domenica 17 dicembre 2017

Adesso bisogna essere umili e ritornare a usare la testa: Inter - Udinese 1-3

Nella foto (Getty Images): Ivan Perisic. Il nostro talentuoso giocatore non è stato sicuramente uno dei migliori nella partita giocata in casa contro l'Udinese, dove peraltro tutta la squadra ha offerto una prestazione al di sotto dei livelli cui ci aveva abituato, subendo così la prima sconfitta stagionale.

Penso che questa partita vada in qualche modo commentata al di là della prestazione, secondo quello che è un punto di vista più complessivo, considerando le reazioni che sono seguite e anche i sentimenti contrastanti tra la tifoseria e di cui certo non mi considero parte terza, facendo ammissione di non riuscire io per primo a interpretrare le mie sensazioni  in questo momento particolare.

Intanto la squadra era andata così bene finora che adesso che devo scrivere della prima sconfitta stagionale mi sento quasi prendere dal panico. Come dire:

‘Da dove cominciamo?’

Avevo scritto prima della partita che uno dei risvolti della gara contro il Pordenone era che ‘finalmente’ avevamo fatto una prestazione e un risultato negativo (nonostante il passaggio del turno) e che quindi per la prima volta avremmo ieri avuto modo di saggiare le capacità di reazione della squadra.

Su questa base di ragionamento e considerando il fatto che abbiamo perso tre a uno in casa contro l’Udinese e giocando un secondo tempo inguardabile, si direbbe che questo ‘test’ non è stato superato.

La squadra non solo non ha reagito ma nonostante la presenza in campo di tutti i titolari, dopo un primo tempo ricco di azioni da goal non finalizzate, è letteralmente crollata.

Troppo facile dire che sia stata colpa di Santon, protagonista in negativo nelle azioni dei primi due goal (va bene, ma la difesa sul primo goal è colpevole in blocco per quanto mi riguarda). Soprattutto se consideriamo che nel secondo tempo non solo i bianconeri erano sempre in anticipo su ogni pallone e correvano il doppio di noi, ma anche il fatto che noi abbiamo praticamente sbagliato tutto.

È difficile trovare qualcuno che meriti la piena sufficienza. Forse Miranda nonostante i tre goal subiti. Il solito D’Ambrosio. Forse Gagliardini ma comunque il suo ingresso non ha prodotto alcun miglioramento.

Candreva è stato bello a metà. Secondo me bene nel primo tempo (molto bello l’assist per la girata di Icardi) dopodiché non ne ha azzeccata una. Confermando peraltro di fare fatica a garantire per tutti e novanta minuti la stessa grande intensità.

Qualcuno ha parlato di stanchezza e effettivamente nel secondo tempo siamo sembrati pesanti sia nelle gambe che nella testa. Trovare le ragioni specifiche è difficile.

Sicuramente guardando alla storia del match e della ultima settimana, possiamo considerare questa sequenza di fatti riassunti in maniera schematica.

  1. Arriviamo carichi e nella migliore delle condizioni possibili alla partita di Torino contro la Juventus.
  2. Sfoderiamo allo Stadium una prestazione sicuramente gagliarda ottenendo un punto d’oro e giocando per lunghi tratti alla pari contro un avversario fortissimo.
  3. Arriva la partita di Coppa contro una squadra di Serie C, il Pordenone, che è chiaramente alla nostra portata.
  4. Luciano Spalletti non sottovaluta l’impegno ma ritiene giustamente di poterla vincere con le riserve.
  5. Emergono prepotentemente dei limiti strutturali della rosa e in particolare per quello che riguarda il settore offensivo.
  6. La partita si conclude ai calci di rigore dopo 120’ minuti di panico e di tensione.
  7. Veniamo intanto sorteggiati per il prossimo turno contro il Milan, una sfida che si giocherà tre giorni prima della importantissima gara di campionato contro la Lazio. Una partita che i tifosi hanno fatto chiaramente capire ieri di volere giocare al massimo delle potenzialità.
  8. Spalletti fa intelligentemente mea culpa per la partita col Pordenone e avere fatto ricorso a un turn-over eccessivo che ha chiaramente danneggiato la squadra e anche i singoli giocatori che sono andati in campo.
  9. Per la prima volta intanto parla di mercato: lo interpretiamo come un segnale di nervosismo? Al contempo infatti vengono espressi dei dubbi su quale sia il budget a disposizione per la prossima sessione di mercato.
  10. In casa contro l’Udinese cominciamo forte ma andiamo sotto uno a zero. Pareggiamo subito dimostrando grande forza. Nel primo tempo abbiamo diverse occasioni da goal e giochiamo a ritmi altissimi forse desiderosi di riscatto, ma probabilmente attaccando a testa bassa e senza usare troppo il cervello. In ogni caso il primo tempo finisce 1-1.
  11. Nella ripresa comanda l’Udinese che vince 3-1. La nostra prestazione è inguardabile. La squadra appare sconnessa e i giocatori stanchi e incapaci di reagire.
  12. Spalletti in conferenza stampa e in maniera ancora più decisa fa ancora capire che ci vogliono dei rinforzi.

