lunedì 12 marzo 2018

Una grande Inter annulla il calcio più bello d'Europa: Inter - Napoli 0-0

Nella foto (fonte: Vector News Italy): Milan Skriniar. Il difensore slovacco è un muro su cui si infrange ogni velleità degli attaccanti partenopei. Inter - Napoli finisce 0-0.

Penso che dopo una partita come quella di ieri ci sia solo di che esser fieri per la prestazione e l’atteggiamento in campo dei nostri ragazzi.

Contro un Napoli molto forte e che sicuramente non è venuto a Milano condizionato dalla sconfitta contro la Roma e il risultato della Juventus nel pomeriggio, abbiamo giocato una partita alla pari e che abbiamo anche “rischiato” di vincere.

Quel palo colpito da Skriniar (la palla goal più netta della partita, forse “pareggiata” solo da quella capitata a Insigne che marcato stretto da D’Ambrosio, calciava alto davanti alla porta difesa da Handanovic) è stato maledetto: se la palla fosse entrata, penso che quello sarebbe stato il goal più importante degli ultimi anni e avrebbe forse concretamente dato una svolta in positivo al nostro campionato.

Sarebbe stato un goal fondamentale perché ci avrebbe dato la seconda vittoria consecutiva e contro una squadra fortissima.

Ma poiché non serve a nulla rammaricarsi, io dico che questa volta ci va benissimo prendere questo punto e incassare la buona prestazione complessiva dei singoli e della squadra.

Per fortuna c’è ancora tempo per segnare e per sognare e magari, parafrasando il caro buon vecchio Gigi Marzullo, trasformare i nostri sogni in realtà.

Contro il Napoli si sono visti segnali positivi che abbiamo già riscontrato altre volte sin dall’inizio del campionato e pure in questa prolungata serie negativa (vedi i pareggi contro le due romane oppure contro la Fiorentina). Resta confermato peraltro il trend che ci vede in attivo nel bilancio degli scontri “diretti”.

Contro le grandi non abbiamo mai perso e questo è un dato importante di cui tenere conto, anche se di fatto controbilanciato da difficoltà evidenti contro le cosiddette "piccole" e dove invece dovremo per forza invertire la tendenza per competere seriamente per il quarto posto.

Così va detto anche che allo stesso tempo sono stati evidenti alcuni limiti che definirei “storici” e probabilmente a oggi irrisolti anche dalla buona gestione-Spalletti. Soprattutto dopo il calo di rendimento di Perisic e i problemi fisici di Icardi: i due giocatori che hanno avuto un ruolo fondamentale nella ottima parte iniziale del campionato.

Questa volta il bilancio però è positivo dato il quoziente di difficoltà delle partita: ma questo pareggio sarà inutile se non sapremo fare tesoro di quanto buono visto con il Napoli e metterlo in pratica già dal prossimo turno e infilare una serie di vittorie e di risultati positivi.

Solo questo potrà dare un senso più ampio a un pareggio comunque di per sé positivo. Perché altrimenti continueremo a galleggiare in questa specie di “limbo” e alla fine parleremo in ogni caso di (pure con tutte le eventuali attenuanti del caso) un’altra stagione fallimentare.

Come dicevo questa volta è stata convincente la prestazione del gruppo (parleremo poi delle scelte di Spalletti), così come quella dei singoli. Per me tutti o quasi sopra la sufficienza.

Continuo a volere di più da Perisic, mentre il mio giudizio su Cancelo continua a essere incerto.

Al di là delle difficoltà e i molti errori quando è passato a sinistra e in parte giustificabili, è un giocatore che ora è giustamente titolare ma che mi sembra avere qualche limite sul piano della fisicità e della forza e su cui dovrebbe lavorare moltissimo.

In definitiva non so se possa essere il giocatore che “sistemerà” una delle nostre corsie esterne anche nel prossimo futuro (data anche la importante valutazione di mercato per il riscatto) ma devo dire che ora come ora una riflessione di questo tipo ha poco senso: in fondo quello che conta è che si riveli ALMENO un buon titolare da qui alla fine della stagione.

