giovedì 21 settembre 2017

Questa Inter è (ancora) un rebus

Nella foto (fonte: quotidiano.net) l'allenatore Luciano Spalletti durante Bologna - Inter. La partita è finita con il risultato di 1-1 e ha visto i nerazzurri a lungo in difficoltà contro la squadra rossoblu allenata da Roberto Donadoni, facendo scattare qualche campanello d'allarme in casa Inter.

Non ho avuto tempo nell'immediato di scrivere un post dedicato al pareggio di Bologna.

Inutile aggiungere rispetto a quello che si può leggere e sentire in giro, che anche per quanto mi riguarda la prestazione è stata (molto) deludente e che per come si erano messe le cose, il pareggio si è rivelato il risultato migliore possibile.

Tanto che nella pratica, se guardiamo i punti, dobbiamo alla fine considerare il bicchiere mezzo pieno e per forza riconoscere che nessuno - dopo cinque partite - avrebbe mai immaginato di essere a quota 13 punti e al secondo posto in classifica dietro le più quotate Juventus e Napoli.

Due squadre che continuano a vincere e - ciascuna a suo modo (il Napoli in questo momento appare più convincente o comunque diciamo anche spettacolare) - schiacciare ogni avversario gli si presenti davanti senza grosse difficoltà.

Poiché sappiamo che il nostro obiettivo non è vincere lo scudetto, ma qualificarsi per la prossima edizione della Champions League, naturalmente i risultati di queste due squadre, che hanno senza dubbio qualche cosa in più delle altre a livello qualitativo e di 'rodaggio' dei sistemi di gioco, ci interessano relativamente.

Ma segnali poco confortanti, diciamo così, arrivano da chi è tra i nostri competitor, cioè Roma e Milan, che hanno vinto in maniera abbastanza netta, mentre la Lazio - che sta disputando un ottimo campionato - ha giustificato quanto ho detto poc'anzi sulla superiorità di Juventus e Napoli perdendo nettamente 4-1 in casa contro i partenopei.
In questo senso la nostra superiorità rispetto a queste tre squadre resta assolutamente presunta e da dimostrare partita dopo partita e poi possibilmente negli scontri diretti, già a partire dal prossimo derby del 15 ottobre.

Nel mezzo tuttavia ci sono altre due partite, quella con il Genoa in casa e la trasferta di Benevento, che vanno affrontate con la massima attenzione e con una cura particolare dopo le ultime due prestazioni, quella di Crotone e quella di Bologna, che non hanno sicuramente entusiasmato. Anzi.

Abbiamo già discusso di quella di Crotone e Luciano ha ottimamente dibattuto su quella di Bologna in ogni suo particolare.

Non mi sento di dover aggiungere qualche cosa in particolare rispetto alla sua analisi, che come lui stesso ha voluto specificare è stata 'realista' invece che pessimista e che giustamente richiama il ritorno di situazioni negative e tipiche già viste negli anni passati.

La verità è che, come scriveva Luciano all'indomani della partita contro la Roma, questa Inter è (ancora) un rebus.

In particolare i temi centrali del dibattito in questo momento secondo me sono due:
  1. La mancanza di alternative nel reparto offensivo.
  2. La mancanza di una certa 'sostanza' e fisicità nel reparto centrale del campo.

Due limiti peraltro che abbiamo già sottolineato ampiamente già prima dell'inizio del campionato e cui pare si sia cercato anche di ovviare fino agli ultimi minuti in sede di calciomercato.

Senza esito positivo.

Premetto che rimpiangere chi è andato via (Kondogbia, Medel, persino Jovetic) secondo me non ha particolare senso perché il punto della questione è trovare soluzioni adesso e nell'immediato e questo devi farlo solo con le risorse che hai a disposizione.

Per quanto riguarda il primo punto, la mancanza di alternative nel reparto offensivo, non si fa riferimento solo al 'numero' di giocatori a disposizione, ma anche di soluzioni di gioco.

Questa Inter è per forza di cose monotematica in alcune situazioni e specialmente se, quando ricerca il possesso palla, il fraseggio per vie centrali e poi la verticalizzazione, nessuno accompagna il centravanti Mauro Icardi, che a questo punto (al di là della valutazione sulle sue capacità) diventa prevedibile e facilmente marcabili.

Aggiungo che con il Bologna non abbiamo quasi mai assistito a verticalizzazioni vere e proprie e nonostante i felsinei giocassero con la difesa molto alta: non abbiamo mai cercato il lancio lungo.

Una scelta precisa del tecnico immagino, che crede molto in questo possesso palla insistito nel mezzo.

Ma questo sistema non può funzionare se non hai giocatori che si inseriscono con (Joao Mario) o senza (Vecino, Gagliardini) palla nel momento della verticalizzazione.

È un sistema che può essere perfezionato ovviamente, ma qui bisogna anche domandarsi se i limiti dei singoli siano qualche cosa cui si possa porre effettivamente rimedio e in tempi brevi, perché le partite adesso si susseguono una dopo l'altra e non possiamo permetterci di perdere altri punti.

Inevitabilmente, non trovando sbocchi in questo senso, a un certo punto siamo ritornati nei soliti vecchi errori e nel ricercare l'affondo sugli esterni, un gioco che non è chiaramente produttivo e al di là delle imprecisioni degli interpreti (es. Candreva) anche questa volta a causa del mancato inserimento e della mancata efficacia in questo che ritengo un 'fondamentale' della pratica del gioco del calcio.

Come non richiamare del resto l'errore madornale di Joao Mario dopo tre minuti nella partita contro il Bologna?

È solo un esempio ma non è la prima volta che il portoghese si trova in una situazione di questo tipo e sbaglia.

Io continuo a pensare che abbia delle qualità importanti, ma che per ora non riesce a metterle in mostra con quella continuità di cui abbiamo bisogno.

Forse è un caso, forse no, ma ha fatto molto meglio da subentrante contro Viola e Roma che nelle occasioni successive.

Senza bocciare il giocatore, ricercare nella prossima partita una soluzione diversa in questo senso non mi sembrerebbe qualche cosa di sbagliato, ma qualche cosa di logico e di necessario per aggiungere un po' più di 'cattiveria' in quella zona del campo.

La mia idea è che il sostituto ideale possa essere Eder, un giocatore generalmente sottovalutato, ma che storicamente ha sempre dimostrato di avere una certa determinazione ogni volta che chiamato in causa.

Bravo ad attaccare la profondità e anche a venire incontro per giocare con i compagni, il suo unico limite è che non è chiaramente un'ala. 

Va quindi utilizzato in posizione centrale, alle spalle oppure accanto ad Icardi.

Da questo punto di vista la soluzione ideale potrebbe essere mettere Brozovic a destra invece che Candreva e irrobustire il centrocampo con la coppia Vecino-Gagliardini, concedendo così un turno di riposo a Borja Valero.