La sconfitta con l’Udinese in sé non è un problema (anche se perdere tre punti in casa contro una 'piccola' pesa eccome nel conto finale...) e sicuramente non costituisce un dramma, soprattutto considerando che questa è la prima sconfitta stagionale, ma come abbiamo fatto in una settimana ad arrivare dal punto 1. a questa situazione?

Che abbiamo bisogno di rinforzi questo non lo scopriamo adesso: lo sapevamo dall’inizio del campionato e a prescindere dalle dichiarazioni di Spalletti in questi giorni. Così come chiaramente lo sapeva anche il mister che immagino non avesse bisogno di questi due risultati negativi per rendersene conto.

Ma questa ragione può essere diventata centrale e così rilevante adesso? Avere perso contro l’Udinese, dopo il pareggio contro il Pordenone, significa che si è rotto il giocattolo e che adesso siamo entrati in una di quelle crisi tipiche che abbiamo imparato a conoscere fin troppo bene?

Questa è chiaramente la nostra preoccupazione principale e un timore che non posso che condividere.

Spalletti ha tuttavia sempre escluso che questo possa succedere e che ce la giocheremo invece fino alla fine.

Secondo me alla luce della manifestazione delle sue convinzioni dobbiamo continuare a pensare che abbia ragione: deve essere così, altrimenti tutto il lavoro che abbiamo fatto finora non è servito a nulla. Altrimenti abbiamo finora avuto fiducia nel mister prendo un grosso abbaglio (può succedere, questo non significherebbe chiaramente che Spalletti sia una specie di 'ciarlatano'). Ma io non credo che sia così perché ho visto in campo dei valori importanti, che mi sembrano un fatto oggettivo e non una mia ‘illusione’.

Ma una settimana così tesa per mille ragioni è stata una prova troppo difficile anche per questo bel gruppo che da inizio campionato ha regalato tante soddisfazioni.

Una prova che probabilmente non è stata affrontata nel migliore dei modi, senza volere fare nessun processo, è evidente che si sarebbe sicuramente potuto fare di meglio, ma la gestione non è stata impeccabile sia da parte dell'allenatore che della squadra.

E in questo senso il richiamo al mercato di Luciano Spalletti possiamo solo interpretarlo come un allarme, come dire, ‘Guardate che di momenti tesi e difficili da adesso in poi ce ne saranno tanti altri.’

Ma non perché abbiamo perso: perché adesso invece il campionato entra nel vivo. Mancano solo due partite al giro di boa e nel girone di ritorno dovremo veramente dimostrare la nostra forza. Lo sappiamo che non avremmo potuto continuare per sempre a vincere tutte le partite (o al limite a pareggiarle). Così come conosciamo bene il valore delle nostre avversarie.

Evidentemente arrivare a fine corsa solo con questi giocatori non garantisce il risultato.

Il fatto che questa consapevolezza arrivi o comunque si manifesti ora in maniera prepotente alla luce della sequenza dei fatti sopra esposti, non è casuale. Del resto siamo a fine dicembre oramai...

Ma ora non possiamo sapere cosa ci aspetta a gennaio e per quello che riguarda la sessione di mercato. La mia idea è che qualche cosa sarà fatto, ma non posso e non riesco in nessun modo a fare previsione sulla portata degli investimenti in questa direzione. Probabilmente anche senza prendere dei 'campioni' (uso le virgolette perché quelli in ogni caso non arriveranno) se si opera in maniera intelligente, si possono comunque prendere un paio di pedine giuste per completare la squadra. Ma bisogna essere bravi.

