domenica 24 settembre 2017

Obblighi e verità: Inter - Genoa

Dopo il pareggio in casa del Bologna, i nerazzurri ritornano in campo domenica 24 settembre 2017 a San Siro per Inter - Genoa, gara valida per la sesta giornata del campionato di Serie A 2017/2018. Una partita nella quale Spalletti chiede ai suoi non solo di fare risultato ma anche di riscattarsi sul piano del gioco e della prestazione complessiva dopo le tante critiche ricevute negli ultimi giorni.

Ancora una volta mi sembra di dovere aggiungere veramente poco a quanto ho sentito nella conferenza stampa pre-gara del Mister Luciano Spalletti.

Ho trovato le sue analisi sulle ultime due partite e quindi la previsione sulla prossima, come sempre di grande lucidità e onestà intellettuale.

Ancora una volta ha difeso la squadra e in particolare i singoli che si voleva mettere sul banco degli imputati (es. Candreva, Joao Mario).

Lo ha fatto assumendosi le responsabilità del caso ('Colpa mia, gli ho chiesto io di tirarli in quel modo, sul vertice corto per andare ad anticipare. Uno con un piede importante come Antonio ha bisogno che gli si conceda mezza metro. Cercherò di liberarlo un po' perché le sue qualità sono superiori alle mie conoscenze, lo lascerò libero. Stanchezza? No, non va ad inficiare su questo aspetto. A lui randellano il piede, di fatica muscolare ne fa poca.') o comunque discutendo in maniera analitica sul gioco praticato a Bologna e di come il problema sia stato non di un singolo giocatore (l'imputato era Joao Mario) ma della squadra nel suo complesso.

Non gli è piaciuto il possesso palla così come lo abbiamo visto a Bologna: ne abbiamo parlato.

È stato un esercizio inutile e improduttivo.

Se non addirittura dispendioso.

Non ha dato indicazioni chiare su come giocherà domani ma ha comunque fatto capire che il 4-2-3-1 non è in ogni caso un dogma intoccabile e accennato alla possibilità di giocare a tre in mezzo magari con un giocatore nella posizione di vertice basso.

In teoria la squadra dovrebbe nel tempo arrivare a garantirgli la possibilità di cambiare in corsa a seconda delle esigenze, ma non sappiamo a che punto siamo con questo tipo di lavoro.

Imprevedibile anche quella che potrà essere la formazione titolare, anche se potrebbero esserci anche quattro o cinque cambi rispetto all'ultima partita.

Questi dovrebbero riguardare nel caso la titolarità dal primo minuto di Brozovic, Dalbert, Eder, Gagliardini, Ranocchia.

A farne le spese potrebbero essere Candreva (ma Spalletti ha detto di averlo visto in buone condizioni fisiche, potrebbe essere un indizio), Joao Mario, uno tra Borja Valero e Vecino, Miranda, Nagatomo.

Difficile prevedere che cambi ci saranno (cinque cambi dall'inizio mi sembrano tanti), ma penso che al netto delle valtazioni fatte il modulo di partenza sarà anche domani il 4-2-3-1. Poi chiaramente interpretato in maniera diversa a seconda dei giocatori in campo.

Di fronte il Genoa.

I rossoblu hanno due punti dopo cinque partite e sono il solito 'giocattolo' smontato e rimontato daccapo da Preziosi così come il vulcanico presidente dei rossoblu ci ha abituati nel corso degli anni (questa volta meno che il solito per la verità: c'entra forse la paventata possibilità di una cessione del club?).

Hanno un allenatore bravo (Juric) e un ragazzino davanti (Pellegri) che a soli sedici anni si è preso tutte le prime pagine dei quotidiani nazionali dopo la doppietta nell'ultimo turno.

Suggestioni a parte (ma Pellegri probabilmente non è solo una 'suggestione' in senso stretto), non dico che sarà una partita facile, perché non lo credo, ma non ci poteva essere una condizione migliore probabilmente per provare da subito a rialzarsi dopo il pareggio e gli allarmi di Bologna.

Non parliamo di un avversario irresistibile e il ritorno 'emotivo' dopo la partita di Bologna dovrebbe in teoria comportare una vera e propria ondata di prepotenza dei nostri ragazzi che sento avranno il giusto approccio alla gara sin dal primo minuto.

Il grande atteso tra le nostre fila è ovviamente Icardi, considerato a torto o a ragione negativo contro Crotone e Bologna e secondo alcuni persino principale colpevole dei nostri problemi, ma se dovesse giocare Eder, ci saranno occhi puntati anche su l'italo-brasiliano.

Nessuno lo considera un messia, ma là davanti è l'unica alternativa reale ai titolari. Anche se sono state più che apprezzabili le dichiarazioni di Spalletti sui giovani e in particolare Pinamonti (presente tra i convocati anche se ha giocato con la Primavera) e Karamoh.

Out ancora Joao Cancelo per infortunio.

Per il resto il Genoa è sostanzialmente - almeno sul piano tattico - lo stesso che l'anno scorso.

Ha tre difensori bloccati dietro molto muscolari (Biraschi, Rossettini, Zukanovic) e due esterni molto rapidi come Lazovic e l'ex Laxalt che accompagnano gli esterni d'attacco oppure i trequartisti, a seconda delle scelte del mister, e cercano spesso la sovrapposizione.

Non sono secondo me molto forti a centrocampo, dove tra l'altro manca Bertolacci e tutto passa per il 'pupillo' di Casa Preziosi, Miguel Veloso

Questo significa che teoricamente Spalletti potrebbe effettivamente praticare il gioco che vuole sulla trequarti ma servirà un Icardi particolarmente 'serpentesco' e l'aiuto dei centrocampisti per allargare le maglie della difesa di Juric e dare un senso all'intero processo di gioco.

Ieri intanto (NDR. Sabato.) Juventus, Roma e Napoli hanno facilmente vinto le loro partite, come prevedibile, dimostrando secondo me di avere ancora qualche cosa in più di noi non solo sul piano del gioco ma anche per quello che riguarda il livello complessivo della rosa.