In ogni caso con Eder e Brozovic avresti una maggiore intensità di gioco che con Joao Mario e Candreva e soprattutto una maggiore forza nell'attaccare per vie centrali, che sembrerebbe essere il 'canovaccio' su cui Spalletti voglia insistere in questo momento particolare.

Aggiungo che abbiamo a sinistra diversi giocatori portati ad attaccare perché, a parte Perisic, sia Nagatomo che Dalbert vanno spesso e volentieri sul fondo.

Si potrebbe in questo senso anche tentare di portare Perisic a destra in determinate fasi di gioco e a questo punto allargare Eder in una posizione più decentrata a sinistra dove, pure non essendo esattamente un'ala, gli si faciliterebbe la possibilità di andare al tiro.

Di conseguenza potremmo avere questa situazione di partenza:

Gagliardini - Vecino
Brozovic - Eder - Perisic
Icardi

Che però potrebbe diventare a seconda delle fasi di gioco:

Brozovic - Gagliardini - Vecino - Perisic
Eder - Icardi

Oppure:

Brozovic - Gagliardini - Vecino
Perisic - Icardi - Eder

Ma anche:

Gagliardini - Vecino
Perisic - Brozovic - Eder
Icardi

Tutte queste considerazioni, assolutamente ipotetiche e più o meno facili da rappresentare su 'carta', avrebbero la duplice intenzione di aumentare le soluzioni di gioco nel reparto offensivo, ma anche di garantire una maggiore fluidità a centrocampo, dove secondo me occupiamo sempre una parte troppo ristretta del campo.

Un giocatore 'aggiunto' come Brozovic rispetto a Joao Mario e più portato rispetto al portoghese anche ad allargarsi per trovare spazi, potrebbe (dico: potrebbe) dare meno punti di riferimento e alternare la ricerca di una maggiore ampiezza al tentativo di penetrare centralmente nella difesa avversaria.

Non volevo fare un post esattamente 'tattico', non considerandomi generalmente affatto in grado di fare qualche cosa del genere, ma evidentemente sentivo di dover dire qualche cosa sotto questo aspetto non tanto per dare 'lezioni' al Mister Luciano Spalletti, ci mancherebbe altro, ma per cercare di fare io stesso il punto della situazione sulle risorse che possiamo mettere in campo.

Restano ovviamente a parte i giocatori nominati, due carte da potersi giocare come quelle di Pinamonti e Karamoh, ma non so sinceramente quanto possano dare effettivamente questi due giocatori.

Del francese del resto sappiamo veramente poco.

In definitiva mi sembra che questa squadra, così come è stata costruita, non debba essere stravolta rispetto a quello che abbiamo visto nelle prime cinque giornate (parlare solo di fortuna mi sembra veramente ridicolo).

Il piano complessivo della situazione elaborato dal mister probabilmente è giusto, ma in questo momento vanno provate soluzioni diverse e penso proprio che, pure ascoltando le parole di Spalletti nel post-partita di Bologna, a partire dalla prossima gara vedremo qualche cosa di diverso.

Anche se - attenzione - il mister è stato 'sibillino' da questo punto di vista perché ha detto che tatticamente vuole la squadra in campo esattamente come la abbiamo vista fino a questo momento (in particolare faceva riferimento alla posizione del trequartista); dall'altra però ha fatto chiaramente capire di aspettarsi molto di più.

In questo senso mi pare evidente che si riferisse all'avere maggiore intensità e cattiveria.

Sono qualità che chiaramente non si acquisiscono da un giorno all'altro.

In genere o ce le hai oppure non ce le hai.

Secondo me non cambiare a questo punto sarebbe deleterio e manderebbe anche un messaggio negativo alla squadra e specialmente a quei giocatori che più che altri danno sempre tutto quello che anno.

Questo - ribadisco - non significa che io pensi che calciatori come Joao Mario giochino contro, ma che semplicemente per limiti caratteriali in questo momento non rendano quanto potrebbero.

Ricordo peraltro che il mister durante il precampionato ha provato diverse soluzioni sul piano tattico e degli interpreti. 

È stato lui sempre a parlare di 4-3-3 in alternativa al 4-2-3-1 e sempre lui contro Fiorentina e Roma è partito facendo a meno di Joao Mario e contro la Roma in particolare schierando tre centrocampisti di ruolo (Gagliardini, Vecino, Borja Valero).

I risultati sembravano poi a un certo punto dare 'ragione' a un determinato sistema di gioco e alla scelta di determinati giocatori, ma a quanto pare qualche cosa in questo momento è da rivedere.

Sono ottimista e penso che apporterà i dovuti accorgimenti.

Se questo possa bastare a riprendere in mano la situazione da subito non lo so.

Sicuramente le prossime due partite saranno importanti sia sul piano del risultato che della ricerca di una nuova compattezza in vista del derby (subito dopo c'è il Napoli), un appuntamento al quale ci dovremo presentare al massimo delle nostre possibilità. Sia per quello che riguarda i punti che la qualità del gioco espresso.

Emiliano D'Aniello

115 commenti:

  1. Il post contiene ovviamente quelle che sono solo mie riflessioni. Non sono assolutamente un tattico né ho alcuna pretesa di esserlo: lo scopo era domandarsi se e quali fossero delle 'soluzioni' alle difficoltà viste in campo considerando il materiale umano a nostra disposizione.

    RispondiElimina
  2. Leggo e non comprendo. Eder è una punta. Non un 10 atipico alla kovacic come usato da mazzarri o un tuttocampista come palacio. Era pellè o è belotti che in nazionale gli aprono gli spazi e non viceversa. L'inter DIPENDE da icardi. Se è un fuoriclasse l'inter ha buone possibilità anche di scudetto. Se è quel che ipotizza luciano nel post o da sempre dice fabio... beh. Togliamoci ogni illusione. Sul suo altare di Campione sono stati sacrificati TUTTI i nostri giocatori d'attacco. Quindi. O è fortissimo o se vale simone inzaghi togliamoci le illusioni. Meglio darebbe avere Petagna. Poi che joao mario sia tutto tranne che vidal è un altro discorso. Se icardi non è ICARDI possiamo pure smettere di sperare. L'icardi del primo tempo di roma o di crotone e bologna potrebbe stare tranquillamente in tribuna. E noi giocare in 10. Farebbe lo stesso. Altro che adeguamento di contratto. Ma non penso gli allenatori siano autolesionisti. Im sede di calcio mercato han scelto lui. Quindi cerchiamo di pensare abbiano ragione. Il testo verrà da sè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un attimo Michele, giusto per la precisione (perché forse ti è sfuggito): questo ultimo post è mio. Non di Luciano. Non facciamo confusione, non voglio che Luciano si prenda nel caso delle critiche insensate.

      Eder non è assolutamente un numero 10 ma non è neppure un'ala. Sì, ha bisogno di un giocatore che gli crei gli spazi. Icardi non sa farlo? Non può farlo? Perché no?