Quello che so di certo è che da qui a gennaio ci separano tre partite che a questo punto sono tutte e tre molto importanti e difficili, a partire dalla prima contro il Sassuolo, perché se non vinci quella, la pressione sul gruppo aumenterà ulteriormente e in questo momento abbiamo bisogno di prendere una bella boccata d’aria fresca per non soffocare.

Non voglio essere catastrofista e apprezzo i tifosi che hanno sostenuto e applaudito la squadra nonostante la sconfitta. Mi richiamo e richiamo tutti i tifosi, sia quelli pù preoccupati e maggior ragione quelli che sottovalutano (a ragione dal loro punto di vista, perché ne hanno le ragioni) questo 'scivolone', a questa unità attorno alla squadra, una causa cui penso che il primo a doversi appellare in questo momento particolare sia proprio il mister. Che del resto ha finora protetto la squadra a oltranza.

Continui a farlo, perché la squadra ha bisogno soprattutto di lui, e se possibile parlando di mercato nelle sedi adatte perché mediaticamente ho il sospetto che questa cosa potremmo forse in qualche maniera pagarla sul piano della concentrazione nelle prossime gare. Ma questa è una mia idea. Sicuramente il mister sa molto meglio di me come funzioni la psicologia della squadra e di questo gruppo in particolare, che a questo punto sicuramente conosce benissimo, avendolo egli stesso formato.

È stata una settimana incredibile, in cui abbiamo toccato il punto più alto e poi siamo sprofondati. Diciamo che in qualche modo vada bene così: evidentemente avevano bisogno di una lezione. Però, ecco, facciamo che così può bastare. Quindi adesso è il momento di risalire la china e per farlo ci vorrà grande lavoro, umiltà e unità di intenti e bisognerà usare la testa e il cuore prima ancora che le gambe.

Evidentemente quelle consapevolezze acquisite finora sono state in qualche modo ingannevoli. Non sto dicendo di buttare tutto nella spazzatura, ma va bene, c’è stato uno stop, prendiamone atto e ricominciamo dalle cose semplici già dalla prossima partita e affrontiamo ogni partita come se fosse la più importante chiunque sia l’avversario, Juventus oppure Pordenone. Perché non possiamo evidentemente permetterci di fare altrimenti.

Forza ragazzi.

Emiliano D’Aniello

74 commenti:

  1. Da segnalare che Vecino, ammonito, ha raggiunto le cinque ammonizioni e salterà la prossima.

    RispondiElimina
  2. Ottimo post. Complimenti. Per quanto riguarda Vecino lo stop viene al momento giusto. Questo ragazzo ha bisogno di recuperare le energie.

    RispondiElimina
  3. Poi aggiungo io è inutile fare giri di parole: La rosa è troppo ristretta anche senza le coppe: facciamo un campionato con 38 partite, con CI e qualche turno infrasettimanale.
    A noi serve un uomo per reparto, soprattutto a cc l'innesto e' indispensabile. SUNING se ne faccia una ragione.

    RispondiElimina
  4. Il confronto fra la partita dell'Inter e quella della Roma dimostra in modo impietoso che il Var non ha cambiato nulla. Del resto come può uno strumento sanare il marciume?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha cambiato, poco forse, ma ha cambiato; per esempio dimostra "in modo impietoso", senza scuse del non aver visto. Bisogna vedere se questo disturba solo alcuni tifosi...

      Elimina
  5. Luciano è da qualche anno che la Roma è protetta. VAR e/o non VAR con questo sistema vincono sempre i soliti noti.

    RispondiElimina
  6. Vorrei sapere chi ha ordinato all'arbitro, dopo 5 minuti, di ritornare sulla sua decisione che aveva concesso la rimessa dal fondo. Se per l'arbitro la palla era uscita in quel momento il gioco era fermo. E' il primo rigore al mondo accordato per un fallo di mano a gioco fermo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora è errore tecnico. Se NESSUNO, dirigenza Inter in primis, ha nulla da obiettare, va bene così, a tutti... Il problema non sarebbe lamentarsi quando si subisce (o si ritiene di subire) un torto, quanto di migliorare le cose. Ma sembra proprio non importare nulla a nessuno. E non mi si dica che ci manderebbero in B (il business lo "sconsiglierebbe", il business conta, ormai e purtroppo, più di qualunque altra cosa) o che Suning dovrebbe temere le ritorsioni, economiche, di agnelli...quindi interessa solo noi e noi non contiamo. Nulla.