Probabilmente la gara col Napoli era per lui la prova più difficile. Dato il contesto penso abbia dato il massimo. Lo aspettano almeno un altro paio di fare impegnative come questa: se è bravo come pensiamo o almeno speriamo, farà tesoro di questa esperienza.

Queste però sono le due sole note “stonate” di giornata, va detto che tutti gli altri calciatori che sono scesi in campo hanno dimostrato voglia e una buona condizione fisica e una grande concentrazione e carattere.

Ma alla base vanno prima rimarcate le buone scelte di formazione del mister. Che sono state peraltro inaspettate. Così come sono state buone se non ottime anche le scelte a partita in corso.

Spalletti conferma la difesa in blocco, ma stupisce tutti a centrocampo schierando Gagliardini e Brozovic in mediana e Rafinha come trade-union tra centrocampo e attacco.

In fase offensiva nei primi quarantacinque, attacchiamo prevalentemente a destra. Lo schema è chiaramente stato provato e riprovato in allenamento.

La palla va giocata sempre da dietro e anche se e quando questo comporta più che qualche rischio: la prima giocata a uscire è comunque una palla sulla linea verticale in generale di Skriniar (meno spesso di Miranda), che segue il movimento in zona centrale di Candreva, che apre spazi per Cancelo a destra, con i due giocatori che su quel versante dimostrano di avere lavorato molto sulla costruzione di una buona intesa mettendo assieme la classe del portoghese e la carica e la forza agonistica straripante di Antonio.

In difesa Miranda su Mertens è praticamente perfetto (una delle sue migliori prestazioni di questo campionato, forse è impreciso in qualche rilancio, ma la sua intelligenza calcistica è incredibile: sa sempre dove finirà il pallone), non gli concederà nulla, mentre Insigne viene regolato da Skriniar e poi annullato in cooperazione con D’Ambrosio nel corso del secondo tempo quando Spalletti cambia sistema, inverte gli esterni e a un certo punto passa al 3-5-2 con Candreva a destra e Cancelo a sinistra.

Un esperimento riuscito e che a inizio ripresa prende in controtempo il Napoli, che ci mette un po' a rimettersi in sesto e riprendere il controllo del campo. Così ritorniamo a quattro dietro e proprio in concomitanza con l’uscita di un bravo ma non ancora decisivo Rafinha per il generoso Eder.

Molti hanno criticato questo cambio che credo sia stato dettato sia dal fatto che l’ex Barca fosse in debito di ossigeno e dalla volontà e necessità di avere un giocatore di più corsa e intensità in quella zona del campo e dove adesso che accusavamo un calo fisico, il Napoli, che vanta capacità tecniche superiori (che ti possono permettere di correre meno e meglio), teneva maggiormente la palla, creandoci qualche difficoltà.

Forse una scelta diversa (Borja Valero?) in quel momento avrebbe pagato di più, ma è impossibile stabilirlo con certezza.

Ma dietro ci chiudevamo bene. Oggettivamente le prestazioni di Gagliardini (molti lo criticano ma in fase di interdizione secondo me è già molto forte, dategli tempo) e Brozovic sono state decisamente sopra le righe.

Brozo ha disputato forse la sua migliore partita stagionale: benissimo in fase difensiva, bravo nel ripartire e gestire la palla. Sono sempre stato un suo “tifoso”. Se si conferma su questi livelli è un grande giocatore e un coast-to-coast tra i migliori del nostro campionato.

Buono comunque l’impatto dei tre subentrati in corsa sulla gara (anche Karamoh). Specialmente Borja Valero, che si posiziona a sinistra e a quel punto entra in tutte le azioni ed è praticamente (che si attacchi o si debba difendere) sempre al posto giusto.

In definitiva zero a zero è un risultato giusto, ma la sensazione è che anche stavolta - come all’andata - avremmo forse potuto fare e ottenere di più: lo stesso Spalletti parlando di "qualità" è stato forse troppo critico dicendo che questa alla fine ce l'avrebbe messa solo il Napoli.

