perché le nostre due punte dovevano prima di tutto aprirsi per contrastare le iniziative avversarie in partenza (mentre Zaniolo dovevs prendersi cura delc entrale che eventualmente avanzasse.

    Poi gli attaccanti divevano aprire spazi per gli inserimenti dello stesso Zaniolo e se possibile di Emmers e Danso.

    Ultimo ma non per importanza dovevano...far gol.

    Lo schieramento speculare con il trequartista lasciava scoperte per entrambe le squadre le fasce, ognuna presidiata da un solo giocatore.
    Aveva più chance chi fosse riuscito a impedire la ripartenza del difensore avversario e nel contempo a prenderlo in mezzo, in fase offensiva, con l'avanzata del terzino e l'allargamento della punta


    Sono convinto che in molte altre partite merolino sarà titolare indispensabile, ma oggi serviva peso e sacrificio (tanto è vero che come sostituto è stato chiamato, verso la fine, Adorante): i gol sarebbero comunque venuti.

    E così è stato.

    Non si è trattato di una partita perfetta di tutti i nostri e anche qualche meccanismo non ha funzionato benissimo perché sulla destra della nostra difesa Valie è stato lasciato un po' troppo scoperto.

    Però la superiorità dei nostri è stata sempre netta (se non ricordo male, a parte l'autopalo, Pisso ha compiuto la prima parata a pochissimo dal termine, mentre noi oltre al gol abbiamo sbagliato diverse occasioni nette).

    Il milan ha cercato di mettere un(a) Palett(a) alla nostra superiorità (di oggi) senza riuscirci.
    Forse se avesse fatto giocare come fuoriquota anche Bonucci e Romagnoli sarebbe andata meglio....

    Abbiamo una squadra forte, ma non abbiamo ancora fatto nulla e i risultati che contano si vedranno solo fra nove lunghissimi mesi, nei quali può capitare di tutto.

    Perciò rallegriamoci, gioiamo e prepariamoci comunque a soffrire con umiltà.


    RispondiElimina
  36. Brevi valutazioni individuali

    Pisso: non impegnato da tiri veri, è sempre stato attento e concentrato nelle uscite
    6.5

    Valietti: ottimo come sempre nella spinta è stato a volte lasciato un po’ isolato nel difendere, tra l’altro contro il più forte dei milanisti.
    6.5

    Nolan: non bello da vedere, qualche volta ci arriva un po’ da sciammannato, ma se non abbiamo preso gol in due parte del merito va anche a lui, che è una roccia.
    6.5

    Lombardoni: strapotere fisico del Lomba che insieme a Nolan chiude a chiave l’area di rigore. Rispetto ai primi tempi di Inter, molto migliorato anche con i piedi
    7+

    Sala: nel primo tempo fa il compitino, nella ripresa si esalta e domina la fascia. Corsa, tecnica, intelligenza. Se mette i chili che servono diventa un crack. Ma non è una novità
    7+

    Emmers: prestazione di sacrificio, con poche possibilità di accendere per sé le luci della ribalta. Ma oggi serviva questo. Sa fare ancora meglio
    6.5

    Schirò: ha corso e lottato, sbagliando anche qualche passaggio in mezzo al campo, nel primo tempo, quando loro riuscivano a fare maggior densità. Però in qualche occasione ho rivisto….Suarez (il nostro, quello vero): ti mette il pallone sul piede con intuizione fulminea e passaggio di 50 metri.
    7+

    Danso: un grandissimo primo tempo sul piano dell’intensità e della lotta da centrocampista di rottura, lui che sarebbe più portato ad offendere cala alla distanza, ma era inevitabile. Qualche f’volta si fa prendere dalla frenesia e commette falli inutili.
    Dimostra che avevano ragione i ostri tecnici a pensare che avesse margini di miglioramento.
    6.5