      Elimina
    2. Dipende però da quando l'arbitro ha fischiato ..

      Elimina
  7. Invece per i falli da rigore su Miranda e Icardi, qualcuno deve avergli orinato, sempre via telefono immagino, di non far intervenire il Var.

    RispondiElimina
  8. Intanto andatevi a riguardare la mancata espulsione di Borini rivista al Var in Verona Milan, l'arbitro incredibilmente ha solo ammonito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il precedente è lichtsteiner, ammonito. Andò bene allora, non protestò manco l'Atalanta (protestò, ma per motivi OPPOSTI, solo la juve), deve andar bene ora. Le cose dovrebbero seguire una logica,....

      Elimina
  9. Bessa, farà piacere a Luciano...

    RispondiElimina
  10. Molto piacere. però mi spiace per Kean

    Inter Cesena U16 4-0 (Buba 2 Seba Simic). Spettacolo Seba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se, contro il milan, sopporto pure kean. Per Bessa, come già per Puscas, è il primo in A.

      Elimina
  11. Ok ..però adesso non iniziamo con i piagnistei; bisogna reagire e farlo da grande squadra...e grande Società.
    Poi ,per il rigore,bisogna stabilire quando l'arbitro ha fischiato l'interruzione del gioco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha fischiato DOPO. Ma la rimessa dal fondo, per regolamento, non necessita del fischio, ovvero l'azione termina quando la palla (a giudizio, anche sbagliato, dell'arbitro) esce, non quando eventualmente fischia. Quindi se l'arbitro concede rimessa dal fondo, l'azione sarebbe terminata PRIMA del fallo di mano, avvenuto,per logica, a gioco fermo. Va detto che gli arbitri sostengono che l'utilizzo del VAR sia possibile nell'arco di una medesima azione senza soluzione di continuità, soluzione che verrebbe sancita dal "fischio" che interromperebbe la continuità. Siamo al limite dell'errore tecnico, ma se tutti tacciono, Inter compresa, forse sbagliamo noi...o, comunque, a tutti va bene così..tranne che a noi, che non abbiamo voce in capitolo.

      Elimina
  12. L'arbitro ha dato la rimessa dal fondo. Significa che per lui l'azione era finita prima del mani, visto che il mani è successo dopo

    RispondiElimina
  13. Ok abbiamo subito un danno contro ogni regola. Ora bando ai piagnistei.
    Speriamo di riprenderci subito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che a livello di "giustizia sostanziale" se, come sostengono, il pallone non fosse uscito, il rigore ci sta. A livello di "Giustizia formale" il danno potrebbe essere; è vero che, in campo giudiziario, la "forma" è "sostanza"...ognuno scelga la soluzione preferita. Per quanto mi riguarda zero piagnistei, ma anche zero "eccessi" di nobiltà, non è che noi si debba, SEMPRE, dimostrare il doppio...credo però che sarebbe GIUSTO, per il futuro e per migliorare le cose, chiarire questi dubbi.
      Riprendiamoci subito, vincendo la prossima.

      Elimina
  14. Oggi il sostituto di Handanovic ,dal campionato 2021/2022 , ha parato un rigore .

    RispondiElimina
  15. U16: Inter Cesena 3-0
    grande prestazioe dei nostri ragazzi che al termine del primo tempo vincevano per 3-0 e avevano fallito di un nulla numerose altre occasioni. Supremazia continuata anche se con meno ritmo nel secodo tempo e anche dopo la rotazione di quasi tutti gli uomini della panchina. Sul 4-0 l'unica loro occasione; per un rigore dato dopo un contatto risibile sulla linea di fondo.
    Io sono un grande tifoso di Stankovic, fin dagli esordienti ma quando sento certe celebrazioni palesemente azzardate, per reazione sostengo la necessità di essere prudenti.
    Meno prudente sarei sul futuro di Seba Esposito: non dirò mai che sarà il nostro futuro centravanti, ma dico che oggi è un calciatore con numeri tecnici agonistici e di personalità assolutamente eccezionali.
    La partita ha poca storia per la nostra indiscussa superiorità (neppure io sono mai stato in apprensione...) quindi passo direttamente alle pagelle sintetiche