Può darsi che abbia ragione. Perché no. Alla fine il concetto di "qualità" assume una connotazione mutevole a seconda del contesto: ma penso che l'atteggiamento del mister vada ora in controtendenza a quello espresso a un certo punto della stagione e proprio nel periodo in cui siamo crollati.

Forse tra bastone e carota - almeno in pubblico - adesso reputa più opportuno scegliere la prima soluzione.

Vedremo se pagherà.

Ma come detto, commentando la partita da osservataore e da tifoso dico che raccolgo con una certa soddisfazione questo pareggio e chiaramente condivido qui il pensiero del mister: "Adesso bisogna vincerle tutte."

La prima partita in casa della Sampdoria è lo scoglio più duro, ma dopo avremo altre cinque partite sulla carta “facili” e che ci separano dal big match con la Juventus a San Siro (in attesa di capire a quando il recupero del derby).

È il momento decisivo: se questa squadra ha il carattere e la forza per centrare l’obiettivo CL, questo è il momento di dimostrarlo e questa serie di partite potrebbe effettivamente fare pendere la bilancia da una parte oppure dall'altra. 

In caso contrario, se non dovessimo confermarci una buona squadra durante questo periodo, senza fare processi, non avremo molto di cui disputare o di rammaricarci, ma lucidamente pensare a come ripartire senza farci prendere dal panico oppure da catastrofismi inutili.

Emiliano D'Aniello

61 commenti:

  1. ...dopo aver letto un po' di commenti dal post precedente, tutto mi sarei aspettato, eccetto questo titolo... ho visto che era molto gettonato "siamo una squadra mediocre" ...#sarà....
    P.S. se non fosse stato già coniato il termine "intertristismo", lo avremmo fatto stamattina...

    RispondiElimina
  2. "Adesso bisogna vincerle tutte."
    "...avremo altre cinque partite sulla carta “facili”

    Ecco due affermazioni/considerazioni che non vorrei più sentire o leggere.

    RispondiElimina
  3. Rispondo a matteo, n°45 del post precedente: non, non mi risulta affatto. la gran parte degli allenamenti è dedicata proprio a esercizi finalizzati a scambiare la palla sul breve, per uscire dal pressing avversario e attaccare le difese schierate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiego Luciano, questo spesso era un argomento cui in qualche modo si ritornava a parlarne. Una volta in una risposta rivelasti che nei settori giovanili la parte tecnica è preponderante nella prima formazione, poi viene pian piano lasciata in secondo piano a favore di preparazione atletica e tattica. Poi in primavera ed allievi nazionali questa parte tecnica non viene più rivista in quanto rientra già nelle partite. Penso a questo punto di ricordare male io.

      Elimina
    2. Se è così, Matteo, mi sono spiegato male. Io facevo quel discorso in relazione alla tecnica individuale. La tecnica di base, che in serie A si dà per scontata e comunque ormai difficilmente migliorabile. invece quella che io chiamo tecnica collettiva, è tutto un altro discorso. Voglio dire che non si può insegnare individualmente a un calciatore di serie A a fare un passaggio giusto a 3 metri, si può però fare molto esercizio su come uscire con i compagni dal pressing e su come attaccare una difesa schierata

      Elimina
  4. L'Inter ha 18 punti di distacco dal Napoli. Vuol dire che è meno forte e che quindi ieri ha giocato una grande partita. D'accordissimo col titolo, che ovviamente non significa "Inter tra le prime tre al mondo"

    RispondiElimina
  5. ...siamo una squadra con limiti evidenti, che, però, può e DEVE giocarsela con le avversarie di classifica (roma, lazio e milan) che hanno altri limiti, se no starebbero almeno dieci punti avanti... realismo, si, ma possibilmente senza la consueta dose di tafazzismo