      Eder può partire da posizione centrale alle spalle di Icardi oppure - secondo me - da sinistra e ovviamente accentrarsi per andare sul piede destra. Una ipotesi questa, che ho paventato, è che comporterebbe nel caso lo spostamento di Perisic a sinistra. Aggiungo che si possono anche adottare entrambe le soluzione nell'arco della stessa partita a seconda delle situazioni. Una cosa che ho visto molto poco o quasi mai sia con Pioli che con Spalletti finora è una alternanza tra gli esterni d'attacco. Non si prova mai a cambiarli di fascia. Non sto dicendo che facendolo si vinca sicuramente, ma è una cosa che in determinate situazioni di gioco può funzionare.

      Comunque io penso che Icardi sia forte. Il senso del post non era sicuramente sminuire Icardi, ma è sicuramente uno dei giocatori cui invito a fare di più perché lui come Joao Mario (che invece ho in qualceh maniera criticato apertamente) ha delle qualità per potere effettivamente fare di più. Penso lo stesso di Brozo ad esempio oppure di Gagliardini, cui pure non condivido tutte le critiche che sta prendendo in questo periodo.

      Elimina
    2. 'Insensate' non perché sia insensato il contenuto del tuo commento ovviamente, ma perché il post lo ho scritto io e non lui!

      Elimina
    3. L'Inter di Icardi:

      2014-2015 · 8ª in Serie A.
      Quarti di finale di Coppa Italia.
      Ottavi di finale di Europa League.
      2015-2016 · 4ª in Serie A.
      Semifinalista di Coppa Italia.
      2016-2017 · 7ª in Serie A.
      Quarti di finale di Coppa Italia.
      Fase a gironi di Europa League.

      Nella sampdoria 2012-13 in cui giocò titolare, 14esima in serie A e terzo turno di coppa Italia.

      La miglior stagione per l'inter quella in cui segnò di meno (16 gol ) e in cui in 33 partite venne sostituito 15 volte.

      Forse sono tutte coincidenze...forse..No

      Elimina
    4. Stesso dicesi per candreva,peggiore stagione della lazio quando fu il capocannoniere della squadra.
      Miglior stagione quella in cui in attacco c erano djorjevic e Klose, due assoluti specialisti dei colpi di testa .

      Candreva deve giocare con un ariete. Icardi deve giocare con una seconda punta o esterni veloci che abbiano assist e gol nei piefi e sacrificarsi piu per la squadra che per se stesso.

      Elimina
  3. 'Eder può partire da posizione centrale alle spalle di Icardi oppure - secondo me - da sinistra e ovviamente accentrarsi per andare sul piede destro. Una ipotesi questa, che ho paventato, è che comporterebbe nel caso lo spostamento di Perisic a destra.'

    Scusami, ho scritto di getto e senza rileggermi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto perfettamente l'autore. E non ho nessuna critica da rivolgerti. Mi riferisco a che cosa è scritto nel post. Ciò non toglie che o Icardi è un campione completo, oppure abbiamo preso una cantonata cosmica (comica per le altre squadre...) sacrificando un altro anno di Inter. Siamo Icardi dipendenti. Togliamoci dalla testa che non sia così.

      Elimina
    2. Chiaramente la mia era solo una specifica. ;)

      Elimina
  4. E, aggiungo, quest anno più che mai che non abbiamo nessuno da mettere in mezzo all'attacco. Spero non crediate che Eder possa giocare da prima punta o da falso nueve con gli esterni che abbiamo. Anche se è vero che sia in precampionato, sia l'anno scorso le cose migliori le abbiamo viste o con Icardi "non realizzatore" o con Icardi non schierato. In fondo la partita migliore dell'ultimo anno di Mancini fu Napoli Inter di coppa Italia con davanti Ljaic e Jovetic ed Icardi fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun altro che Icardi, intendevo. QUindi? Sono sempre convinto che gli allenatori non sbaglino, anche se i dubbi di Fabio sono completamente sensati, compreso l'analisi sugli ultimi tre anni di Inter. In fondo la serie di vittorie dell'anno scorso l'abbiamo fatta con Icardi che segnava molto poco.

      Elimina
  5. ....quell'idiota di Sampaoli......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ha ottenuto grandi risultati infatti...

      Elimina
    2. Poi....quelle maledette statistiche ti fanno venire dubbi Classifica Assist
      #
      SQUADRA TOTALI VINCENTI
      1 NAPOLI 24 9
      2 INTER 23 7
      3 MILAN 22 6
      4 JUVENTUS 19 9
      5 FIORENTINA 18 3
      5 ROMA 18 6

      Elimina
    3. 3 partite con l argentina.
      Sconfitta in uruguay, pareggio 0 a 0 con uruguai.
      Pareggio 1 a 1 in CASA con il VENEZUELA

      Elimina
    4. I risultati con l'Argentina sono pessimi anche prima. Se vogliamo anche quelli dell'Inter... Probabilmente possiamo dire che Icardi 'aiuta' ma non risolve da solo.

      Elimina
    5. Sampaoli sta rischiando seriamente l'esonero, visto che ha convocato ICARDI anche per le due prossime partite di qualificazione ai mondiali, piuttosto che il "chiattone" .... ICARDI ha determinate caratteristiche : a Sampaoli piacciono, a Frigiola, no....ce ne faremo una ragione

      Elimina
    6. Con messi e dybala potrebbe essere piu avvantaggiato ed essere piu determinante un attaccante cone icardi.
      Molto piu che con candreva e perisic a mio parere.

      Elimina
    7. ...le partite di Icardi con l'Argentina le ho viste.... pur giocando in un ruolo "dipendente" è andato meglio dell'acclamato Dybala.... un autogoal procurato e due falli da rigore subiti ma nn sanzionati (quello di Godin l'hanno visto pure da Rio de Janeiro)...inutile girarci attorno : Icardi ha determinate caratteristiche e va utilizzato per sfruttare le sue qualità; se gli si chiede altro, si danneggia lui e si danneggia la squadra

      Elimina
  6. Analisi tattica di inter cagliari 2016. Guardate le scelte di candreva, e i movimenti di icardi che tolgono soluzioni ai portatori di palla.https://youtu.be/bFfGE1_UbWM

    RispondiElimina
  7. Vorrei che quelli che invocano Petagna si ritrovassero in una realtà parallela per inneggiare al loro campione. Ah no, ci sono già

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso nessuno cambierebbe icardi con petagna, neanche il peggior nemico di icardi.
      Penso però si debba fare un analisi seria sulle qualità di ocardi e su quanto il suo modo di giocare influisca positivamente o negativamente per la squadra.