    Zaniolo: mostra tutte le sue qualità, ma forse è troppo consapevole di essere bravo. Umiltà e piedi per terra sono indispensabili per arrivare. Anche per lui qualche fallo di troppo e un po’ di nervosismo eccessivo. Ma corre e si batte e qualche volta accende la luce
    7

    Belkheir: assolve bene ai compiti che gli erano stati assegnati, fa sentire il suo perso e tiene sul chi vive la difesa rossonera. Sbaglia un gol abbastanza facile, ma ci sta.
    6.5

    Odgaard: è già giocatore vero. Ha una forza fisica impressionate che emerge in partite da combattimento. Segna 3 gol in un derby quasi al suo esordio con la nostra maglia e scusate se è poco. Ma dal mio punto di vista non è questo il merito principale della sua gara. I gol, alcuni davvero pregevoli nell’esecuzione, sono anche favoriti da errori avversari (terrorizzati?). Sono però i numerosissimi contrasti vinti, l’enorme area di campo ricoperta con ritmo e efficacia a sbalordire, se poi lo lasciano lucido per segnare tre volte…
    9

    Brignoli: dimostra che in questa squadra ci può stare, anche se sbaglia il gol del 4-0, dopo essersi liberato bene
    sv

    Rover: entra quando ormai la partita è incanalata e dà il suo contributo
    sv
    Adorante: pochi minuti per mostrare che su di lui si può contare.
    Sv

    Vecchi: tutto ciò che un allenatore può fare, lui lo fa. Bene
    8

    RispondiElimina
  37. Mi sembra un po esagerato dire che abbiamo giocato male, semmai s'è trattato di una brutta partita, impostata dagli avversari in un certo modo, che hanno avuto SOLO due occasioni nitide su tre tiri nello specchio della porta in tutti i 97 minuti. Cmqe concordo, Gagliardini pessimo, sempre anticipato e spesso da la sensazione di ragionare poco con il pallone. Joao Mario non è mai entrato in partita, dovrà lavorare parecchio Spalletti. E poi Handanovic ce l'abbiamo solo noi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Dino abbiamo giocato male male nonostante tutte le attenuanti ho rivisto la squadra dell'anno passato,

      Elimina
  38. LUCIANO hai proprio ragione SCHIRò il SUAREZ (nostro) degli 2000 .
    Impressionanti i suoi lanci da 50 metri sul piede del compagno.

    RispondiElimina
  39. Buonasera Luciano. Mi tolgo il cappello di fronte a chi ha portato Odgard da Noi.
    Da tempo non vedevo una punta di 18 anni tanto forte. Ha un sinistro con cui anticipa la giocata mettendo in crisi il difensore e copre tutto il fronte dell'attacco facendosi sentire in pressing. Da ultimo: ottimo il suo senso della posizione.
    Secondo me è già pronto per giocare tra i professionisti,
    Su Schiro' aggiungo che trattandosi di un 17enne sia da considerare più che di una semplice promessa.

    RispondiElimina
  40. Il Verona gioca ed è messa in campo in modo imbarazzante. In una partita dove il ritmo è blandissimo i giocatori della Roma sono quasi semopre liberi senza motivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo goal della Roma peggio del primo, Dzeco solo ad un metro dalla porta con il difensore più vicino a 6 metri.

      Elimina
    2. E' la terza partita del Verona che vedo, è una squadra scarsa, come altre, ma a differenza di altre (il Crotone di oggi ad esempio) è anche senza senso.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  41. È questa la Primavera da cui usciranno più giocatori da Inter.