    RispondiElimina
  6. Questa volta sono d'accordo con fabio. Anzi, aggiungo che Eder oltre che la prima punta, a differenza di cardi, può ricoprire anche altri ruoli.
    Per questo sono certo che non avremo difficoltà a trovare acquirenti a 110 milioni, per Eder anziché per Maurito

    RispondiElimina
  7. Ottima disanima Emiliano. Sono d'accordo tranne che do un giudizio un po' più negativo su su Eder e... Spalletti. Capisco sostituire Rafinha, che probabilmente ancora non è al meglio, ma in quel momento eravamo comunque padroni del campo ed era prevedibile che cambiare la "struttura" della squadra ci avrebbe sbalestrati. Da quel momento infatti la squadra si è sfilacciata, tant'è che poi Spalletti ha rimediato,praticamente tornando indietro con l'ingresso di Borja Valero. Poteva mettere subito lui. Anche mettere Karamoh gli ultimi 5 minuti secondo me non ha senso, un conto 20 minuti prima ma con una manciata di minuti a disposizione di solito metti solo il giocatore nelle condizioni di strafare e fallire.

    RispondiElimina
  8. Cies - Icardi, Skriniar e Vecino nella top 50 dei giocatori che hanno incrementato il valore di mercato. Boh, si sono dimenticati di Eder

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco la tua ironia...ma scrivi delle idiozie... eder ha piu di 30 anni, dovrebbe aumentare il suo valore?

      É aumentato quello di Higuain non credo...

      Elimina
    2. Personalmente credo che senza Icardi staremmo in lotta per... l'EL. Però è anche vero che Eder ha un'ottima media gol e che anche ieri (pur sbagliando tutto) ha comunque avuto in poco tempo il doppio delle occasioni da goal di Icardi. Credo che sia più un problema di organizzazione della squadra che di Icardi. La soluzione? Avere questa seconda organizazzione di gioco, quella che prevede un Eder, con Lautaro Martinez al posto di Eder insieme a Icardi...

      Elimina
  9. Icardi é un grande finalizzatore in una squadra che non crea gioco da finalizzare. Per questo avere lui o un altro cambia davvero poco dal punto di vista dei gol. Per tal motivo servono giocatori diversi che giochino non da finalizzatori ma partecipando maggiormente alla manovra e rischiando dribbling o giocate.

    Con questo prego il signore ogni giorno perche davvero arrivi qualcuno con 110 milioni per icardi. Sarebbero calcisticamente mal spesi a mio avviso, se non in una squadra cui necessita un mero finalizzatore (real?)

    Ovvio che il valore assoluto di icardi ed eder sia diverso... ma alla fin fine i gol son quelli

    RispondiElimina
  10. Indiscrezione interessante (per noi) di Criscitellio: "stando alle indiscrezioni, Gravina ha deciso di bloccare i ripescaggi ma vorrebbe comunque tornare a 60. Come farà? Sinceramente non lo sappiamo ma un uccellino ci ha raccontato che i ripescaggi non ci saranno e, in C, saranno ammesse 7 squadre B con licenze di serie A. Ovvero 7 club di A potranno fare le seconde squadre per partecipare alla Lega Pro. Già dal prossimo anno? Nella testa di Gravina sì. Rivoluzione immediata e più spazio alle società facoltose per evitare casi come Vicenza, Modena ed Arezzo"

    RispondiElimina
  11. Non penso di essere stato esagerato con il titolo. Come dice Luciano ci sono tantissimi punti di differenza tra noi e il Napoli... senza contare tutti i punti di distacco che ci hanno dato in questi anni. Poi ieri secondo me come ho provato a raccontare, abbiamo veramente fatto una bella partita. Per il resto forse c'è anche un po' di ironia per la definizione di "calcio più bello d'Europa" che a un certo punto diciamo che... è un po' esagerata. E poi come sempre il concetto di "bello" e di estetica nel calcio in particolare va sempre argomentato.