      Elimina
    2. Anch’io vedo i limiti di Icardi. Vedo anche quelli di Candreva. Anche perisic ne ha. Poi, se gli uomini mercato non comprano attaccanti perché.. costano, io non so cosa farci, se non aspettare tempi migliori

      Elimina
    3. Tutti hanno dei limiti. Io non accetto però i limiti di egoismo e poca volontà. Perché farsi incontro al pallone non implica chissa quale capacità...ma voglia di farlo

      Elimina
    4. Non so quante partite vedi allo stadio, icardi è sempre tra quelli che si muovono di più davanti. Forse non si muove correttamente. Io tendo a pensare che siano gli altri incapaci di servirlo

      Elimina
    5. Ho postato un analisi tattica di inter cagliari dell anno scorso. Ti invito inoltre a vedere gli ultimi minuti di bologna di forcing in cui si nasconde dietro i difensori.

      Elimina
  8. Non e' colpa di Icardi se non gli hanno preso un rifinitore/suggeritore. Farebbe 40 gol a stagione.

    RispondiElimina
  9. Eder ora sembra il salvatore della patria quando fino a poco fa era considerato un brocco..

    non è una critica al post solo una considerazione su ciò che leggo in giro.

    detto questo è entrato benissimo domenica in campo e la reazione della squadra è arrivata anche grazie a lui.

    J Mario è stato invocato da tutti come titolare (per le ottime prestazioni quando è sceso in campo da subentrato) criticando Spalletti su come si possa lasciare in panchina il nostro miglior centrocampista..

    critichiamo Icardi che non lavora per la squadra allora perché non prendere un Petkovic (gran partita) o Maxi Lopez che sanno tenere su il pallone..

    Icardi 161 presenze 87 gol
    Petkovic 20 presenze 0 gol
    M Lopez 187 presenze 44 gol

    5 partite
    4 vittorie 1 pareggio
    13 punti su 15
    11 gol fatti
    2 gol subiti
    3 in classifica

    CRISI INTER e chissà quando perderemo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Partite giocate senza icardi nel 2017 , sparta praga bologna pescara lazio udinese.
      5 vittorie. 13 gol fatti.
      In estate vittorie con Lione, Chelsea, Bayern Monaco, Villareal, con media di 2 gol a gara.

      In tutte abbiamo viato una manovra offensiva piu piacevole rispetto alle ultime partite.

      Elimina
  10. Il punto è anche che due esterni d'attacco per Spalletti sono pochi in assoluto. Per gennaio ora si parla di paco alcacer... usciranno altri cento nomi. La speranza è che uno arrivi. Per ora secondo me l'unica alternativa davanti è provare a lanciare Eder. Vanno verificati gli equilibri, si possono spostare i giocatori in modo diverso, lo stesso Icardi con Eder potrebbe fare un gioco diverso e più proficuo per la squadra. Ma tutto questo per quanto mi riguarda non per mettere in discussione il giocatore X o il giocatore Y ma per dare una scossa alla squadra in questo momento. Secondo me è importantissimo adesso fare sei punti e poi non perdere nel derby prima di giocare col Napoli.

    RispondiElimina
  11. Non ho mai considerato Eder un brocco né voglio dire che ora sia il salvatore della patria e assolutamente non lo metto in competizione con Icardi. Non metto in competizione nessuno tra i nostri: provo a ipotizzare delle soluzioni. Fermo restando che sono comunque chiacchiere perché io per fortuna non sono il mister. Non penso per il resto che Icardi sia peggio di Petkovic, ma non mi dispiacerebbe vederlo affiancato a un giocatore con quelle caratteristiche. Ricordo che io addirittura dicevo che avrei preso Belotti (parlo di quando si ipotizzava potessimo spendere) e per farlo giocare con Mauro, non al suo posto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia non era una critica al tuo post ci mancherebbe. io stavo solo valutando che ora tutti invocano Eder titolare quando è stato sbeffeggiato (non da te). come invocavano del resto J Mario

      del resto siamo qui a rimpiangere Kondogbia e Jovetic alcuni addiritura RECOBA..

      io rimpiango Eto'o Samuel Lucio Maicon Stankovic .

      credo cmq anche io che si debbano cercare delle alternative al nostro tipo di gioco

      il confronto degli attaccanti era diretto a chi vuole un giocatore che fa gioco (ma non arriva alla doppia cifra)..

      Elimina
    2. Su Recoba volevo scrivere un post. :)

      Lo farò nei prossimi giorni magari. NOn perché lo rimpiango ma perché sono molto curioso di ascoltare l'intervista a MOratti di questa sera su Sportitalia di cui proverò poi a fare una trascrizione integrale sul blog se riesco.

      Il problema non è comunque criticare il mio post, ci mancherebbe, del resto io lo considero solo un valido spunto di discussione (e da questo punto di vista mi pare sia funzionale), ma trovare soluzioni. QUesto ovviamente può farlo solo Spalletti, ma dato che questo è un blog di calcio, è normale che ne discutiamo. La mia idea generalmente è che il centravanti debba essere uno che va sempre in doppia cifra. Tanto che io appunto avrei preso un altro attaccante davanti e per questo sono rimasto 'scottato' dal mancato arrivo di Schick.

      Candreva non è un'ala. INoltre è destro e giocando a destra non può neanche rientrare per calciare in porta, quando peraltro si presume che abbia un buon tiro. Secondo me possono anche andare bene i due esterni così come sono, però poi a seconda delle situazioni devi invertirli. Insomma devi cambiare qualcosa in generale e nel corso della partita... se non hai alternative valide in panchina devi per forza inventarti qualcosa. Poi non lo so, io spero che Pinamonti e Karamoh siano presto pronti per poter essere arruolati e schierati in attacco ma ho qualche dubbio.

      Elimina
  12. mi consola il fatto che spalletti stia cercando alternative.... in forma di altri moduli.. speriamo

    RispondiElimina
  13. OT da un sito aggregatore (ma queste notizie chiaramente le prenderei con le molle più che quelle relative al calciomercato).

    "Suning ed Evergrande hanno stretto un accordo di cooperazione strategica “immortalato” dal brindisi tra Jindong Zhang e Zu Jiayin. L’intesa dovrebbe riguardare pure il calcio, altrimenti non si spiegherebbe perché alla riunione - che si è tenuta a Nanchino - abbiano partecipato pure i vertici dello Suning Sports Group. Evergrande potrebbe puntare al 30% delle azioni ancora in possesso di Erick Thohir che però ha già comunicato la scelta di disimpegnarsi dal club". Questo quanto riferisce oggi Tuttosport.

    RispondiElimina
  14. per me:

    joao mario e' un cc puro, palleggiatore e tecnico, cerca molto la palla tra i piedi, gli va data, non e' nelle sue corde fare il gioco di perotta e parolo. vuole la palla sui piedi non nello spazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il giocatore che può svolgere quei compiti è Brozo...

      Elimina
    2. Ma io penso che Spalletti lo sappia benissimo. NOn a caso ha cominciato proprio con lui come titolare... non avrà avuto risposte positive, mentre Joao Mario da subentrante ha fatto bene con la viola e a Roma, con la Spal ha comunque procurato il rigore... E quindi diciamo che si è guadagnato la 'titolarità'. Però penso che il mister stesse lavorando a quella soluzione.