Questo ci dà un'idea chiara - se possibile - del quoziente di difficoltà del nostro campionato e relativamente la possibilità di centrare l'obiettivo finale.

Inter - Genoa è ancora un'altra partita che alla fine dobbiamo per forza definire difficile insomma.

Questo perché giochiamo per un solo risultato e pareggiare (o addirittura perdere) sarebbe inaccettabile e incompatibile con i sogni e le ambizioni della squadra.

Tanto più dopo il pareggio di Bologna.

In questo senso il Mister ha parlato di 'obblighi':

'Gli obblighi sono quelli di fare prestazioni, la partita, prendere campo con la linea difensiva, scappare ogni volta che c'è una palla libera, mantenere l'equilibrio quando la palla va verso la bandierina di sinistra con quelli di destra che fanno le diagonali preventive, Icardi che sia dieci metri fuori dalla metà campo. Poi il tutto diventa una conseguenza dei comportamenti. Noi le partite vogliamo vincerle tutte, vorremo vincerle tutte. Questo però in soldoni non vuol dire vincere il campionato, ma sono le intenzioni, la strada che stiamo costruendo. I 50mila sono frutto della curiosità stimolata dai giocatori, ora serve lo step successivo. Io sarei stato in tribuna, questa squadra mi stimola fiducia di andarla a vedere. Dobbiamo meritarci questa loro forte presenza e assorbire la loro voglia.'
Speriamo che questa volta il risultato finale e la prestazione saranno diversi.

Emiliano D'Aniello

102 commenti:

  1. Ho anche la trascrizione completa dell'intervista di Moratti a sportitalia, la propongo settimana prossima.

    RispondiElimina
  2. A tutti quelli che dicono che siamo straccioni: abbiamo appena acquistato il teen ager più importante del mondo...

    http://m.fcinternews.it/news/il-figlio-di-trump-giochera-nel-dc-united-di-thohir-257578

    Adesso per par condicio però vogliamo anche Ivanka.

    RispondiElimina
  3. Emiliano, ti ho risposto nell'altro post. Non soffermarti all'articolo del Malpensante. Guarda il video.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo lo guardo Fabio. Prometto. Comunque come sempre la mia replica più che polemica, non escludeva alcune difficoltà oggettive di Icardi riscontrate a Bologna come in altre occasioni. Poiché penso che il giocatore valga mi domando dove sbagli lui e dove non funzioni il resto. Dobbiamo domandarcelo per forza dato che gli abbiamo costruito attorno la squadra...

      Elimina
  4. Rispondo a Gabriele Amstaf Lou e altri che pensano io ce l'abbia con Icardi per partito preso.
    Ve lo assicuro, non è cosi.
    Su questo Blog sono stato chiamato anche simpaticamente Maxi Lopez...
    Perché tavciato di essere anti icardiano.

    Ripeto, io non ce l ho con icardi. Vome non ce l'ho per partito preso con neessun giocatore della nostra rosa.

    Ce l'ho con chi non da tutto per l'inter ma gioca in maniera egoistica, pensando al proprio bene prima di quello per la squadra. Essere un grande finalizzatore, non vuol dire potersi permettere di non giocare per il bene della squadra ma solo per il proprio.
    Questo per me è inaccettabile.
    Candreva ad esempio secondo me è inadeguato, per la mole di errori offensivi e per le azioni monotematiche, ma lotta per la squadra, e ciò va apprezzato.
    Icardi no. La prestazione di Bologna è indecorosa per un attaccante dell'Inter.

    https://youtu.be/R-3cJJtCwBA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che le tue considerazioni siano per partito preso quando dici che gli altri dicono che tu sia contro Icardi per partito preso. È stato impossibile dialogare sino a questo momento perché non hai considerato, mi sembra, gli altri commenti e gli altri punti di vista. Anche quando ti si diceva "in parte concordo con te..." ti isolavi in questa posizione radicale di uno contro tutti e alla fine le cose dette e ripetute sono sempre quelle...

      Elimina
    2. In particolare con te Gabriele sono in parte d'accordo, anche perché mi sembra che considerassi anche tu migliorabili le prestazioni di Icardi.
      Contesto l'esser definito anti icardiano per partito preso.
      Ripeto, se Icardi giocherà per la squadra e per il bene dell'inter saro il suo primo tifoso.
      Quando continuerà a giocare per se stesso piu che per la squadra, sarò il più grande detrattore

      Elimina
    3. Vedendolo dallo Stadio ho avuto la stesse identica impressione di Fabio. In alcuni momenti è stato davvero abulico ed indolente,l unica volta che è tornato in difesa ha causa una punizione dal limite sanguinosa (alla Jovetic per dire). Una cosa c'è da dire però, lui è cosi...è questo,non si può pretendere qualcosa che non è nelle sue corde. Le sue caratteristiche ormai sono ben conosciute nel bene e nel male,non c'è tanto da discutere. Tutti vorremmo che si evolvesse in un Lewandoski (per me il più completo centravanti al mondo insieme a Cavani) ma non sarà possibile purtroppo. Io non potrò mai diventare un ingegnere aerospaziale neanche se avessi i migliori insegnanti al mondo ,cosi come lui non diventerà un centravanti mostruoso nonostante Spalletti sia un ottimo allenatore e questo vale per tutta la squadra purtroppo e credo che se ne stia rendendo conto anche il tecnico il quale,pur difendendo a spada tratta i suoi calciatori , si sta rendendo conto pian piano del il materiale in suo possesso non è all altezza delle prime

      Elimina
  5. Sono il primo a volere che cresca e l'anno scorso in estate pensando a Spalletti dicevo proprio questo. Poi prima di parlare di egoismo e di prestazione indecorosa vediamo cosa gli chiede, anzi, cosa pretende Spalletti e vediamo se quello spazio poteva essere anche attaccato da altri giocatori. Perché Icardi era cerchiato in rosso ma non mi pare che gli altri corressero così tanto senza palla. Non è un mal comune mezzo gaudio ma è cercare di farti capire che bisogna contestualizzare. Tu come altri astrai Icardi e considero solo lui senza saperlo nel gruppo Inter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spalletti in OGNI intervista quando interpellato su icardi parla di giocatore letale in area (serpentesco...) Ma che dovrebbe fare qualche passo indietro per dialogare con la squadra,per portarsi appresso il difensore.
      Certi spazi del campo devono essere presi dal centravanti,il movimento lungo-corto è l'abc del creare spazi nella manovra offensiva.
      Nessun allenatore al mondo chiede al proprio attaccante fi essere totalmente avulso dalla manovra.