    Filip: un paio di uscite alte e la bella intuizione sul rigore (per altro ero certo che l'avrebbe parato e l'ho detto, prima, agli amici che erano con me

    Guedegbe: insuperabile in fase difensiva, maestoso nella spinta
    Sottini: man mano che prende confidenza con il nuovo ruolo diventa sempre più dominatore
    Airoldi: prestazione pregevole per sicurezza e concretezza
    Di Marco: sotto lo sguardo del fratellone non ha mai problemi in marcatura, ma spinge forse un po' meno del solito

    Boscolo: è uno pronto per il salto di categoria
    Weiser: contro avversari abbordabili la sua tecnica rilevante emerge

    Barazzetta: lo prendono solo falciandolo
    Seba: Giocate semplicemente deliziose e allo stesso tempo incisive
    Simic: garra e intensità.

    Buba: quando vuole giocare non ce n'è per nessuno

    Tinazzi: entra nel corso del 2°t e fa bene
    Sangalli: solito prezioso lavoro in regia
    Verzeni: pochi minuti e qualche spunto interessante
    Oristanio: dopo la pausa per infortunio ritrova la forma e si rende pericolosissimo
    Cancello: fisico più robusto, dopo il lungo infortunio ha bisgno ancora di un po' di lavoro

    RispondiElimina
  16. Suicidio atalantino contro la Lazio...
    Peccato, una partita praticamente vinta con occasioni enormi sbagliate.
    Una vittoria con l'udinese ci avrebbe potuto portare ad un mini match point in casa con la lazio.
    Davvero peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A frittata fatta inutile recriminare, dobbiamo ripartire e vincere la prossima, per arrivare bene allo scontro diretto. Poi si vedrà, dove si riuscirà ad arrivare.

      Elimina
  17. Sembra....dico sembra, che per uscire e cedere il 30% delle azioni Inter ancora in suo possesso, Thohir chieda non meno di 200 milioni......c’’è altro da aggiungere?

    RispondiElimina
  18. Ciao a tutti
    Ripatiamo dalle nostre certezze e dal lavoro...dobbiamo dimostrare che è stato solo un episodio..
    Forza Ragazzi

    RispondiElimina
  19. direi che siamo bella posizione di classifica che ipotizzavamo a inizio anno (escludendo il flop milan).

    Verdi lo prenderei per capacità di saltare l'uomo e vivacità agonistica. bisogna vedere se poi reggerebbe la pressione e non si dimostri un Cerci.

    cristante al posto di brozo non sarebbe male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo vedresti bene sulla trequarti? Mi riferisco a Cristante.

      Elimina
    2. Cristante no grazie. Si rischia il gagliardini bis. Un giocatore sopravvalutato dall'essere nell'atalanta di gasperini

      Elimina
    3. Mkhitaryan sarebe un acquisto incredibile. Ovviamente non ci credo. Cristante non mi dispiace (ma a me non dispiace neppure Gagliardini, cui penso vada data fiducia e il tempo per acquistare autorità in mezzo... del resto con lui e vecino in mezzo più Borja non andiamo male).

      Elimina
    4. gagliardini mi sembra un ottimo giocatore. lo ritengo un ottimo acquisto.
      cristante potrebbe essere il tutto csmpista incursore alla Naingollan.

      mikhit. sarebbe ottimo, ovviamente (piùb di Pastore- che adoro per eleganza e fantasia).

      Elimina
    5. Io ho piena fiducia in Gagliardini.

      Elimina
  20. Mkhitaryan + Deulofeu sarebbe un mercato di primissima fascia. Pure sacrificando Joao Mario... che del resto oramai mi sembra ai margini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, e ci darebbe alternative di livello

      Elimina
  21. ....per capire che Cristante era in campo ieri sera, ho dovuto riguardarmi la formazione dell'Atalanta...#noGrazie ... sul resto niente piagnistei, non siamo una squadra da percorso netto, dispiace che l'abbiamo regalata con due erroracci inspiegabili....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spiegabili... Santon non ne è nuovo

      Elimina
    2. .... sul primo ha ricevuto ampia collaborazione dai compagni di reparto e da Borja Valero (scivolato davanti a Widmer...)..... il secondo resta imperdonabile e ci è costato almeno un punto...