      Elimina
    3. e potenzialmente forse candreva

      Elimina
  15. Secondo la Gazza con il Genoa in Dalbert, Gagliardini, Brozovic e out Nagatomo, Borja Valero e Joao Mario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, vero che Borja sta avendo un calo, un centrocampo con Vecino e Gaglia perde un po' nell'impostazione del ritmo dell'azione, nonostante non siano Kondo e Medel, però forse si potrebbero vedere maggiormente inserimenti da parte di uno dei due in area, giusto per avere una soluzione in più. Come tra l'altro potrebbe portare una soluzione in più Dalbert se attaccasse bene puntando l'uomo, cosa che finora non ha fatto.

      Elimina
    2. Borja penso vada fuori anche per concedergli un turno di riposo. Sicuramente con questi tre mettiamo in campo più muscoli e intensità. Se Dalbert attaccasse meglio si potrebbe secondo me anche provare a invertire gli esterni d'attacco in alcune situazioni, è una soluzione che tutte le squadre praticano regolarmente, mentre noi quasi mai. Perisic spostato a destra in alcuni casi l'anno scorso anche ha preso in controtempo la difesa avversaria.

      Elimina
    3. ...il turno di riposo avrebbe dovuto farlo a Bologna (3 giorni dopo Crotone), farlo riposare Domenica, visto che siamo ancora a Settembre, nn avrebbe molto senso....#inmyopinion

      Elimina
    4. Anche questo ha senso. Vedremo. Potrebbe essere uscito stanco da Bologna o magari semplice scelta tecnica.

      Elimina
  16. "CECCHINI" Serie A: Conversione TIRI/GOL Realizzati. Al comando ICARDI dopo 5 giornate

    1 gol ogni 2,3 tiri

    QUINDI IL PROBLEMA NON E' ICARDI MA CHI GLI STA ATTORNO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei una statistica di quanti tiri in porta facciamo rispetto alle altre squadre. Secondo me pochi. Se togli Icardi e Perisic non calciamo praticamente mai in porta...

      Elimina
    2. Trovata.

      Siamo al nono posto con 54 tiri totali (31 in porta, 23 fuori). Al primo posto MIlan e Napoli (76). Ma va detto che la Roma ha fatto più o meno quanto noi (52). Juventus 61.

      Elimina
    3. Calciatori (tiri in porta):

      Icardi 12
      Perisic 6
      Candreva 4
      Skriniar 3
      Joao Mario 2
      Miranda, Brozovic, Borja Valero, Vecino 1

      Elimina
    4. esatto, non e' quanto, ma come e quando.

      Elimina
    5. Se si fa trovare in area a massimo 10 metri dalla porta, per sfruttare il lavoro altrui...
      Icardi ha tirato anche 3 rigori...

      Il problema non è la sua capacità realizzativa, che è da top mondiale. Ma la sua utilità nel nostro gioco offensivo.
      Noi non puntiamo a far vincere premi a icardi..ma a far vincere l'inter

      Elimina
    6. Questo sì Fabio. Però io non penso che Spalletti gli importi qualcosa dei premi di Icardi, quindi... nelle sue scelte cercherà evidentemente di contemperare la bravura del giocatore con le esigenze della squadra. Non ci sta riuscendo perché evidentemente non trova i complementi adatti.

      Elimina
    7. ma se segna icardi, segna l'inter. quindi piu' gol fa lui, meglio e' per tutti. mettiamolo in condizione di segnare ancor di piu'.

      Elimina
  17. Confesso che con tutti questi cinesi in società comincio a fare confusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evergrande è un altro gruppo molto molto importante. Teoricamente sarebbe un'ottima notizia. Ammesso il governo cinese non abbia veramente imposto lo stop agli investimenti nei paesi di quei maledetti capitalisti occidentali...

      Elimina
  18. Leggo ora le statistiche: il ns miglior tiratore è Skriniar, 3 tiri, un goal è una traversa.

    RispondiElimina
  19. Quindi, come previsto da tempo, Dalbert in panca in attesa di valere quanto Naga, un turno di riposo per Borja che sembra piuttosto affaticato, e fuori JM per prestazione eccessivamente orribile.

    Poi magari la ragione delle prestazioni è completamente diversa da quello che penso, però se Spalletti attua questa soluzione sono più contento (o meglio dire meno scontento?)

    La soluzione Eder non credo sia tecnica quanto piuttosto agonistica, quindi è inutile che stiamo a cavillare sul preciso ruolo di Eder, serve uno che morda le caviglie degli avvversari, perchè JM ha paura di sporcarsi il vestitino della prima comunione e Icardi ha paura di graffiarsi i tatuaggi (lo so che sto parlando come si parla al bar, però queste sono le mie sensazioni, poi uno può dire che sono sensazioni ignoranti, però sono quelle che ho).

    Domanda tecnica ai più esperti: perché i giocatori del Bologna erano praticamente impossibili da fermare, il loro palleggio incontrastabile, i loro dribbling ubriacanti? Non abbiamo giocatori in grado di affrontare alla pari i giocatori del Bologna? Eravamo solo un po' stanchi? Demotivati? Disorganizzzati?
    Voglio dire, una ragione ci sarà.

    Poi, è vero che alla fine non hanno avuto chiare occasioni al di fuori del gol, però è anche vero che molte volte sono andati assai vicini a crearle.

    Io credo che senza Kondo, che io rimpiango senza vergogna come giocatore, ma che non vorrei in squadra come persona, dobbiamo dare più densità al centrocampo, non potendo mettere muscoli che non abbiamo, nè capacità di contrasto, per questo vorrei tre centrocampisti veri (e non credo che JM lo sia), che per forza di cose sarebbero Borja, Gaglia (Brozo) e Vecino, mentre non mi saprei pronunciare su Emmers come estrema alternativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il Bologna riusciva a giocare più in 'ampiezza' rispetto a noi, quindi riusciva a palleggiare meglio perché evitava la densità che noi puntavamo a creare in mezzo al campo e riusciva a allargare il gioco con due giocatori con ipiedi buoni come Verdi o Donsah. Così riuscivano a farci correre veramente dietro la palla. Noi invece praticamente palleggiavamo costantemente sulla trequarti ma senza trovare sbocchi. Del resto se Candreva si accentra a giocare la palla ma poi Joao Mario non entra, lo stesso Gagliardini, dentro resta solo Icardi ovviamente almeno tra due giocatori (se non sale anche il terzo, il loro esterno sinistro... a meno che non sia salito su ad attaccare molto alto D'Ambrosio). L'alternativa è darla a sinistra a Perisic che però in quella determinata situazione di gioco è difficilmente libero di ricevere palla, mentre se gliela dai sulla corsa o in profondità è generalmente più efficace.