    RispondiElimina
  42. Ciao a tutti
    Oggi la primavera ci ha fatto gioire moltissimo nonostante il tentativo puerile (inserendo Paletta)di equilibrare le sorti di una sfida in modo sleale.
    Grandissimo odgard.
    Invece i grandi hanno giocato un pessimo primo tempo e un deludente secondo tempo fino al 75 esimo.
    Poi piano piano siamo venuti fuori e abbiamo trovato il gioiello dei 3 punti...
    Cmq c è molto da lavorare...
    In primis D'Albert e gagliard
    ini

    RispondiElimina
  43. Anche se è bello lavorarea punteggio pieno
    Forza Ragazzi

    RispondiElimina
  44. Partita brutta..giocata male...ma vittoria importante.
    I pareri sulle individualità sono i soliti bene o male.
    I terzini non sono granché, vecino è meglio di gagliardini, j.mario è bravo ma non sa segnare, icardi se non segna è un fantasma perche per la manovra offensiva è poco utile, candreva fa solo cross ma li fa male e non crea mai superiorità numerica, la difesa è forte, cosi come borja è perisic sono due ottimi giocatori....
    Nulla che non sappiamo e ripeto da tempo...

    RispondiElimina
  45. Pensando a queste quattro partite mi sembra che siamo Vecino-dipendenti, usando una formula che viene usata di questi tempi. Gagliardini è entrato bene con la Fiorentina, ha fatto male a Roma, bene (forse benino) con la SPAL e male ieri. Vecino ieri ci ha dato più verticalità, scaricava la palla (e non a Skriniar) in avanti per poi inserirsi immediatamente. Immagino che martedì possa giocare lui dal primo minuto, vedremo se il gioco sarà più simile a quello delle prime due partite (Il Bologna in casa dovrebbe concedere qualche spazio in più rispetto al Crotone).

    Credo che Gagliardini e Candreva siano tra quelli più indietro di condizione, ma non deve sorprendere, e forse tra un po' (se non già ora) potrà accusare qualche problema Icardi che non ha svolto la preparazione. Mi pare che in questi casi ci si senta freschissimi in un primo periodo per poi calare un po'.

    RispondiElimina
  46. Problema gol: si diceva che segna solo Icardi. Ora si dice che segnano solo Icardi e Perisic. L'anno scorso abbiamo fatto, mi sembra, una settantina di gol. Già confermare questo numero, subendo meno, sarebbe una buona cosa e non scontata (con Mancini due anni fa nel girone di andata subivamo pochissimo ma i gol fatti furono circa cinquanta alla fine del campionato). Mi aspetto sicuramente il ritorno al gol di Candreva che alla fine darà il suo contributo in termini di gol e assist e il miglioramento di Joao Mario: zero gol ancora ma assist per il 3-0 con la Fiorentina, decisivo nell'azione del terzo gol con la Roma, rigore procurato con la SPAL, assist a Perisic ieri.
    Vecino e Skriniar hanno fatto due gol (... e una traversa), l'anno scorso i mediani e i difensori centrali hanno fatto tre o quattro gol in tutto il campionato.

    RispondiElimina
  47. Io ho paura che la stampa sportiva stia già preparando il terreno per far diventare Gagliardini il nuovo Ranocchia, e tristemente tanti tifosi gli vanno dietro.
    Ieri Gagliardini ha giocato così così, un pò statico e non particolarmente ispirato palla al piede, ma direi una prestazione da 5,5, non certo un disastro come leggo in giro.
    Il ragazzo ha già dimostrato di non essere una roccia mentalmente e non vorrei che si facesse condizionare da questi giudizi a mio avviso poco corretti e forse malintenzionati (parlo per esempio del 4,5 dato del Corriere dello Sport, voto vergognoso).
    Per fortuna Spalletti ha capito che il ragazzo va sostenuto quindi sono convinto che farà una grande annata che lo porterà ad essere titolare ai prossimi mondiali.
    Abbiamo tre titolari di qualità per tre posti, ossia Vecino, Borja Valero e Gagliardini, sosteniamoli tutti e non creiamo dualismi inutili.
    Eppure vedo giudizi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che spesso si pretenda sempre il massimo dai giocatori, con una concezione un po' statica. Invece spesso per i giocatori arrivati a gennaio è così: si parte benissimo ( ricordo Brozovic entrato perfettamente a Napoli in coppa Italia, arrivato a Milano pochi giorni prima o Kovacic che nel girone di ritorno di Stramaccioni fu uno dei pochi a salvarsi) per poi avere un calo fisiologico. Ha fatto gli Europei under21 e il primo giorno di ritiro era già a Riscone. Immagino sia uno di quelli che per essere al 100% dovrà attendere l'autunno. Considerando che non abbiamo una rosa profonda, non ci sarà il rischio di collezionare poche presenze e sarà sempre stimolato. Spalletti vuole giocare bene e ci si allena per questo, credo possa solo migliorare. Però in partite come ieri, se la punta non viene indietro, un mediano che venga avanti mi è sembrato fondamentale. Queste partite, sintetizzando in modo un semplicistico, anni fa le vincevamo con Milito (o Ibra o Cruz) o con Cambiasso, che in campi come quelli del Catania, di Lecce, Bologna e altri segnò alcuni gol decisivi.