      Elimina
    3. Sì, sono d'accordo. Primo goal tutta la difesa male. Sul secondo errore suo personale... Poi ci possono stare le considerazioni giuste di Luciano sull'arbitraggio... ma purtroppo dando il gioco come non fermo (come teoricamente disposto poi dopo dall'arbitro) l'errore ci sta.

      Elimina
  22. Concordo con Lou Cristante no grazie, abbiamo Vecino e Gaglia che sono simili, secondo me abbiamo bisogno di un Borja più giovane e più rapido se proprio, a mio modo di vedere il primo tempo di Udine è stato più che buono, io Brozo non lo avrei tolto come poi ha detto anche Spalletti con lui e borja a centrocampo la palla scorreva velove e con i tempi giusti con l'ingresso di Gaglia che secondo me sbaglia ancora troppi passaggi facili, abbiamo assistiti ad un abbassamento dei ritmi e ad un appiattimento generale, francamente sconsolato dalla prova di Eder da lui mi aspetterei un qualcosina di più nn può essere solo l'eterno 6 per l'impegno, concordo anche sul niente piagnistei io in tutto sincerità se mi avessero fischiato un rigore contro come quello nel derby non solo come l'avrei presa, il rigore di Santon putroppo, sempre secondo me, c'era

    RispondiElimina
  23. Purtroppo Santon ha questo difetto: è capace di errori tremendi in fase difensiva.
    E' migliorato molto sotto vari aspetti, ma questo problema sembra sia persistito.

    A questo punto mi sento relativamente più sicuro col soldatino Naga.

    A me piace primo non prenderle, poi se si riesce, buttarla dentro.

    RispondiElimina
  24. Però con Santon andiamoci piano con le critiche. Nel senso che finora non stava facendo male. Vorrei inoltre considerare il fatto che da sinistra ci hanno sempre 'bucato' chiunque abbia giocato in quella posizione, Nagatomo, Dalbert, Santon...

    Forse vanno valutate altre cose relativamente tutta la fase difensiva in quella zona del campo. Fermo restando che è evidente D'Ambrosio sia più bravo di questi giocatori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi dirò, Santon ha pure fatto una buonissima partita (ero allo stadio ed è stata un ottima presenza difensiva ed ha contribuito discretamente alla fase offensiva) il problema è che ha fatto due errori e mezzo madornali.

      Piuttosto dallo stadio si aveva una sensazione sia di stanchezza da parte di alcuni dei nostri, soprattutto Vecino. Ma poi di mancanza di circolazione della palla nel lato debole, soprattutto quando veniva impostata la manovra sul lato destro, infatti più volte sulla sinistra erano liberi Brozovic e Perisic che avrebbero potuto creare qualcosa ma la palla non è mai arrivata.

      Elimina
  25. da repubblica:

    Gli ultrà Juve in corteo: "Camicia nera trionferà"
    Verso lo stadio in formazione tra cori fascisti e saluto romano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, dai, come se alcuni gruppi della Nord non avessero derive di quel tipo.
      E' un problema diffuso in tutte le curve.
      purtroppo

      Elimina
    2. Se non mi sbaglio parte della curva Nord ha storicamente matrici fasciste mentre la sud milanista un retaggio comunista. Di sicuro il gemellaggio con gli ultras laziali ha una premessa di questo tipo. D'accordo con carlo comunque: ultras un espressione di malessere

      Elimina
    3. Guarda credo poco alla matrice politica, tranne rarissimi casi. Esiste una presenza di destra neofascista nelle curve, facilmente comprensibile visto gli "ideali" ed il "modus operandi", che si sposa facilmente con quelle formazioni politiche. Il resto è un luogo comune, il retaggio pseudo comunista della curva sud sta nelle "brigate rossonere", imitazioni ereditate dagli anni '70. In quegli anni, in curva, si costruirono slogan sulla tipologia di quelli politici, ma che nulla avevano di reale contatto. Faccio alcuni esempi, di tifoserie volutamente non "legate" a quella interista (così si evitano fraintendimenti o difese d'ufficio): Torino, "ultras granata prendi il fucile, derby uguale guerra civile", Firenze "nè dio nè stato nè servi nè padroni, ora e sempre Antognoni". Chiaro che, oltre all'assonanza, non vi sia NULLA, almeno fossero stati ironici...