      Elimina
  20. Il chino Recoba sarebbe utile anche ora - a quaranta anni suonati- perlomeno sui calci da fermo saremmo pericolosi.
    Avere un Recoba giovane in rosa oggi.... magari - altro che quelli che abbiamo

    RispondiElimina
  21. Icardi non partecipa alla costruzione del gioco. Come tutti quanti ha pregi e limiti. Mi pare che analizzando singolarmente i vari pregi sia quello con le maggiori potenzialità (cioè per quanto sia un discorso poco attendibile direi che sia più bravo Icardi a segnare che: Handanovic a parare, Perisic a dribblare e mettere in mezzo eccetera). Tant'è che anche i più critici parlano di aspetti e caratteristiche da top mondiale. Sicuramente non partecipa alla costruzione, ma secondo me il difetto più evidente è il fatto che non faccia salire la squadra quando è spalle alla porta e che nei rinvii e nei lanci lunghi non ne prenda manco una.

    Forse siamo Icardi-dipendenti. Io credo però che (E mi sembra questo il motivo per cui passano gli anni, cambiano gli allenatori e Icardi sia ancora lì) se nove giocatori di movimento dipendano da UN SOLO giocatore... be' il problema sta anche e soprattutto qua. Se nove giocatori dipendono da uno, questi nove giocatori sicuramente non sanno fare quello che devono fare. Anzi, io direi che è inammissibile che nove possano dipendere da uno. È un rapporto numerico assolutamente sproporzionato. Sicuramente Icardi da diversi punti di vista rappresenta un minus rispetto ad altri attaccanti. Ma in tutti questi anni non siamo riusciti ad allestire una squadra che in nove giocatori (togliamo Handanovic e appunto Icardi) riuscisse a far arrivare la palla in avanti nei tempi giusti. Secondo me questa è una colpa molto più grave rispetto a quella che grava su Icardi. Ad oggi se togliamo Icardi togliamo 10 per recuperare 6 o 7. Il saldo sarebbe negativo, secondo me. In una squadra che stenta mi preoccuperei di valorizzare le poche cose buone che ci sono invece di distruggere anche quelle. Ma questo modo di fare è fisiologico e vale anche nei rapporti sociali, in politica...

    Spalletti e Sarri mi pare siano quelli che più di tutti in Italia vogliano un certo gioco, vogliano certi movimenti in avanti. Uno se lo coccola e un altro lo voleva al Napoli al posto di Higuain. Perché?

    Infine: l'Inter senza Icardi faceva ancora peggio, con Gasperini e Stramaccioni. La stagione in cui Icardi segnò di meno di quella in cui fu sostituito di più e in cui linee fece meglio arrivando quarta... Perché è la stagione in cui la squadra (quei nove giocatori di cui sopra) costruiva ancora meno! Quindi serviva qualcosa ancora di più. Se i risultati avessero dato ragione al Mancio (comunque non è che giocò poco, eh... Semplicemente non giocò sempre) penso che tutti quanti avrebbero sacrificato Icardi. Mi sembra che anche in quella stagione il saldo fu negativo.

    RispondiElimina
  22. Curioso di vedere Pinamonti in coppia con Odgaard....un anticipio della nostra futura coppia di attacco ?

    RispondiElimina
  23. Luciano non è ammalato e c'è. Ora siamo a Sesto per la primavera. Ha la connessione Internet rotta . Appena possibile riprenderà a scrivere .AMALA sempr

    RispondiElimina
  24. felicissimo di poter rivedere il pina in campo... perche' allenarsi va bene ma non basta, serve anche giocare.

    dispiace un po' per merola, ma il suo tempo arrivera'...

    RispondiElimina
  25. Recoba è stato un potenziale fuoriclasse ma con dei limiti incredibili..

    in 10(DIECI) stagioni ha fatto pochissimo ma non è mai stato un titolare. a volte era veramente irritante

    ripeto se devo rimpiangere qualcuno sono certamente tantissimi altri giocatori. un Recoba all inter non c'e' (sarebbe comunque fischiato) poi logico penso al gol contro l'empoli o quelli contro il brescia o un paio di partite contro la roma.. ma ricordo anche Helsinborg lazio-inter il derby europeo..


    sarò pazzo ma preferisco un Candreva.

    RispondiElimina
  26. La ricordate l'intervista a Cuper su Recoba? Penso sia stata una delle più simpatiche della storia nerazzurra. 'Recoba es un atacante? Yo penso de no. Recoba es un centrocampista?...'

    RispondiElimina
  27. Mi sembra di capire che la primavera abbia faticato parecchio con il Chievo nonostante Pinamonti... Un punto guadagnato?

    RispondiElimina
  28. Ferrero su Schick "senza il blocco del governo cinese oggi sarebbe all'Inter con Milan Skriniar". Bah io non sono convinto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È chiaramente in malafede. Spero che dichiarazioni di questo tipo siano giustamente ignorate.

      Elimina
    2. Ferrero è un mendace. Un attore consumato.

      Elimina
    3. E perché mai scusate? Se avesse detto semplicemente le cose cosi come sono e come tutti pensano? Non ci troverei nulla di strano dopotutto, si è capito che il vento è cambiato all improvviso ad Agosto per le restrizioni governative

      Elimina
    4. E poi quale vantaggio avrebbe Ferrero a mentire scusate.?

      Elimina
    5. A me non sembra che il vento sia cambiato ad agosto. Altrimenti avremmo chiuso prima tante altre trattative.

      Elimina
  29. Due punti persi per la primavera. Gol subito da dilettanti.
    Individualità molto superiori al vhievo ma squadra eccessivamente lunga nel secondo tempo, con moltissimi errori banali.
    A mio parere Odgaard può diventare un calciatore VERO. È un cavallo di razza.

    RispondiElimina
  30. Partita combattuta tra due delle migliori squadre primavera. Partita che si è rischiato di perdere dopo un buon primo tempo. Nel finale, dopo il pareggio di Zaniolo, abbiamo anche avuto le occasioni per vincerla. Interessante la coppia Odgaard-Pinamonti.

    RispondiElimina
  31. Prossimi passaggi televisi della nostra Primavera:
    Domenica 01 ottobre 2017 ore 11.00 - 4a giornata andata
    ATALANTA– INTER Sportitalia
    Venerdì 13 ottobre 2017 ore 15.00 - 5a giornata andata
    SAMPDORIA – INTER Sportitalia
    Domenica 22 ottobre 2017 ore 11.00 - 6a giornata andata
    INTER – FIORENTINA Sportitalia
    Sabato 28 ottobre 2017 ore 13.00 - 7a giornata andata
    GENOA – INTER Sportitalia
    Praticamente non ne perdiamo una....
    Qualcuno sa dovedere la Youth League ?