      E ripeto, stiamo parlando di movimenti semplici... Di fare 4 passi indietro, non di movimenti complessi ad allargare sulle ali.
      Banalmente anche un movimento a ricciolo, (in cui si passa da dietro il difensore, quindi di fronte per poi scattare verso la porta in modo da prendere il tempo ed evitare il fuorigioco, se lanciati coi giusti tempi) ad icardi non lo si è visto fare, ed è la base per un attaccante che cerca la profondità! Aspettare sempre in modo passivo, per lo più in fuorigioco è un limite enorme per tutta la fase offensiva.
      Io, ad oggi, se icardi non fa i movimenti che gli si chiedono, lo farei accomodare in panca. Eder non può fare peggio di lui nelle ultime partite

      Elimina
    2. P.s. tra gli attaccanti di roma milan juve torino e inter, icardi nel 2016-17 è quello che tocca meno palloni a partita, che fa meno passaggi (anche se i pochi che fa li fa con una ottima percentuale di successo) e che recupera meno palloni.
      Inoltre i suoi dati di percentuali realizzative e precisione nei tiri lo mettono per ultimo tra i 5, con il 40%... A differenza del primo higuain con il 60% e quarto dzeko con il 49 %

      Elimina
    3. Secondo me Icardi non è il problema dell'Inter o quanto meno ce ne sono di più evidenti. A partire dalla qualità o meglio dall'assortimento dei giocatori che compongono il centrocampo, per esempio.

      Elimina
    4. Vero che Spalletti a domanda su Icardi risponde. Ma non ha mai preso posizione netta. È anche vero che lo difende, come fa con tutti, e non lo direbbe mai. È anche vero che a Trezeguet o Inzaghi non si chiedeva altro se non quello che facevano. Stare lì ed essere lucidi e quindi freschi sotto porta.

      Con Pirlo, Seedorf, Cafù, Rui Costa, Kakà, d'altra parte non ce n'era bisogno. E torniamo al discorso che avevo evidenziato qualche giorno fa. Gli altri nove giocatori non riescono a compensare e far gioco. Sono "insufficienti".

      Perché Spalletti non ha chiesto la cessione di Icardi? Uno come Dzeko che si muove tantissimo e fa salire la squadra è stato preso a circa 15 mln. Avremmo preso un sacco di soldi e potuto sistemare tanti problemi. Perché non lo mette in panchina? Quando lo metterà in panchina perché crede che le prestazioni di Icardi, COMPLESSIVAMENTE CONSIDERATE!!!, siano indecorose e controproducenti (saldo negativo) allora dirò che Icardi probabilmente dovrà andare in panchina. Non perché io stia con Icardi. Ma perché io sto con Mancini, De Boer, Pioli e Spalletti. E Sarri che lo voleva. Gente che ha giocato con Milik, Higuain, Dzeko e Totti. Gente che di movimenti ne sa giusto qualcosa, che sa di cosa ha bisogno l'Inter, che sa cosa può dare Icardi.

      Una cosa è porsi domande (e me le pongo; tante volte ho detto che Icardi ha 24 anni, che può migliorare, e che ero più o meno d'accordo con te) altra cosa è dare risposte anche abbastanza nette. Spalletti ha bisogno del video di ADV? Sicuramente ADV ne sa molto più di me in fatto di tattica (perché è bravo e perché io ne so zero). Ma, ripeto, mi fido di chi viene pagato diversi milioni di euro ed è stato innovativo davvero dal punto di vista del gioco offensivo. Proprio Alberto aveva pubblicato un articolo in cui una testata straniera se non erro, sottolineava i pregi e le idee della prima Roma di Spalletti. Spalletti l'anno scorso ha detto "io con quel 4231 mi sono eccitato". Pensi non voglia eccitarsi di nuovo? Semplicemente questo.

      Elimina
    5. "Inoltre i suoi dati di percentuali realizzative e precisione nei tiri lo mettono per ultimo tra i 5, con il 40%... A differenza del primo higuain con il 60% e quarto dzeko con il 49 %" questo dato non mi convince. Cosa si considera? Higuain e Dzeko hanno bisogno di tante occasioni in più per far i gol che fa Icardi.
      Tra l'altro Icardi non beneficia di densità in area di rigore è spesso è solo contro uno o due (o tre), quindi tutto più difficile

      Elimina
    6. Proprio stamattina ho rivisto gli highlight di milan novara, ultima partita di inzaghi. Ti assicuro che superpippo i passaggi in profondità li dettava... Eccome. Proprio con il novara segna su un tagloo in diagonale su passaggio di seedorf.

      Su pioli, esasperato dalle prestazioni, con il genoa lo sostitui. Venne esonerato.

      Ripeto. O icardi cambia, o icardi va cambiato. Non vedo altre soluzioni. (Anche con messi e dybala dietro nell argentina ha toccato pochissimi palloni)

      Elimina
    7. I tagli li fa, i passaggi li detta. Mi viene in mente il gol di Perisic contro la Spal, solo per pensare a quello più recente. Il difetto sarebbe semmai che cerca solo la profondità, senza venire incontro. Pensiamo a quasi tutti i gol che ha fatto con la Juve? Quanti assist Palacio, Guarin, Kovacic, Perisic (una volta anche Podolski!) hanno fatto per i gol di Icardi? Negli ultimi anni con la ricerca costante del cross si è persa una azione che fino a due o tre anni fa era quasi tipica: passaggio filtrante per il taglio sul primo piano e gol di Icardi. Se la poni così sono in assoluto disaccordo. Se parliamo di venire incontro, di far salire la squadra, di accorciare... ci posso stare. Proprio Spalletti in estate lo elogiava per questo (se non ricordo male). Quando, come dici tu, lo riprende, parla di venire indietro per aiutare la squadra e far salire il difensore che lo segue. In questo modo si libererebbe uno spazio alla spalle (la "casina" come dice il mister) che dovrebbe essere preso dal centrocampista. Il problema è anche che quello spazio non lo prenderebbe nessuno, forse l'unico in grado di farlo sarebbe Perisic. Quindi anche qua dovremmo considerare il contesto.