      Elimina
    2. Ranocchia ha avuto la sfortuna di essere arrivato nell'ultima stagione a buoni livelli e negli ultimi mesi di un'Inter competitiva. Non ha avuto il tempo di crescere con la squadra ed è affondato con lei. Con Gagliardini dovrebbe essere proprio il contrario... Si spera(!!!)

      Elimina
  48. Sarebbe troppo facile fare l'elogio di una Primavera che non sembra avere rivali nel campionato primavera. Perciò mi sento di dover elencare le cose che…mi sono piaciute di meno:

    - Valietti ha grandi doti ma mi da l'impressione di accontentarsi troppo facilmente e a volte sfocia in giocate un po’ superificiali. Sala dall'altro lato riesce ad imporsi con maggior frequenza e garra.

    - Emmers è sicuramente bravo ma trovo curioso come dopo due anni all’Inter tende ancora a corre a testa basta e spesso forza la giocata pur di andare in verticale. A volte una mezz’ala deve semplicemente alzare la testa e fare un…retropassaggio. Deve crescere nella lettura del gioco.

    - Danso si conferma il “meno talentuoso” di questa squadra e penso che si potrebbe (dovrebbe?) fare tranquillamente a meno. Sono curioso di vedere come si schiererà l'Inter con il ritorno di Rada (che è infortunato?).

    Queste le uniche cose che mi sento di sottolineare, per il resto la vittoria del girone mi sembra scontata tale è la superiorita rispetto alla concorrenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo su Valietti, sembra che a volte non sappia come mettere a frutto la sua superiorità fisica e tecnica in categoria.
      Oltretutto mi sembra che la catena di destra con Emmers non sia perfetta come sincronismi, il belga dovrebbe accentrarsi maggiormente per lasciare la corsia libera al terzino.

      Elimina
    2. Su Danso sfondi una porta aperta. Per me non lascia intravedere nessun potenziale ed è un uomo in meno, come i vari Dabo ecc che si sono succeduti nel ruolo. Vedremo

      Elimina
  49. Mi permetto una domanda a Luciano da "profano" delle giovanili:
    In ottica prima squadra, con tutte le cautele del caso e sapendo che "uno su mille ce la fa", Schirò è un papabile giocatore dell'Inter? Intendo uno che con uno sviluppo muscolare e agonistico favorevole potrebbe ambire a essere tra i 20 titolari di un'Inter futura.
    Sinceramente mi ha colpito profondamente per come tiene il campo e anche potenzialmente mi sembra un campioncino in erba.
    Io stravedevo per Fossati ed ero convinto che potenzialmente era da Inter, però poi spesso la realtà drasticamente dice altre cose, quindi volevo sentire il tuo parere.
    Già che ci sono un'altra domanda:
    Quando nel 2012 Mastour, Opoku e Taufer diedero spettacolo allo Ielasi, avresti mai pensato che nessuno dei tre potesse arrivare nemmeno in Primavera? O era comunque una possibilità concreta legata al loro sviluppo? (ok Mastour lasciamolo stare per ovvie ragioni).
    Grazie in anticipo per l'eventuale risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'latro l'unico trofeo vinto da Mastour (a parte le Champions League, mondiali per club, e scudetti assegnatigli d'ufficio per evidenti meriti sportivi) nella sua florida carriera mi sembra sia proprio lo Ielasi...