    RispondiElimina
  32. Domenica 5 novembre 2017 ore 10.30 - 8a giornata andata
    INTER – HELLAS VERONA Sportitalia ....mi era scappato :(

    RispondiElimina
  33. Emiliano non so dove si possa vedere . Comunque se vado a vederla
    vi tengo aggiornati sul blog tramite telefonino .Mi scuso se commetterò qualche errore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giancarlo, sei una fonte incredibile di informazioni. SPero Luciano possa tornare a commentare presto. Domani come detto, se riesco a reperirla online, proverò a proporre il testo integrale dell'intervista a Moratti a Sportitalia, che sicuramente sarà spunto di diverse occasioni di discussione.

      Elimina
    2. La YL (credo anche a Riccardo) sarà mercoledì?

      Elimina
    3. È una bella sfida. Mi sono andato a vedere un po' il regolamento. Noi in pratica non facciamo la fase a gironi perché non rientriamo nel gruppo di quelle che hanno la squadra A qualificata alla CL, ma nel gruppo 'vincitrici campionati nazionali'. Facciamo quindi direttamente fasi a eliminazioni dirette (andata+ritorno). Mi sa che abbiamo beccato subito un avversario forte, la Dinamo, ma che se vinciamo dopo dovremmo avere un impegno sulla carta meno impegnativo contro la vincitrice di Kapa-Esbjerg... Chiaramente non conosco i settori giovanili di queste squadre, ma immagino non abbiano una grandissima tradizione.

      Elimina
  34. Candreva, un ronzino contro recoba, un purosangue arabo e indolente. Ognuno può rimanere affascinato da ciò che preferisce, ci mancherebbe

    RispondiElimina
  35. "Mi sembra di capire che la primavera abbia faticato parecchio con il Chievo nonostante Pinamonti... Un punto guadagnato?"

    sono due punti persi, perchè in realtà non abbiamo faticato, anzi, abbiamo dominato dall'inizio alla fine (salvo una decina di minuti ad inizio ripresa), ma è mancato solo il gol (mai come questa volta vale questa frase fatta).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho capito. Avversario tosto ma c'erano tutte le condizioni per farla nostra, peccato non aver sfruttato anche la super-coppia Odgaard-Pinamonti. E chissà se a questo punto Pina sarà tra i convocati per domenica...

      Elimina
  36. perchè ce l'avete con Ferrero? ha detto una banale verità, senza alcun tipo di polemica. anzi, dicendo questo toglie qualsiasi responsabilità ai dirigenti interisti, e pure alla proprietà, sul mancato arrivo di Schick. prendetevela con quei comunisti che stanno in cina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NOn ce l'ho in maniera particolare con Ferrero (anche se sulla questione Schick ho scritto lungamente e come secondo me il suo comportamento non sia stato 100% corretto, ci sono troppe cose che non tornano per me, ma non è questo il punto...) solo che dice una falsità. In primo luogo perché Schick fino a fine luglio era della Juventus. In secondo luogo perché quando siamo tornati sul giocatore ha deliberatamente aspettato fino a far scatenare un'asta. Anche giustamente. Nei suoi interessi. Se c'è stato blocco del mercato cinese questo c'è stato prima, ricordo che comunque per Dalbert abbiamo aspettato agosto inoltrato, Vecino è stato comprato con un accordo di pagamento biennale... Non abbiamo speso soldi fin dall'inizio, quindi nonostante i giornali, i nostri operatori hanno sempre operato consapevoli di queste limitazioni (dettate dal governo cinese o altro). Per il resto non me la potrò mai prendere con dei comunisti anche se il grande 'sogno' in Cina si è spento molti anni fa. :)

      Elimina
    2. Beh, io mi ricordo di aver letto più volte, prima dello scatenamento dell'asta, che tutto era fatto ma aveva chiesto a Ferrero di aspettare la ratifica finale perché doveva sistemare alcuni dettagli. Ho anche letto che era la Sampdoria a tenere l'Inter in attesa perché nel frattempo doveva trovare un sostituto. Infine ho sentito Biasin dire che l'Inter era infuriata perché non accettava che Ferrero trattava per cifre enormemente superiori a quelle concordate in passato. Non so, non mi pare improbabile che ci sia stato un momento in cui l'accordo era fatto, l'Inter ha preso tempo.e Ferrero ne ha approfittato. Adesso mi pare che cerchi di recuperare il rapporto con noi citando il caso Skriniar dove entrambe le società si sono "date una mano" supervalutando i giocatori.

      Elimina
    3. PS scusate gli errori... il sonno

      Elimina
    4. Tranquillo. Di errori di digitazione e non solo, ne facciamo tutti tantissimi. Io ho scritto due post su Schick (tre in verità): uno quando è saltato l'affaire con la Juventus e si dava praticamente subito per fatto il suo passaggio da noi; uno nella settimana calda ultima della trattativa; una alla conclusione dei fatti. Penso che ci sia stata poca correttezza da parte della Juventus e di Ferrero in tutta l'operazione che a me è stata 'poco simpatica' per citare un grande della storia del nostro club: un giocatore bloccato per tre mesi sul mercato per non farlo prendere a nessuno se non alla fine a una cifra supervalutata. Cose simili sono successe con Berardi l'anno scorso; Keita. L'Inter aveva un accordo che non poteva essere a cifre più alte di quelle che sono state l'ultima offerta fatta, se ricordate a un certo punto uscì la dichiarazione 'non partecipiamo ad aste'. Che significa che c'era già un accordo per una somma che evidentemente potevamo pagare. Poi Ferrero ha messo (lecitamente) il giocatore all'asta e noi non abbiamo potuto ribattere l'offerta della Roma. Però francamente dire che è colpa del blocco del mercato dei cinesi... Se questo c'è stato, c'è stato molto prima che la trattativa per Schick cominciasse dato che ricordo che è stato lasciato 'libero' dalla Juventus mi pare il 19 luglio.

      Elimina
    5. Ecco i tre post sul giocatore (il primo fu molto breve, era una specie di post di servizio per aggiornare il blog e non accumulare troppi commenti su un solo post):

      1. https://fratellidelmondo.blogspot.it/2017/07/schick-accordo-tra-inter-e-samp-e-luomo.html

      2. https://fratellidelmondo.blogspot.it/2017/08/patrik-schick-la-trattativa.html

      3. https://fratellidelmondo.blogspot.it/2017/08/la-trattativa-finita-schick-va-alla.html

      Elimina
    6. Mi ricordo i tuoi articoli, Emiliano. Per l'appunto penso di aver letto quelle notizie sull'accordo fatto con la Samp ma con L'inter che chiedeva tempo per sistemate dei dettagli, all'incirca dopo il tuo primo articolo, cioè quando la Juventus aveva liberato il giocatore ma ancora non c'era l'offerta della Roma. Peraltro, se non ricordo male, mi pare di aver letto che il blocco del governo cinese sarebbe datato al 17 luglio, insomma le date corrisponderebbero, perché escludi che l'Inter non abbia chiuso in quel momento e poi dopo Ferrero abbia riaperto i giochi fregandosene della parola data?