      Elimina
    8. Dai, Pioli l'ha sostituito una volta in quasi un girone quando era esasperato non da Icardi o comunque non solo da lui (tra l'altro: Icardi il rigore in quella partita l'avrebbe segnato :D). È stato esonerato perché ha cambiato Icardi secondo te? Non ci credo. Se pensi sia così è inutile continuare a parlare di discorsi tattici ma dovremmo concentrarci su altro.

      Credo sia stato postato l'articolo de L'ultimo uomo in cui si prendeva proprio quella partita dicendo "non era l'Inter di Pioli".

      Elimina
    9. Sono d accordo con te sui tagli e la mancanza di appoggio per i centrocampisti.
      Ma nella partita con bologna e crotone icardi ha mancato anche i tagli in profondità che solitamente faceva.
      Giocare in 10, non fa per noi.

      Su pioli... Era utile mandarlo via a 2 partite dalla fine?

      Elimina
    10. Io ci rimasi male e faccio il tifo per lui. Sicuramente è stata posta fine a un'agonia. Non so se per lui sia stato peggio così o se avesse preferito per altre tre settimane stare lì, impotente, attendendo quasi per inerzia la fine del campionato, fare conferenze, metterci la faccia. Si è anche detto che in quel modo aveva la possibilità di trattare con la Fiorentina e infatti l'accordo fu formalizzato abbastanza presto. Il giorno dopo da noi arrivò Sabatini che scelse Spalletti. Ci siamo concentrati sul futuro.

      Elimina
  6. La sua 'solitudine' secondo me resta il nostro problema principale. È qui che va capito dove debba dare di più nei movimenti senza palla. Deve crescere secondo me da questo punto di vista, muoversi sapendo creare gli spazi, però poi ci deve anche essere chi si butta dentro e questo non lo fa nessuno. Per questo poi si torna a far girare la palla sull'esterno dove Candreva è sempre propositivo ma oltre al cross molto spesso (quasi sempre) che soluzione ha? E dentro non c'è mai nessuno che si inserisce e sono proprio quelli che entrano senza palla s essere letali in queste situazioni che chi è già dentro l'area che al massimo fa da sponda o ancora porta via dei giocatori. Bada bene Fabio io ovviamente mica ho accennato s Icardi nel post riferendomi a te, al massimo ho preso in considerazione le tue osservazioni (come faccio con quelle di tutti gli altri in generale) ma anche io penso bisogni lavorare in quella zona del campo. Tanto è vero che nel post precedente ho parlato molto di Eder ma non come panacea dei nostri mali ma anche in quel caso domandandomi se inserirlo non possa giovare alla squadra anche tatticamente oltre che per il suo atteggiamento diciamo sempre 'positivo'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sua 'solitudine'... parli di Fabio? :)

      Effettivamente entrambi hanno la tendenza a isolarsi, chissà che dietro non ci sia un "gli opposti si attraggono e gli uguali si respingono" :D si scherza

      Elimina
  7. Io penso che quando Icardi sarà il peggiore della rosa sarà il suo momento di essere sostituito, adesso mi concentrerei su gente che sta messa molto peggio di Icardi, almeno intanto la sua ventina di gol e decina di assist vincenti ce la teniamo, a meno che si pensi che con uno fra Eder, Pinamonti, Petkovic o Petagna faremo di meglio che con Icardi, questo sinceramente il non lo penso. Poi magari sono più forti Mandzukic o Lewandosky o Sanchez, allora bisogna vendere Icardi e comprare uno di loro.

    RispondiElimina
  8. Se mi si dice che Icardi ha, ancora o forse per sempre, dei limiti posso concordare. Come Handanovic ha limiti coi piedi e, in parte, nelle uscite. D'Ambrosio nella tecnica. Ma nessuno sostiene che Handa o D'Ambro giochino più per se che per l'Inter. Invece i limiti di Icardi, sottolineati ed evidenziati molto più dei meriti e delle capacità, vanno visti (non da me) come egoismo, giocare per se stesso, non fare o volere il bene dell'Inter, e compagnia cantante. Io considero questo un pre giudizio; tralascio le "critiche" alla moglie procuratore, si aprirebbe un vaso di Pandora...
    Chissà se, oggi, Montella si lamenterà del VAR.

    RispondiElimina
  9. Spero che questo mettere alla gogna Icardi non sia recepito dalle altre sfere, ma sicuramente indurrà il pubblico di San Siro a fischiarlo di più, vabbè che questi mugugnavano anche con Coutinho... il che dice tutto.
    Io credo che se il Malpensante mettesse un video di tutte le "corbellerie" di D'Ambrosio o Nagatomo, non riceverebbe le stesse visite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un video dedicati a Nagatomo. Il problema è proprio mettere Icardi al livello di Nagatomo...

      Comunque anni fa facevo parte di un gruppo Tv in cui c'era anche Alberto. Ricordo che parlava delle mancanze di Icardi già nel 2013, primo anno di Icardi. Non parla per antipatie personali, ma perché ha certe idee. Poi secondo me a volte queste idee vengono forzate e prendono il sopravvento (tipo con De Boer).

      Elimina
  10. Grazie Fabio per avermi:
    fatto conoscere il malpensante;
    dato la possibilità di confermare le mie impressioni su Icardi in modo tanto evidente e, purtroppo per noi, drammatico.
    Dopo tutto ciò, ammiro la tua voglia di ribattere ai tuoi detrattori perché io, caratterialmente, lascerei perdere.
    Era già stata interessante la tua analisi sulle partite con o senza Icardi.
    Per i tuoi detrattori dico che tutti siamo in grado di capire le implicazioni che comporterebbe andargli contro. Ci vorrebbe una società forte e con tante possibilità di andare sul mercato, che non abbiamo ancora, ed un allenatore tipo Conte o Mou. Spero che Spalletti possa fare qualcosa perché con un centravanti così hai voglia di sostenere che abbiamo centrocampisti che non si inseriscono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "tutti siamo in grado di capire le implicazioni che comporterebbe andargli contro"

      Che poteri ha Icardi? Da dove gli derivano? Quale procedimento ha permesso a un ragazzino venuto dalla Samp di dettare legge?