      Elimina
    4. Grazie Amstaf per il chiarimento informato

      Elimina
  26. Comunque altri esterni di difesa no please. Quindi fiducia in Santon e Nagatomo. Finora hanno tenuto. Contro Pordenone e Udinese hanno fatto male tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non capisco perché alcuni dei messaggi che ho postato ultimamente il giorno dopo sono scomparsi.

      Elimina
    2. Ciao Daniele, sei sicuro di quello che scrivi? Non ho cancellato nessun commento francamente, di questo posso garantire al 100%. Ne vedo tre tuoi del 16/12 come commento al post precedente e poi nessun altro. Se vuoi puoi scrivermi a emilianodanie@gmail.com che ne parliamo privatamente e mi spieghi però ti posso garantire che non ho cancellato nessun commento né che lo abbia fatto qualcun altro (del resto nessuno avrebbe potuto farlo).

      Elimina
    3. Tra l'altro quando un commento viene cancellato resta comunque una specie di traccia e resta memoria nell'archivio ma non vedo niente. Però scrivimi che segnalo la cosa a chi gestire il sistema di blog di google. Inoltre se qualcun altro ha notato una cosa del genere me lo dica.

      Elimina
  27. Ciao, mercoledì al Breda quanto costa l'ingresso? Il biglietto si può fare sul momento giusto?

    RispondiElimina
  28. Interessante la domanda di Daniele
    Comunque ho inviato il post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho ricevuto la mail Luciano. Penso di poterlo editare più tardi e pubblicarlo già in serata.

      In che senso interessante la domanda di Daniele? È capitato anche a te di non ritrovare dei tuoi commenti dopo la pubblicazione?

      Elimina
  29. Ho già svelato l'arcano. ALcuni commenti sono stati (non so spiegarvi per quale ragione) considerati come SPAM automaticamente dal sistema. Ce ne sono anche di altri. È capitato anche ad altri utenti e a partire dalla data dell'11/12. Ora li ripristino tutti e vi chiedo scusa ma essendo uan cosa mai successa prima non ho mai pensato di controllare questa cosa. Da oggi in poi mi riprometto di controllare sempre anche quella sezione per evitare possa ripetersi e contatterò comunque l'assistenza. Ora li ripristino e poi li incollo tutti quanti comunque qui di seguito così che anche se altri hanno avuto questa 'esperienza' possano verificare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti non te ne faccio una colpa, ne ho mai pensato che fossi tu a toglierli.

      Elimina
    2. Sì sì, sono io che mi sento in colpa lo stesso in quanto 'responsabile' della gestione. :)

      Vi prego di segnalarmi in ogni caso eventuali anomalie. Fatelo direttamente qui tra i commenti, poi magari istituirò un indirizzo e-mail appositamente per il blog. Prima o poi varrà la pena farlo, appena ho un po' di tempo lo faccio e lo metto nella sezione about.

      Elimina
  30. Ma si sa se domani gioca pinamonti?? Per me sarebbe l'unico motivo di vedere la partita :D su Inverno finito, ma per l’estate manca ancora qualcosa: Juventus - Inter 0-0

    tankian

    il giorno 11/12/17

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uoi dare giudizi anche su questa partita? Giocata sui nervi, siamo passati al prossimo round e per come si era messa il resto non conta. Sarà molto più utile in prospettiva questa gara che una vittoria facile....troppo entusiasmo dopo il primato. su Giovanili Inter: non è un momento entusiasmante (ma c'è spazio per recuperare)2 risposte.

      Daniele

      il giorno 12/12/17

      Elimina
    2. Davvero mi trovo d'accordo. Sono anni che ci manca, persino a livello di primavera, un giocatore di questo genere su Giovanili Inter: non è un momento entusiasmante (ma c'è spazio per recuperare)

      in risposta a Chiesa sarebbe un ottimo calciatore, ma non è quello che serve a noi. Ha velocità e dribbling in ampi spazi, alla perisic (oltre ad altre doti) ma gli manca la qualità di assist filtranti e il dribbling secco in spazi stretti. A noi serve quel tipo di giocatore per avere alternative diverse soprattutto in spazi chiusi, come ieri. Un suso/messi/deloufeu., da fabio frigiola.


      sergio

      il giorno 13/12/17

      Elimina
    3. Il 6 febbraio alle ore 16 a San Siro Inter contro Spartak Mosca, spareggio di Youth League. su Dalla lezione di calcio alla lezione del calcio: Inter - Pordenone 5-4 (d.c.r.)