    D'accordo anche con le affermazioni di Marco. Anche se, voglio dire, spero comunque di non essere apparso così netto. La dichiarazione su "vincerle tutte" è di Spalletti, non mia, la condivido nel senso che dovremo per forza giocare sempre per vincere. Ma è ovvio che è lo stesso suo pensiero... tanto quanto è ovvio che questo non sia realistico. Le partite "facili" sono facili poi ovviamente tra virgolette. però se tu non vinci contro Cagliari oppure Genoa e Sassuolo per dire alcuni degli impegni da qui alla fine del campionato, be', allora è chiaro che il quarto posto non lo centri. Saranno tutte queste partite a fare la differenza e non quelle contro la Juventus. Per il derby ci sarà da vedere in che momento capiterà e in che condizioni ci arriveremo. La partita con la Lazio... è l'ultima: impossibile sapere in questo momento che significato potrà avere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma io non contestavo affatto il tuo titolo...semplicemente, ironizzavo sul fatto che fosse in evidente controtendenza rispetto a certi (i soliti...) giudizi tranchant sull'Inter...

      Elimina
  12. E intanto sarri, ottimo allenatore, dimostra con le sue parole che Mancini non aveva torto.
    Ricordo che Mancini fu massacrato per la sua reazione e da quel momento entrò in crisi tecnica.

    RispondiElimina
  13. I commenti a questa partita hanno mostrato, a me chiaramente, dove alberghi la mancanza di obiettività.
    A dar retta si dovrebbe, per logica, concludere che nel mondo del calcio siano tutti stupidi e solo qualche "eletto" (peraltro incompreso) abbia la visione chiara.
    Per non creare fraintendimenti, intendo dire che l'equazione Eder=Icardi la trovo una sciocchezza immane; giudizio personale ma confermato da dati oggettivi (come verrebbero definiti in altrui argomentazioni), valore di mercato, ingaggio, valutazione da parte dei tecnici (anche dei tecnici avversari).
    Considero certe battaglie perse in partenza, quindi sarebbe inutile discuterne oltre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo hai appena fatto. Ma non hai capito. Mi dispiace.
      Nessuno paragona Icardi ad Eder, che sono due giocatori diversi per valore e potenzialità .
      Io paragono icardi ad eder nel sistema di gioco dell'inter di questi ultimi due anni, per cui, a mio parere, avere un mero finalizzatore non è produttivo. In questo senso avere davanti icardi o eder (o altri attaccanti) poco cambia perche non riusciamo a sfruttare le caratteristiche dell'argentino.
      A questo punto dobbiamo capire che icardi nel modo di giocare che pratichiamo rende molto meno delle proprie potenzialità, e da poco alla squadra, che avrebbe bisogno non di un finalizzatore ma di un attaccante che fa reparto da solo e che può avere dei colpi per creare superiorità numerica.
      Quindi... icardi ha un valore di mercato molto alto (a mio modo di vedere è sopravvalutato) di circa 110 milioni, e per le nostre possibilità economiche è un'operazione che potrebbe consentirci di rivoluzionare la squadra che ad oggi é dimostrato abbia delle carenze qualitative enormi.
      Io, personalmente, lo cederei (sempre che qualcuno si presenti realmente con 110 milioni) e punterei su degli attaccanti diversi, rinforzando anche altri ruoli ove siamo deboli.

      Elimina
    2. P.s. il valore di mercato/giudizio dei tecnici non sono valori oggettivi... ma sono soggettivi.

      Elimina
  14. momento decisivo della partita e' stato il fallo di Perisic

    probabilmente avrebbe sbagliato il passaggio però...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo al 100% senza quella rapina avremmo vinto il match. Dopodichè avremmo due punti in più ma i discorsi che si fanno oggi sarebbero sempre validi

      Elimina
  15. Te l'ho già detto una volta, Fabio: le idiozie forse le scriverai tu.
    Ma visto che l'età conta allora deve contare sempre. bene, a 25 anni, Eder veniva da campionati (non da titolare) divisi tra Frosinone Cesena e Brescia e neppure allora, pur essendo giovane, aveva una valutazione di mercato di 110 milioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Battaglia persa, Luciano.
      Chi decide, a priori, di avere ragione ha ragione comunque. Per se, ovviamente.