      Elimina
    2. Potrebbero venderlo per un mucchio di soldi, invece cercheranno di alzare la clausola. Tutti soggiogati dal potere misterioso di un giocatore, persino i cinesi che dovrebbero essere abituati a ben altro. Ma no, non esiste il pre giudizio.

      Elimina
    3. Io non sono in grado di capire tali implicazioni, spiagamelo tu.

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. La fase offensiva dei nostri terzini è un pianto, D'ambrosio non ha tecnica in velocità ma le tempistiche di insermento le sa fare, Dalbert non sa fare nemmeno questo. Se si fanno mercati al risparmio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi ora come ora non capisco veramente cosa Dalbert abbia più di Di Marco.

      Elimina
    2. Ma puoi giudicare questo Dalbert?! Ma veramente?

      Elimina
    3. Assolutamente Dalbert non sa fare la fase offensiva, parla il campo.

      Elimina
    4. Poi potrà anche migliorare in futuro, si spera, ma la fase offensiva adesso veramente è inesistente.

      Elimina
    5. Ma è inesistente psicologicamente al momento...

      Elimina
    6. Boh Gabriele, la mancata fase offensiva di Dalbert la sottolineava continuamente Spalletti nel primo tempo. Che posso dirti di più?

      Elimina
    7. Secondo è bloccato psicologicamente, perché se dovessimo giudicarlo per questo non avrebbe giocato neanche nel Nizza. No?

      Elimina
    8. Ma già nel Nizza Dalbert non era nulla di che...

      Elimina
  13. Veramente è Fabio a essere detrattore di tutti quello che sostengono Icardi.
    Adesso avere Icardi in squadra è drammatico, solo uno juventino potrebbe dire una cosa del genere, me lo aspetteri da Sergio/Alessio/Ivan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai detto che è drammatico avere icardi. È un buonissimo giocatore. Per me non un campione. Ma ha qualità di grande finalizzatore. Però deve giocare meglio, e maggiormente per la squadra.

      Elimina
  14. Bene Brozovic, male Dalbert, se questo giocatore è più forte de Naga dev'essere che la sua condizione è terribile, forse sarebbe meglio recuperarlo prima di farlo giocare.

    RispondiElimina
  15. I terzini, Icardi, Candreva...ma quello che manca è il centrocampo. L'unica volta che Vecino ha accelerato, senza fare il compitino, palo di Brozo. Ma per il resto lenti a contatto, Valero&Vecino, mai una iniziativa, anche con i compagni liberi. Tu, se uno è libero, dovresti darla, se lui sbaglia pazienza, hai fatto la cosa giusta.

    RispondiElimina
  16. Ha segnato il migliore in campo !!!!

    RispondiElimina
  17. Ok, ottimo il punteggio finale. Però parliamoci tranquillamente la nostra fase offensiva deve far riflettere, ma tanto riflettere. Tatticamente oggi ha funzionato la fascia destra dove Candreva e D'ambrosio avevano una buona intesa, però tecnicamente, se vogliamo essere obbiettivi, non costituiscono un binario che riesce a sfondare con le difese chiuse.
    A sinistra abbiamo un Perisic che accentrandosi e triplicato viene annullato, lì ci sarebbe lo spazio per la sovrapposizione di un terzino che sa fare la fase offensiva, quello adesso non è Dalbert. Inoltre, oggi ho visto un centrocampo con Vecino e Borja che facevano il lavoro che fa un solo centrocampista, nessuno dei due ha accellerato per creare semplicemente un movimento, per semplicemente portarsi via un uomo. Nisba. Cose positive: Icardi partecipa maggiormente alla manovra, ma era veramente isolato, e Karamoh è un'altra cosa rispetto a Barbosa.

    RispondiElimina
  18. È tutto troppo brutto per essere vero. Sicuramente non è la squadra che sognava Spalletti ma mi pare sia stato d'accordo con i profili, se non proprio con i nomi. Non posso pensare che abbia preso un abbaglio e mi aspetto un campionato dignitoso.

    RispondiElimina
  19. I nuovi ingressi hanno cambiato la partita. Se Joao Mario, nei pochi minuti giocati ha confermato i suoi limiti ciccando una palla goal in area, Ever e Karamoh tentano l'uno contro l'uno, rischiano l'errore ma non si limitano alla graugnola di scolastici passaggi laterali e all'indietro o ai cross dalla 3/4 a difesa schierata esercitati da tutti gli altri. Buona partita di Brozovic, iun palo e un tiro pericoloso, che, pur essendo confusionario, sprecando alcuni passaggi in profondità per difetto di misura, però ci prova.

    RispondiElimina
  20. Comunque 8 goals su 12 nell'ultimo quarto d'ora non è un caso; nel bene e nel male.

    RispondiElimina
  21. Siamo tifosi ma non ciechi. Abbiamo seri problemi a cc in fase di impostazione ed in attacco: concludiamo poco e male senza saltare mai l'uomo. Senza fantasia il nostro è un fraseggio sterile, noioso ed inutile. Colpa anche di poco movimento corale. Purtroppo non siamo riusciti a prendere un terzino sx decente che si prenda la fascia, tanto da farci rimpiangere un ottimo Laxalt.
    La fase difensiva e lo spirito di squadra c'è: sono due componenti essenziali nella costruzione di una squadra di calcio. Non illudiamoci più di tanto sarà durissima andare in CL con questo gruppo.