      Elimina
    2. Vero. Anche io ero convinto ho ha ottima carriera per tafferugli e fossati.
      Soprattutto , taufer è un peccato non sia riuscito a crescere. Ha ancora possibilità?

      Su fossati e mastour, ho la idea che restando da noi avrebbero avuto più strumenti.

      Elimina
  50. Purtroppo è morto Eugenio Bersellini, un ricordo commosso e grato per un allenatore vincente in un periodo non facile.

    RispondiElimina
  51. Buona Domenica a Voi Tutti.
    Mi addolora la scomparsa di mister Eugenio Bersellini; un galantuomo e gran professionista. Ci porto' lo scudetto nell'80 con una squadra fatta con onesti calciatori: Mozzini, Canuti, Caso, Acampora, Marini. Lanciò in serie A ragazzi talentuosi: Bini, Pasinato, Altobelli, Oriali, Becca.
    Se ne è andato un pezzo della mia giovinezza.

    RispondiElimina
  52. Mi unisco a tutti voi nel ricordo di Eugenio Bersellini. Non ho potuto vivere direttamente quella Inter vincente ma ho potuto negli anni conoscere quello che ha fatto e ovviamente conoscerlo sotto l'aspetto umano. Una grande persona prima che un grande allenatore.

    RispondiElimina
  53. Doppio 3-0 sul Verona per l'under 15 e 16.

    RispondiElimina
  54. Ciao Eugenio. sarai per sempre nella storia dell'Inter

    RispondiElimina
  55. Bordon
    Canuti Mozzini Bini Baresi
    caso marini Altobelli Beccalossi Muraro
    Campioni d'Italia!

    RispondiElimina
  56. A me Danso nel primo tempo è piaciuto moltissimo, poi è calato. proprio vero che nel calcio c'è spazio per ogni idea e valutazione.
    Per ora sembra che piaccia a quell'incompetente di Vecchi, che su due partite lo ha schierato solo...due volte.
    Non è biondo, lo so. Non ha il piede raffinatissimo, ma ha tanta forza e voglia di affermarsi. Cosette che nel calcio un po' contano

    RispondiElimina
  57. Dei tre quello che pensavo potesse fare una carriera migliore era Mastour, tecnica sopraffina e fisico (allora) importante.
    Jus e Mel era evidente che erano in vantaggio nello sviluppo rispetto agli altri e che in seguito avrebbero pagato il riequilibrio.
    ma entrambi avevano anche grandi qualità e in questi casi vale la pena di portarli fino in fondo il processo di crescita prima di fare le verifiche definitive.
    oggi l'Inter tiene e fa giocare i giovani talentuosi ma piccoli o gracili (a differenza per esempio di Atalanta e Milan) lascia indietro solo i finti talentuosi (i dribblomani) perché quelli si fermeranno.
    Invece ci sono giocatori (facchetti giovane con i piedi era un disastro, ci fosse stata la rete lo avrebbero distrutto a 13-14 anni) che hanno grande potenza e migliorano tecnicamente col tempo

    RispondiElimina
  58. Io c 'erò 1-1 contro la Roma ha pareggiato Mozzini in zona cesarini .CAMPIONI d'Italia!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'ero anch'io e avevo 16 anni sigh !!!!

      Elimina
  59. Mi associo al cordoglio per la scomparsa di Bersellini. Ho un bel ricordo di lui, non solo per lo scudetto.

    RispondiElimina
  60. Ho pubblicato un primo post su Crotone-Inter: https://fratellidelmondo.blogspot.it/2017/09/contro-ogni-catastrofismo-crotone-inter.html

    RispondiElimina

Printfriendly