      Elimina
    2. Vi invito a trovarmi dove ho scritto che icardi vale eder...
      Se riuscite bene. Se no avete scritto idiozie, in quanto parlate di cose che non ho detto.
      Io ho detto che la media realizzativa da prima punta é simile. Soprattutto all'inter.
      Non ho mai paragonato i due calciatori che sono totalmente diversi e di caratura differente. Ma a mio parere, e per i numeri, ad oggi avere uno o l altro davanti cambia poco , soprattutto per causa della squadra che c é dietro.

      Bierhoff era un grande attaccante, ma se non gli si mettevano i cross...era poco utile.
      Giocando palla basta anche un eder sarebbe stato alla pari.
      Idem per ronaldo, che se servito solo con palle alte sarebbe stato inutile.

      Questo é per icardi che in una squadra che non costruisce gioco adatto a lui... è meno utile di quanto potrebbe esserlo.

      Elimina
  16. io dico la mia
    Icardi ha tanti difetti :
    - non tiene la palla
    - non "dialoga" con i compagni
    - spesso si estranea dal gioco

    Però vedo che sta lavorando e lentamente migliorando(rispetto l anno scorso e' un altro giocatore)

    MA per un attaccante il quasi solo obiettivo è buttare la palla in rete e lui penso che sia uno dei migliori al mondo in questo.

    dal mio divano lo scambierei solo per Cavani e FORSE Higuain (parlo di numeri 9)

    penso che in alcune partite sia fondamentale e che per fermarlo servano 2 difensori. probabilmente in questo momento al milan farebbe un paio di gol a partita (con gli assist di Suso e gli inserimenti dei centrocampisti)

    avessimo anche noi un discreto incursore vedremmo qualcosa di diverso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche con Harry Kane. Ma è un mio pallino.

      Elimina
    2. Mi trovo praticamente d'accordo con te: l'unico centravanti con cui farei a cambio è Cavani (neppure Higuain, per quanto sono d'accordo che sia più forte, ma non vale per me il cambio data la differenza anagrafica... che c'è anche con Cavani, ma penso che come tipo di giocatore Cavani ci farebbe svoltare in maniera molto pesante).

      Elimina
    3. Non sono d accordo, per il modo in cui icardi riempie l area. Anche da quel punto di vista é limitante per eventuali incursori

      Elimina
    4. Sì vabbè adesso Icardi è Wilt Chamberlain...




      Elimina
    5. Chiedi a spalletti... che parla di icardi per "come riempie l'area"

      Elimina
    6. Spalletti, piuttosto, spieghi perché schiera ancora Perisic, che manco si regge in piedi da tre mesi, e senza il quale a Icardi non arriva mezza palla giocabile, senza aver provato/trovato un'alternativa credibile di gioco .... mo' te lo dico con simpatia... stai sfidando il ridicolo e ti stai giocando la reputazione...poi, continua pure eh

      Elimina
  17. Beh... mettere sullo stesso piano Icardi e Eder con freddi numeri relativi per il secondo ad un pugno di partite da titolare mi sembra francamente fuorviante, nessuna statistica regge con questi parametri nemmeno dal divano, eddai. Invece il punto cruciale l'ha individuato Luciano a proposito dell'altro Luciano: perché le dichiarazioni di ieri sera (per me tutte condivisibili) esternate proprio in questo momento ? È successo qualcosa che non sappiamo o è solo "stanchezza" la sua ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eder da prima punta ha fatto una 60 ina di partite... non pochissime.

      Vi chiedo, nelle partite tra sassuolo ed oggi... giocate piu o meno meta da icardi e metà da eder... avete trovato grandi differenza nel migliorare la manovra offensiva da uno rispetto all altro?