    RispondiElimina
  22. Come dissi dopo la vittoria con la SPAL questo sarà un campionato di grande sofferenza. Oggi altra vittoria fortunata ,partita sbloccata su piazzato come spesso è capitato ultimamente. Bene per me Vecino Brozovic e Karamoh, male ancora Dalbert timoroso,sbaglia i tempi di inserimento a differenza di D ambrosio che,seppur molto limitato tecnicamente si sovrappone con tempismo perfetto, ed è stato incerto pure in fase difensiva ultimamente. Pur essendo presto per tirare le somme credo che Fabio abbia ragione su di lui purtroppo

    RispondiElimina
  23. Le note positive della giornata: Handa (al solito), D'Ambro ottimo, Brozo è un Karamoh imprendibile,

    RispondiElimina
  24. Io continuo a vedere la stessa squadra dell'anno scorso, stessi pregi e difetti. Manovra farraginosa. Il nostro punto debole è il centrocampo. In assoluto ci manca qualità. Karamoh è molto più giocatore di Barbosa anche se ancora molto acerbo

    RispondiElimina
  25. Allora, innanzitutto, è doveroso da parte mia dare un parere su icardi.
    Oggi non ha giocato bene, ma ha giocato molto più per la squadra e provato a partecipare maggiormente alla manovra. La partita è stata negativa, ma di certo non indecorosa, in quanto si è vista la volontà di essere d'aiuto ai compagni.

    Passiamo agli altri interpreti.
    Due menzioni in particolare per candreva, che nonostante ci metta impegno, evidenzia limiti troppo grossi.
    Karamoh nel suo piccolo ha fatto più dribbling di candreva in tutta la stagione.
    Altra menzione per Dalbert.
    Per me un terzino pagato 25 milioni e seguito per tutta un'estate, deve essere un grande terzino.
    Dalbert non lo è. Lo ho visionato gia al nizza. È un discreto giocatore.
    Davvero faccio grande fatica a capire come si possa averlo valutato tanto, e ritenuto tanto forte da non considerare altre soluzioni.
    Per me è incomprensibile, ed era molto facile da capire i suoi limiti.

    Pagelle

    Handanovic 6,5
    Miranda 6
    Skrinjar 6,5
    D,ambrosio 6,5
    Dalbert 5
    Vecino 6
    Borja 5,5
    Brozovic 5,5
    Candreva 5
    Icardi 5
    Perisic 5,5
    Karamoh 6,5
    Eder 6,5
    J.mario sv

    Ritengo anche che la presenza di eder al momento sia imprescindibile

    RispondiElimina
  26. Sia EDER che Brozo sono da considerare titolari. Su D'Albert sono sinceramente perplesso.

    RispondiElimina
  27. Pensate che Brozovic abbia fatto meglio di quello che avrebbe fatto Joao Mario?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Brozovic non avesse questa incostanza di rendimento sarebbe di gran lunga il miglior centrocampista della squadra. JM non può fare il ruolo che gli vogliono far fare: non ha i tempi di gioco né la concretezza del trequartista. O si reinventa centrocampista puro o a noi non serve

      Elimina
  28. JM non è una mezzala, Brozo lo è con tutti i limiti caratteriali del personaggio.
    Ritengo JM un acquisto sbagliato al pari del Barbosa.

    RispondiElimina
  29. Tra Spalletti e ex giocatori, c'è chi rende merito ad Icardi. Persino per Bologna. Ma, spesso, gli occhi vedono solo ciò che vogliono. Applicando il metodo "fabio", ad esempio, Miranda non giocherebbe per il "bene dell'Inter" avendo difficoltà a giocare alto, Borja e Vecino penserebbero solo a se stessi con percentuali altissime di passaggi riusciti, ma inutili e facili facili...il gioco è di squadra, la responsabilità diventerebbe individuale quando la squadra ti mettesse nella condizione di fare BENE e tu facessi MALE. Lo stesso Dalbert, in una partita giocata maluccio, si è liberato 10 volte, o più, senza mai essere servito; così non vieni messo nelle migliori condizioni, certo c'è chi sopperisce da solo e chi no. Quasi tutti no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rendere merito ad icardi per bologna... è volere il male dell'Inter.
      Oggi la prestazione di icardi a livello di movimenti per i compagni è stata totalmente diversa... Magari spalletti una bella strigliata gliel'ha data.

      Miranda penso non giochi alto perché non ha capacità di recupero in velocità...ne lui ne skrinjar.. penso neanche spalletti glielo chieda.

      Elimina
  30. se Karamoh è acerbo viva i giocatori acerbi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh è normale che lo sia un ragazzo di 18 anni!

      Elimina
    2. sìsì non dico questo, dico che se anche è acerbo, giocando così mi va benissimo!

      Elimina
  31. Mi piacerebbe vedere Karamoh col Benevento e far riposare Candreva, Dalbert potrebbe avere l'occasione per dimostrare che non è così scarso come sembra (a me). Oggi il francese è apparso ancora inconsistente in attacco e pericoloso in difesa, speriamo sia un momento così...

    RispondiElimina
  32. La manovra è lentissima. Non siamo mai bravi a verticalizzare, perché la distanza tra i centrocampisti e Icardi è troppa e le difese hanno gioco facile a chiudersi. JM avrebbe i piedi e lo strappo per fare quel ruolo ma è troppo poco cattivo in area. Brozo non fa mai 2 giocate buone in fila e i terzini non danno l'appoggio al tempo giusto all'azione. Candreva ha un solo tipo di giocata. Vista l'inter di queste partite ci giocheremo il quinto posto col milan, la Lazio ci è ancora superiore.

    RispondiElimina
  33. Grandi ragazzi vittoria esiziale altrimenti avrebbe cominciato a serpeggiare un certo malumore, teniamo lontani i musi lunghi, continuiamo a sperare nel IV posto per noi fondamentale e speriamo che ne so in un Alex Teixeira a gennaio, troppo poca qualità davanti, per me Dalbert male all'inizio ma poi è migliorati, per me buona prova di Brozovic e più che buona la prova di Vecina Karamoh che personalità e mi auguro che pian piano trovi i suoi spazi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Texeira nello jiangsu ultimamente non l ho visto benissimo. Secondo me non cambierebbe molto. Per me eder ha fatto molto bene in quella posizione. Gli va data fiducia

      Elimina
    2. condivido, Eder da più vivacità.