      Riccardo Anelli

      il giorno 13/12/17

      Elimina
    4. 6 febbraio alle ore 16 a San Siro Inter contro Spartak Mosca, spareggio di Youth League su Dalla lezione di calcio alla lezione del calcio: Inter - Pordenone 5-4 (d.c.r.)

      Riccardo Anelli

      il giorno 13/12/17

      Elimina
    5. Stranissimo. Impegnato in un funerale, ho visto solamente l'ultima mezz'ora del primo tempo in un bar accanto alla chiesa e ho pensato che poche volte l'Inter avesse giocato così bene: continue azioni arrembanti, strapotere fisico con la palla immediatamente sottratta ai giocatori dell'Udinese ecc. Poi vedo il risultato finale... e non capisco. su Verso Inter - Udinese: non mollare mai

      rinaieskj

      il giorno 16/12/17

      Elimina
    6. Sembra....dico sembra, che per uscire e cedere il 30% delle azioni Inter ancora in suo possesso, Thohir chieda non meno di 200 milioni......c’’è altro da aggiungere? su Adesso bisogna essere umili e ritornare a usare la testa: Inter - Udinese 1-3

      Daniele

      il giorno 17/12/17

      Elimina
    7. Concordo con Lou Cristante no grazie, abbiamo Vecino e Gaglia che sono simili, secondo me abbiamo bisogno di un Borja più giovane e più rapido se proprio, a mio modo di vedere il primo tempo di Udine è stato più che buono, io Brozo non lo avrei tolto come poi ha detto anche Spalletti con lui e borja a centrocampo la palla scorreva velove e con i tempi giusti con l'ingresso di Gaglia che secondo me sbaglia ancora troppi passaggi facili, abbiamo assistiti ad un abbassamento dei ritmi e ad un appiattimento generale, francamente sconsolato dalla prova di Eder da lui mi aspetterei un qualcosina di più nn può essere solo l'eterno 6 per l'impegno, concordo anche sul niente piagnistei io in tutto sincerità se mi avessero fischiato un rigore contro come quello nel derby non solo come l'avrei presa, il rigore di Santon putroppo, sempre secondo me, c'era su Adesso bisogna essere umili e ritornare a usare la testa: Inter - Udinese 1-3

      claudio

      alle 11.30

      Elimina
    8. Ciao, mercoledì al Breda quanto costa l'ingresso? Il biglietto si può fare sul momento giusto? su Adesso bisogna essere umili e ritornare a usare la testa: Inter - Udinese 1-3

      martin

      alle 15.23

      Elimina
  31. Questi sono tutti i messaggi che erano stati classificati come spam e che ho ripristinato. Mi scuso con tutti gli utenti ma non ho alcuna responsabilità e non so perché il sistema abbia agito così. Controllerò la cosa regolarmente. Segnalatemi comunque ogni anomalia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poiché ci tengo tantissimo alla trasparenza, qui una schermata dalla sezione di gestione del blog dove potete vedere chiaramente che situazione si era venuta a creare: https://1drv.ms/i/s!AsXrU-mcd2_Ll2r2mko0SfAU5kk1

      Il link chiaramente è sicuro, ho caricato lo stamp sul mio onedrive e potete scaricarlo al link indicato.

      Elimina
    2. Ripeto, mai avuto dubbi sulla tua trasparenza.

      Elimina
    3. Eheh va bene. Scusami per la precisione. :)

      E grazie ancora per la segnalazione. Altrimenti non avrei mai stanato questo errore dello spam. Scriverò con calma all'assistenza poi.

      Elimina
    4. Ciao Emiliano. Il mio msg che hai recuperato dallo spam in realtà era stato pubblicato, tant'è che Fabio lo aveva commentato. La situazione si complica... serve il var!!!

      Elimina
    5. Ahahahah... giuro che sono imparziale e non corrotto dalle forze del male juventine!

      Elimina
  32. Online il post di Luciano: https://fratellidelmondo.blogspot.it/2017/12/lora-la-settimana-della-verita-inter.html

    RispondiElimina

Printfriendly