      Elimina
    2. E in 60 partita ha una media gol simile a Icardi ? A fifa18, forse

      Elimina
    3. Da punta centrale
      Eder 54 partite 30 gol totale 4678 minuti
      Icardi 239 partite 134 gol totale 18343 minuti

      Icardi 1 gol ogni 1,78 partite
      Eder 1 gol ogni 1,8 partite

      Non é fifa.. sono statistiche

      Elimina
  18. ma dove? in serie C?

    Giocatori che hanno maggiormente aumentato il loro valore da settembre per il Cies

    1 Milinkovic-Savic da 29.8 a 70.5 mln di euro
    2 Alisson da 7.7 a 45.2
    3 Koulibaly da 43.6 a 76.2
    4 Icardi da 72.8 a 100.9
    5 Skriniar da 24.5 a 46.3
    6 Vecino da 24.5 a 45.5
    7 Bentancur da 16.4 a 36

    Sui primi 5 da dilettante concordo in pieno, sul sesto ho qualche dubbio, sul settimo torno a concordare (Betancur è un mio pallino da quando aveva 16 anni...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No luciano...in tutta la loro carriera. Asta fare una ricerca su transfrmarkt con i filtri come punta centrale

      Elimina
    2. E ripeto il mio è un discorso di tipologia di attaccante per la nostra tipologia di gioco...

      Elimina
    3. appunto, comprese le serie inferiori dove ha giocato spesso

      Elimina
    4. In serie a 38 partite 19 gol.
      1 ogni 2 icardi 1 ogni 1,75

      Ma ripeto queste sono statistiche.
      Il mio concetto é che per il noatro tipo di gioco un buon attaccante vale icardi.

      Elimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Chi mi spiega per quale ragione negli ultimi tre mesi i giocatori più decisivi in attacco sono stati Skriniar e Cancelo? Perisic cosa ha fatto per trasformarsi in Schelotto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perisic ha avuto un involuzione pazzesca

      Elimina
  21. Scheletro/Perisic:, Icardi/Eder. A quando un Skriniar /Ranocchia?

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Ma sì...fino alla fine del campionato, teniamo Icardi in panchina e facciamo giocare Eder prima punta, tanto la media realizzativa è simile... Bella idea, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Icardi è piu forte di eder. Giusto giochi icardi. Ma icardi non è l attaccante che puo migliorarci.

      Elimina
    2. Ma credo nessun attaccante al momento può migliorarci, ci son tanti giocatori non adatti. Son d'accordo che, data la situazione cinese, una "buona" vendita del capitano può migliorarci... ma l'avevo detto già qualche settimana fa. Però Fabio che il rendimento di Eder da prima punta, soprattutto all'Inter (sic), sia molto simile a quello di Icardi ma nemmeno se me lo dice Pagnoncelli ci credo

      Elimina
    3. Io penso che ad esempio dzeko, mertens o immobile ci migliorerebbero. E sto citando gente che ha nelle corde piu o meno i gol di icardi

      Elimina
  24. Lo ripeto per l ultima volta.
    Non ho detto che eder é meglio di icardi, semplicemebte perche non é cosi!
    Icardi é indubbiamente un giocatore migliore di eder.

    Io ho detto che la media realizzativa da prima punta é simile. Soprattutto all'inter.
    Non ho mai paragonato i due calciatori che sono totalmente diversi e di caratura differente. Ma a mio parere, e per i numeri, ad oggi avere uno o l altro davanti cambia poco , soprattutto per causa della squadra che c é dietro.

    Bierhoff era un grande attaccante, ma se non gli si mettevano i cross...era poco utile.
    Giocando palla basta anche un eder sarebbe stato alla pari.
    Idem per ronaldo, che se servito solo con palle alte sarebbe stato inutile.

    Questo é per icardi che in una squadra che non costruisce gioco adatto a lui... è meno utile di quanto potrebbe esserlo.