      Elimina
  34. Comunque anche oggi prestazione a mio parere sotto la sufficienza della squadra.
    Siamo squadra in quanto a compattezza, ma dobbiamo fare di più come qualità di gioco, e nelle prestazioni individuali.
    Intanto però... 16 punti... Sono davvero uno splendido inizio.

    Benevento sarà importantissimo per permetterci di affrontare le successive partite con maggior tranquillità

    RispondiElimina
  35. Sarà ma ho visto sia nell'ultima partita che oggi 6,5 ad Eder ma secondo non ha fatto nulla ne col Bologna ne oggi, sono opioni e poi secondo me Texeira ha dribbling e fantasia cosa in cui Eder non mi sembra eccellere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il texeira dello shaktar lo potrei capire. Nello jiangsu gioca come esterno a sx o seconda punta (partendo sempre da sx) non fa il trequartista puro e on sta giocando grandi partite.
      Altro discorso se si pensasse ad un draxler, un ozil... In quel caso potrebbero esserci utili.

      Elimina
    2. Francamente non prenderei mai teixeira. L'acquisto più logico a gennaio sarebbe uno già testato nel nostro campionato e che entri subito nei meccanismi. Come fece la Roma col doppio colpo Perotti più El-Sharawiy due anni fa.

      Elimina
    3. Questa questa squadra sta facendo il massimo possibile, 16 punti su 18 sono un piccolo miracolo. Non penso che potremo migliorare, quello che vediamo è il frutto di una non eccelsa campagna acquisti, speriamo che il miracolo continui così da entrare in CL.
      Oggi mi sono parecchio arrabbiato sentendo allo stadio i fischi a Candreva al momento della sostituzione, non sarà un anno facile vediamo di stare vicini alla squadra.

      Elimina
    4. Certo ragionavo in prestito a quindi a buon mercato ritenendo i draxler gli ozil nomi per noi impossibili a quel punto io sceglierei Pastore

      Elimina
  36. Spalletti a Inter channel:

    “Un po’ sofferta questa vittoria, ma la squadra sta costruendo una mentalità, uno spirito, il fatto di averci provato in maniera forte – le cose vanno fatte con ordine comunque – è un segnale importante. La partita non l’abbiamo giocata bellissima, un pubblico di questo livello merita qualcosa in più, ma siamo stati ordinati, non ci siamo mai scomposti eppure a volte l’ho vista l’Inter giocare con troppi cambi di fronte, in cui si può fare un gol ma se ne possono prendere due. In questo momento meglio mantenere una composizione di squadra che sia sempre ragionata, con una testa pensante a livello di collettivo, questo è fondamentale"

    Mi sembra chiaro, solidità e pochi rischi dietro nella speranza che qualcuno là davanti la metta dentro...questo inizio di stagione mi ricorda molto quello targato Mancio 2015-16, squadra bloccata, gioco pessimo, ma buoni risultati...poi nel tentativo di migliorare la manovra offensiva persi gli equilibri e stagione alle ortiche!
    Con questi interpreti credo che Spalletti la pensi come me....meglio non fare voli pindarici, vediamo di portare fieno in cascina e speriamo che i meccanismi migliorino e che emerga un Karamoh o un Cancelo a creare imprevedibilità in fase offensiva.

    RispondiElimina
  37. La penso anch'io come Daniele e Spalletti.

    RispondiElimina
  38. Credo che anche oggi abbia parlato di terzini bloccati (soprattutto D'Ambrosio) per scelta. Non perdiamo da Genoa - Inter, ottimo precampionato, due solo gol subiti... quando non avremo più bisogno di preoccuparci troppo di scoprirci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è bene che non ci scopriamo... Continuerei a giocare in modo molto accorto.
      Sperando che con le piccole basti e con le grandi si possa colpire ij contropiede. Ad oggi i risultati danno ragione a spalletti. Di certo le prestazioni sono negative, e non sempre la buon sorte sarà dalla nostra.

      Elimina
  39. Mi è piaciuto il fatto che Spalletti abbia evidenziato la banalità del gioco espresso.
    Con karamoh e il rientro di cancelo le cose dovrebbero migliorare.
    Cancelo lo vedo più come alternativa a Candreva, visto che D'Ambrosio garantisce equilibrio difensivo.
    Candreva potrebbe essere usato come trequartista dinamico al posto di Joao.

    Pellegri si dimostra giocatore vero.

    Imbarazzante derby di Torino : ad un certo punto sembrava una partita da esibizione.
    Dybala è sprecato nella juve.

    RispondiElimina
  40. Buongiorno a Voi Tutti.
    Spalletti è persona onesta: sa che stiamo giocando male e ci mette la faccia. Importante la sottolineatura che la squadra debba attaccare senza perdere equilibrio ed infatti sono solo 2 i goal subiti.
    Sfido qualsiasi interista: nessuno avrebbe pensato a 16 punti in 6 partite. Attenzione però questo è ancora una volta un campionato anomalo : sono troppe le squadre materasso ed alla fine quelle buone sono ridotte a 6/7. Quindi il risultato in termini di punteggio potrebbe illudere.
    Il mister ha capito dove sono i problemi: basta guardare le rotazioni e le sostituzioni in corso di gara.
    Sta cercando quelle soluzioni che l'organico forse non ha. Questo Karamoh tuttavia merita attenzione perché cercavamo da anni la punta che salta l'uomo e questo ragazzo lo fa. Aspettiamo Cancelo che con i piedi ci sa fare e recuperiamo Gaglia. Possiamo migliorare.