      Elimina
    7. L accordo Samp ed Inter era stato fatto alle cifre della Juventus, poi l Inter a causa del sopraggiunto blocco governativo (non c'è altra spiegazione considerando che l accordo per il Fairplay finanziario c era già da due anni) ha chiesto il prestito gratuito con obbligo di riscatto condizionato. La Samp voleva monetizzare ed ha rifiutato rimettendo in gioco tutti gli altri attori...la cosa è semplice e cristallina per me,Poi possiamo discutere sulla correttezza o meno di Ferrero ,ma sul resto direi ci sono pochi dubbi

      Elimina
    8. Diciamo che ci può stare comunque in ogni caso che Ferrero abbia agito in una determinata maniera: non ha commesso nessun illecito. Così come è vero che c'era un accordo e poi è saltato. Però io non penso che l'Inter non abbia chiuso tempestivamente per il giocatore o abbia offerto prima una cifra e poi l'altra. Troppe cose non mi tornano. Alcuni dicono che nel rilancio fatto dopo fosse previsto l'inserimento di Eder ma non tutti concordano su questa cosa che secondo me non è vera (Eder credo non abbia più un ingaggio da Samp). Altri dicono che è perché abbiamo speso troppo per Vecino. Ma parliamo di quanto? Se lo
      Abbiamo pagato 24 si suppone che l'offerta iniziale non fosse lontana. Nel frattempo comunque già per Vecino abbiamo trattato a lungo e non chiudevamo per Dalbert... cioè mi sembra che in realtà il budget fosse già stato fissato, altrimenti a inizio luglio (dopo la fatidica data del 30-06) per lui si chiudeva subito. Voglio dire questo. Ma è solo un mio pensiero. Per il resto continuo a pensare che a parte tutto Ferrero e la Juventus si siano 'spalleggiati' con godimento reciproco in questa operazione.

      Elimina
  37. Amo e amerò Recoba, nessuno come lui ha rappresentato la prima Inter di MM, una squadra che comunque faceva sognare a occhi aperti, penso che lui come lo stesso MM rappresentino tuttavia una fase della storia calcistica del nostro club che sarà irripetibile e più anche di quella lì che poi ci ha visto vincere tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché che torneremo a vincere è sicuro. Presto o tardi, ma torneremo.

      Elimina
    2. E quando succederà sara bellissimo...
      YL Emiliano sarà mercoledì alle 14.00.
      Grazie Giancarlo per la "telefonino cronaca"

      Elimina
    3. Una sfida internazionale sull'asse Cina-URSS...

      Elimina
  38. ILI, credo tu mi abbia cercato su fb, ma io non lo sto usando in questo periodo. Se per te non è un problema, mi scriveresti via mail a emilianodanie@gmail.com? Grazie mille. :)

    RispondiElimina
  39. Semplice curiosità: qualcuno conosce questo yuri alberto?

    RispondiElimina
  40. Prima giornata della Berretti. L'Inter batte in rimonta il Feralpi per 2-5. Goal di D'Amico, Esposito, Pompetti, Gnokouri e Pellé.

    RispondiElimina
  41. Sto vedendo il Napoli, che è sempre un bel vedere, ancora indeciso se tifare anche un po' (accettando come Inter di non poter competere per lo scudetto) in funzione anti Juventus. Purtroppo, mettendo un asterisco su Dalbert, Cancelo e Karamoh, penso che possiamo considerare solo Icardi, Perisic, Handa e Skriniar all'altezza dei giocatori del Napoli. Siamo lontani anni luce.

    RispondiElimina
  42. Pensiero di Luciano sulla partita di domani : se non vinciamo e in che modo vinciamo rischia di essere un altro campionato di transizione .Oggi a Interello LUCIANO ha vistoi i Pulcini 2007 2008 e 2009 , contro gli inglesi DEL SOUTHAMPTON , hanno vinto tantissimo a pochissimo .Ballone un concentrato di genio calcistico in cm 130 . Peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho capito molto, chi è Ballone? Perché peccato?

      Elimina
    2. Un pulcino 2008 peccato perché, molto probabilmente è piccolino rispetto agli altri . Speriamo che cresca in altezza .

      Elimina
  43. Per gli amici del blog...
    Vi invito a leggere l'ultimo articolo de ILMALPENSANTE, dove analizzano traendo ESATTAMENTE le conclusioni che riporto io da tempo, la prestazione di icardi. Hanno fatto anche un video a riguardo.
    Buona lettura e buona visione.

    Credo che in molti finalmente "apriranno gli occhi"
    http://www.ilmalpensante.com/2017/09/23/linsostenibile-leggerezza-di-essere-mauro-icardi/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su cosa bisogna aprire gli occhi? Cosa si dice di Icardi? Che fa i movimenti giusti? Che è perfetto? Io ovviamente non ricordo a memoria i commenti di tutti ma mi sembra che in media non siano lontani da quello che penso io. Poi mi correggerai se sbaglio.

      Ti ostini a non capire che non è questione di pensarla tanto diversamente su Icardi, quanto mettere in relazione Icardi, coi pro e i contro, all'interno un determinato contesto. Tu ti soffermi solo su Icardi ma il peso di Icardi va misurato sul gruppo. Non ne usciremo mai così. E continui a fare questo uno contro tutti.
      Non capisco a che pro sinceramente...

      Elimina
    2. Spero abbiate visto il video.. semplicemente icardi ci fa giocare in 10. Non è un problema di altri giocatori. Ma suo. Che non aiuta la squadra nella manovra offensiva, non aprendo neanche apazi per gli altri.
      Inoltre quando invece i movimenti corretti e altruisti li fa, crea spesso problemi alle difese.
      A mio parere, o cambia immediatamente. O va cambiato.

      Elimina
    3. Spero abbiate visto il video.. semplicemente icardi ci fa giocare in 10. Non è un problema di altri giocatori. Ma suo. Che non aiuta la squadra nella manovra offensiva, non aprendo neanche apazi per gli altri.
      Inoltre quando invece i movimenti corretti e altruisti li fa, crea spesso problemi alle difese.
      A mio parere, o cambia immediatamente. O va cambiato.

      Elimina
  44. Questa l'analisi video sulla prestazione di Bologna di Icardi. (Ma sono praticamente sempre cosi...)

    A voi il giudizio...
    Forse non sono un Maxi Lopez... Ma uno che...ci aveva visto lungo.

    https://youtu.be/R-3cJJtCwBA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è questione di Lodarsi. È questione di battersi per un motivo e vedere che ci sono prove inconfutabili che ne dimostrano la veridicità

      Elimina
  45. Ho letto l'articolo di adv. Chiaramente è condivisibile. Come sempre Fabio mi domando però quanto sia 'colpa' del solo Icardi e quanto anche dell'atteggiamento della squadre nel complesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non leggere solo l'articolo. Guarda il video

      Elimina
  46. Ho pubblicato un post su Inter - Genoa: https://fratellidelmondo.blogspot.it/2017/09/obblighi-e-verita-inter-genoa.html

    RispondiElimina

Printfriendly