    Il discorso é capire cosa sia meglio per noi per costruire la prossima stagione e se il sacrificio di icardi é una mossa corretta o meno.
    Io penso sia la strada migliore e piu corretta per poterci permettere degli acquisti che migliorino la nostra squadra. É ovvio che se non avessimo bisogno di risorse economiche icardi andrebbe benissimo se si riuscisse a creare una squadra piu adatta a lui. Ma credo non sia possibile. E non essendo possibile meglio sostituire icardi con un attaccante Diverso anche se leggermente meno forte ad oggi (ma magari con maggiori margini di crescita) rouscendo a completare il fronte offensivo con giocatori migliori di candreva e perisic, con caratteristiche diverse.

    RispondiElimina
  25. Inter - A.P.I.A. Leichhardt 5-0

    Reti: 7' st. Odgaard (I), 19' Merola (I), 42' Rada (I), 46' Merola (I), 48' Corrado (I).

    RispondiElimina
  26. Icardi è un attaccante forte anzi fortissimo. Che non si leggo al resto della squadra è evidente. Il gioco che propone Spalletti secondo me non gli gioca : lui non è Milito che era un regista in attacco .

    RispondiElimina
  27. Su Perisic condivido in pieno che una panchina male non gli farebbe .. certo se come riserva avessimo qualcuno sarebbe stato più semplice

    RispondiElimina
  28. In tarda serata o in prima mattinata il post sulla partita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok Luciano! Se non in mattinata sul presto al massimo verso le 11-12 ce la faccio a pubblicarlo.

      Elimina
  29. Visto che diciamo si passa a parlare di Perisic mi piacerebbe (qualcuno si è già espresso nel merito ma se vuole approfondire ottimo) sapere un po’ quale sia la vostra idea sui problemi del giocatore in questo lungo momento. A parte che spero e penso ne parlerà anche Luciano nel suo post e dando per scontato che tutti lo consideriamo un giocatore importante... perché (nessuno ha la verità in tasca ma siamo qui per parlare di questo) questo calo di rendimento?

    RispondiElimina
  30. A pensar male sembra si stia risparmiando per il mondiale.. in un contrasto ieri non ha proprio messo il piede..in fase difensiva devo dire che è molto importante ma non ha più puntato l'uomo da Inter Chievo ..

    Una flessione ci sta ma son 4 mesi ormai..
    La Champions passa da lui e Icardi

    RispondiElimina
  31. Online il post di Luciano sulla partita!

    https://fratellidelmondo.blogspot.it/2018/03/il-successo-amaro-e-problematico-di.html

    RispondiElimina
  32. Ciao,
    Ho messo a vostra disposizione un prestito da 3.000 € a 900.000 € a condizioni molto semplici a un tasso di interesse del 2%. Faccio anche investimenti e prestiti tra individui di ogni tipo, offro crediti a breve, medio e lungo termine. Non sappiamo dei tuoi usi e i nostri trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della transazione. Per tutte le tue richieste fai proposte in relazione a tariffe e rate di pagamenti e sarò con il tuo aiuto. Infine per maggiore comprensione, contattami
    danielapetrucci07@gmail.com
    Grazie

    Ciao,
    Ho messo a vostra disposizione un prestito da 3.000 € a 900.000 € a condizioni molto semplici a un tasso di interesse del 2%. Faccio anche investimenti e prestiti tra individui di ogni tipo, offro crediti a breve, medio e lungo termine. Non sappiamo dei tuoi usi e i nostri trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della transazione. Per tutte le tue richieste fai proposte in relazione a tariffe e rate di pagamenti e sarò con il tuo aiuto. Infine per maggiore comprensione, contattami
    danielapetrucci07@gmail.com
    Grazie

    Ciao,
    Ho messo a vostra disposizione un prestito da 3.000 € a 900.000 € a condizioni molto semplici a un tasso di interesse del 2%. Faccio anche investimenti e prestiti tra individui di ogni tipo, offro crediti a breve, medio e lungo termine. Non sappiamo dei tuoi usi e i nostri trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della transazione. Per tutte le tue richieste fai proposte in relazione a tariffe e rate di pagamenti e sarò con il tuo aiuto. Infine per maggiore comprensione, contattami
    danielapetrucci07@gmail.com
    Grazie

    RispondiElimina

Printfriendly