    RispondiElimina
  41. Si può migliorare certo ma non penso perchè entri Karamoh o Cancelo al posto di Candreva, infatti ora come ora l'italiano ad inizio partita è una maggiore garanzia per le letture dei raddoppi nonostante tendi ad isolarsi troppo sulla fascia, comunque fatto sta che da più garanzie tattiche rispetto al francese sia in fase offensiva che difensiva.
    Karamoh è un'ottima arma se entra nel secondo tempo quando per stanchezza possono saltare dei raddoppi e quindi può giocarsi il suo uno contro uno sulla fascia, oppure può sfruttare meglio la sua velocità.
    I miglioramenti devono venire semplicemente dai movimenti dei giocatori portati ad attaccare, però se ad attaccare dei nostri sono solo quattro allora le cose si fanno difficili. Infatti non capisco cosa si possa imputare alla prestazione di Icardi di ieri, a meno che non si sia in malafede, infatti poteva anche abbassarsi e partecipare alla manovra, ma rimaneva sempre un dialogo in orizzontale senza sviluppi verticale per via dei pochi uomini in movimento ed anche dei pochi uomini in attacco. Con pochi atleti, quattro, in fase offensiva e gli altri dietro la linea difensiva avversaria è normale che si sviluppava un lentissimo inutile gioco orizzontale.
    Nella manovra di ieri ad esempio, come già sottolineato, uno fra Vecino e Borja si sarebbe dovuto staccare per portare un movimento in fase offensiva, stessa cosa per Dalbert che finchè rimane libero sulla linea orizzontale di Miranda non porta alcuno sviluppo di manovra. Non penso che questi non-movimenti siano stati richiesti dall'allenatore anche perchè il semplice spazio vuoto lasciato dai terzini può essere coperto dalle ali Candreva e Perisic in fase di ripiegamento, così come facevano Eto e Pandev nei bei tempi, semplicemente i calciatori non lo fanno perchè non ancora rodati, qualche dubbio rimane perchè da Crotone non ci sono stati sviluppi della manovra in questo senso, vediamo cosa succede a Benevento che i campani sicuramente cercheranno di bloccarci come fatto dal Genoa.

    P.S. ieri Pellegri è stato mangiato dai nostri centrali, forse perchè ha 16 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri Spalletti ha detto chiaramente che vuole più movimento senza palla. Ha detto anche vanno rischiate giocate meno scolastiche (passaggi orizzontali) e lanciare nello spazio premiando gli scatti di Icardi verso la porta. Ha ammesso, poi, che nella trequarti non abbiamo il giocatore con dribbling e capacità di sparigliare le carte. Io aggiungo che non abbiamo nemmeno centrocampisti di inventiva, anche Borja Valero che, facendo le debite proporzioni, dovrebbe essere per noi quello che fu Pirlo alla Juve, non prende quasi mai iniziative coraggiose.

      Elimina
  42. Penso che dobbiamo continuare a tenerci be coperti perché la nostra posizione in classifica e dovuta ai 2 soli gol subiti in 6 partite. Se il subire poco è la principale fonte dei nostri punti, al momento, bisogna continuare a tenerla nella massima considerazione.

    RispondiElimina
  43. Marin di Luciano non ho notizie . Penso di incontrarlo Mercoledì alla partita della Primavera , poi vi farò sapere.
    AMALA SEMPRE.

    RispondiElimina
  44. con Mancini Handanovic era spesso il migliore in campo, Murillo e soprattutto Miranda erano formidabili (e ben protetti)

    ieri (quando son calati) abbiamo creato molte occasioni: Candreva e Brozovic hanno avuto 2 belle palle gol

    senza considerare Eder il tiro da fuori e un tocco di Rosi che lo anticipa (su angolo tra l'altro non visto il tocco)

    farei volentieri una raccolta firme per abolire i corner corti.. veramente assurdo come si possa batterli in quel modo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere che Borja Valero (considerando le caratteristiche del compagno di reparto) non possa giocare in un centrocampo a due? È forse troppo semplicistico ma mi sembra ultimamente abbia determinato davvero poco.

      Comunque diversi tifosi del Milan sono convinti che li prenderemo a pallate. Io ho abbastanza paura che proprio a centrocampo possano rivelarsi nettamente superiori.

      Elimina
    2. a me pare in netto calo rispetto alle prime 3 partite speriamo la sosta gli faccia bene

      ho visto un paio di volte il milan e non mi pare lo squadrone penso che tanto dipenda da Kessie (che io adoro) mi pare un giocatore dominante se si conferma son dolori

      credo il problema principale sia l'assemblamento di quasi 8 / 9 giocatori nuovi

      trovare automatismi ed equilibrio non sarà semplice

      Elimina
  45. Comunque, petkovic è un bel giocatore...

    RispondiElimina
  46. se vogliamo insistere con questo inutile e inappropriato (sec me) 4-2-3-1, allora sarebbe d'obbligo provare candreva come 'trequartista'.

    per il 4-3-3 piu' classico forse valero (vertice basso) con joao e vecino ai lati sarebbe la soluzione piu' logica. in attesa del ritorno di gagliardini ai livelli piu' consoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, teoricamente si può darti ragione, in quanto sembra una soluzione che potrebbe dare benefici.
      Ma sinceramente, andresti a cambiare un modulo che ha portato 16pti in 6 partite?..

      Che poi le prestazioni siano state deludenti ok...ma 2 gol subiti in 6 partite...
      Io, ad oggi non modificherei se non in modo poco rilevante, o talvolta negli interpreti

      Elimina
  47. Se credi che c'è qualcosa da rivedere, va fatto subito. Meglio cambiare adesso che dopo due-tre sconfitte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusta osservazione. Ma, non è detto cambiando si migliori

      Elimina
  48. Entro stasera il post sulla partita. Già scritto ma devo editarlo.

    RispondiElimina
  49. Gentili signori, ieri ero allo stadio (dopo tanto tempo, da Inter Atalanta): volete che vi dica la mia impressione?

    I nostri giocatori hanno PAURA!

    Giocano preoccupati, con i pensieri... Non è questione di abulìa, di poco impegno, di svogliatezza, no... Giocano così, con tanta lentezza, perché hanno paura! Per fare un passaggio ci pensano su, e pensandoci su non trovano il ritmo...
    Manca il giocatore che gli dica: "Di che vi preoccupate? Ci sono qua io!", come a loro tempo facevano Matthaus, o Ibra, o Adriano...
    Dopo l'uno a zero hanno giocato spensierati... Se Perisic avesse segnato al primo minuto, magari la partita sarebbe finita come contro l'Atalanta...

    RispondiElimina
  50. Online il post sulla partita: https://fratellidelmondo.blogspot.it/2017/09/dambrosio-scaccia-i-mostri-e-linter.html

    RispondiElimina

Printfriendly